ingredienti
  • Spaghetti 360 gr • 365 kcal
  • Tuorli 4 grandi • 63 kcal
  • Pecorino romano grattugiato 50 gr • 365 kcal
  • Guanciale 150 gr • 655 kcal
  • Sale fino q.b. • 21 kcal
  • Pepe nero in polvere q.b. • 79 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Gli spaghetti alla carbonara sono un primo piatto di pasta tipico del Lazio a base di uova, guanciale e pecorino romano. La ricetta tradizionale della carbonara ha origini incerte: secondo alcuni sarebbe nata in una trattoria di Vicolo della Scrofa a Roma. Nel 1944, alcuni soldati americani misero a disposizione di un cuoco romano uova, bacon e formaggio per creare un piatto di pasta e il risultato fu la prima versione della carbonara. Secondo altre fonti, sarebbe nata dai Carbonari sugli Appennini e il suo nome sarebbe collegato alla presenza di pepe nero macinato che, aggiunto in grosse quantità, renderebbe la pasta scura come il carbone.

La ricetta degli spaghetti alla carbonara si è evoluta e, oggi, viene preparata con pochi e semplici ingredienti in pochissimi minuti: tuorli, guanciale, pecorino, sale e pepe. Provate a confrontarla con altre due ricette della tradizione gastronomica romana come gli spaghetti all'amatriciana e gli spaghetti cacio e pepe.

Come preparare gli spaghetti alla carbonara

Fate rosolare in padella a fuoco medio il guanciale tagliato a cubetti o a listarelle per circa 8-10 minuti. Nel frattempo cuocete gli spaghetti in abbondante acqua bollente e salata e cuoceteli seguendo le indicazioni di cottura. Versate i tuorli in una ciotola, aggiungete il pecorino, il pepe nero.

Amalgamate il tutto con una frusta a mano, aggiungendo un mestolo di acqua di cottura. Scolate gli spaghetti al dente e versateli nella padella con il guanciale per insaporirli. Togliete dal fuoco e versateci sopra la cremina di uova e pecorino, amalgamando il tutto. Servite subito con una spolverata di pepe nero macinato. I vostri spaghetti alla carbonara sono pronti per essere gustati.

Consigli

Per la buona riuscita della carbonara è importante versare l'uovo sulla pasta a fuoco spento, in quanto non deve cuocersi, ma rapprendersi, creando una sorta di cremina che si legherà alla pasta.

Aggiungete l'acqua di cottura poco alla volta e mescolate fino a rendere la pietanza cremosa.

Se preferite una consistenza più corposa, potete anche aggiungere un uovo intero.

Nella nostra ricetta abbiamo realizzato la preparazione classica con tuorli, pecorino e guanciale, ma esitono anche delle varianti nelle quali si utilizzano le uova intere, solitamente una a testa, la pancetta dolce al posto del guanciale e e il parmigiano al posto del pecorino.

Riguardo al formato di pasta, gli spaghetti sono quelli più utilizzati, ma la carbonara può essere preparata anche con la pasta corta, soprattutto rigatoni e mezze maniche, che aiutano a catturare bene il guanciale.

Il vino da abbinare agli spaghetti alla carbonara è un Verdicchio Classico Superiore, un vino bianco strutturato dei Castelli, oppure un vino rosato per esaltare il gusto della pasta.