Organizzare i pasti dei bambini garantendo un'alimentazione sana ed equilibrata quando, come in questi giorni di emergenza, le scuole e le mense sono chiuse, non è un'impresa semplice. Come riorganizzare la casa e il menù settimanale evitando sprechi e preparando piatti sfiziosi, dividendosi tra lavoro e fornelli?

In questo periodo in cui il consiglio è quello di non uscire, abbiamo la possibilità di passare tanto tempo in casa: perché non sfruttarlo allora per imparare un corretto stile alimentare e perchè no, giocare con i bambini in cucina. Ci sono delle piccole e semplici regole che possiamo seguire per organizzare al meglio i pasti dei più piccini ed evitare di lasciarci andare troppo con merendine e snack.

1. Fare 5 pasti al giorno

La prima regola per organizzare al meglio l'alimentazione dei più piccoli è abituarli a consumare 5 pasti al giorno e a farlo con regolarità. Colazione, pranzo, cena e due spuntini: non meno, non più.

  • Colazione: il pasto più importante di tutti, quello in cui facciamo il carico energetico per affrontare la giornata. L'idea migliore è preparare un ciambellone fatto in casa o un soffice plumcake: preparazioni genuine che possono essere conservate anche per 3/4 giorni e che permettono ai vostri piccoli di nutrirsi nel modo giusto.
colazione equilibrata: 5 idee per fare un primo pasto da campioni
  • Merende: una a metà mattina e una nel pomeriggio. La scelta migliore è un frutto che però, si sa, non sempre piace ai più piccoli: per ovviare a questo problema potete preparare un frullato oppure dei deliziosi ghiaccioli di frutta, sempre meglio se di stagione.
  • Pranzo: chi dice Italia, dice pasta e in questo caso le ricette sono praticamente infinite. Se avete poco tempo, perché non preparare la sera prima un primo al forno, una lasagna o un pasticcio che vi basterà scaldare per qualche minuto; un'ottima alternativa è una pasta fredda che potrete conservare anche per due giorni in frigo.
  • Cena: un secondo piatto a base di carne o pesce e tanta, tanta verdura. Se i vostri piccoli non amano broccoli e spinaci, potete preparare delle polpette oppure un contorno al forno.

2. Organizzare bene la spesa

Per organizzare i pasti della famiglia e in particolare dei bambini, occorre fare molta attenzione alla spesa così da organizzare in modo intelligente il menù per tutta la settimana. Se possiamo fare la spesa una volta alla settimana ad esempio, dovremmo aver ben chiaro come distribuire nell'arco dei sette giorni il cibo che compriamo:

  • Scegliete quanto più possibile frutta e verdura di stagione, in questo periodo meglio acquistare: mele, pere, arance e kiwi; cavoli, broccoli, radicchio, carote, spinaci, patate, carciofi e zucca.
  • Legumi, meglio se secchi, per preparare almeno due volte alla settima delle zuppe o degli hamburger vegetali.
  • Le proteine animali sono molto importanti e non devono mai mancare nell'alimentazione dei più piccoli: carne e pesce due volte alla settimana, formaggi a pasta dura (si conservano per più tempo) e uova per preparare frittate golose, pronte anche all'ultimo minuto.
  • Quando fate la spesa, controllate sempre la data di scadenza indicata sui prodotti e sistemateli in dispensa in modo tale da consumare prima gli alimenti la cui scandenza è più vicina.

3. Conservare e riciclare

In cucina l'organizzazione è tutto e conservare nel modo giusto il cibo, cotto o crudo, è una regola fondamentale per non sprecare e averlo sempre a portata di mano. Se avete un pò di spazio nel congelatore e un pomeriggio libero, potete preparare dei polpettoni o dei gateau di patate da congelare e riprendere al momento del bisogno. Le verdure meglio congelarle crude oppure appena scottate, in questo modo potrete metterle direttamente in padella senza aspettare che scongelino.

Questione avanzi: la regola è che non si butta via niente, mai. Le ricette svuotafrigo per riutilizzare gli avanzi sono praticamente infinite: frittate di ogni tipo, torte e plumcake salati ma anche muffin e pasticci, tutto pur di non sprecare il cibo e dilettarsi in cucina in questo periodo di emergenza.

4. Qualche eccezione golosa

Ogni regola deve avere delle eccezioni e in questi giorni di emergenza cedere a qualche confort food dovrebbe essere concesso a tutti. Per non esagerare con le schifezze ma far contenti i più piccoli, potete scegliere un giorno della settimana in cui "sgarrare": se non potete chiamare la pizzeria di fiducia per una consegna a domicilio o qualcuno in famiglia ha voglia di una porzione di patatine fritte da ricoprire di maionese, potete preparare tutto questo in casa. Un'alimentazione corretta prevede piatti sani ed equilibrati ma qualche piccola eccezione può aiutare l'umore e rendere il tempo in casa decisamente migliore per i più piccoli della famiglia. Non vi resta che scegliere: pizza, hamburger, crocchè e chi più ne ha più ne metta.

5. Cucinare insieme

Questi giorni di emergenza ci "costringono" in casa e dobbiamo cercare ogni modo possibile per non annoiarci: perché non sfruttare questo tempo per insegnare ai vostri piccoli come mangiare nel modo corretto, cucinando con loro? Mangiare nel modo giusto è più semplice se si entra a contatto con il cibo e si impara a trasformarlo in cucina: biscotti, pane fatto in casa, polpette e ciambelloni, avete solo l'imbarazzo della scelta e probabilmente una cucina da pulire a breve.