ricetta

Gnocchi di zucca alla romana: la ricetta del celebre primo in versione autunnale

Preparazione: 60 Min
Cottura: 50 Min
Riposo: 1 ora
Difficoltà: Facile
Dosi per: 4 persone
A cura di Raffaella Caucci
9
Immagine
ingredienti
zucca già pulita
350 gr
Semolino
250 gr
Parmigiano grattugiato
50 gr
Burro
50 gr
Latte
1 lt
uovo
1
Noce moscata
q.b.
Sale
q.b.
pepe
q.b.
ti servono inoltre
Rosmarino
1 rametto
Parmigiano grattugiato
q.b.
granella di nocciole tostate
q.b.
Burro
q.b.

Gli gnocchi di zucca alla romana sono la variante autunnale, aromatica e molto gustosa, del grande classico della cucina laziale. Si preparano alla maniera tradizionale con un impasto a base di semolino, latte, burro, uova, parmigiano, pepe e noce moscata, cui verrà incorporata la zucca, cotta al vapore e ridotta in purea.

Una volta modellati con l’aiuto di un coppapasta tanti dischetti da 6 cm di diametro, questi verranno disposti in una pirofila, cosparsi con altro burro, formaggio grattugiato e granella di nocciole, e fatti gratinare in forno a 180 °C per poco meno di mezz’ora. Otterrai così un primo saporito e filante, con una leggera nota croccante, ideale da portare in tavola per il pranzo della domenica, una ricorrenza speciale o una cena tra amici.

Per formare una golosa crosticina in superficie ricordati di ultimare la cottura sotto il grill del forno. Se desideri, per una resa più ricca e cremosa, puoi aggiungere qualche fiocchetto di gorgonzola dolce e dei funghi trifolati, sostituire il parmigiano grattugiato con il pecorino, oppure velare gli gnocchi con una besciamella vellutata e del prosciutto cotto a dadini.

Non dimenticare di stendere l’impasto in una teglia a 2 cm di spessore, e di lasciarlo raffreddare completamente prima di iniziare a formare i medaglioni: in questo modo si ritaglieranno alla perfezione e il risultato finale sarà impeccabile.

Per questa ricetta prediligi una zucca della varietà Mantovana o Delica: con polpa dolce, soda e compatta, si presta perfettamente a essere impiegata per la preparazione di risotti, paste ripiene, vellutate, focacce e golosi dessert.

Scopri come preparare gli gnocchi di zucca alla romana seguendo passo passo procedimento e consigli.

Come preparare gli gnocchi di zucca alla romana

Taglia la zucca a cubetti e raccoglili in un cestello per la cottura al vapore, rivestito con carta forno 1; quindi sistemalo su una pentola con acqua fredda, e lascia cuocere per 20 minuti a partire dal bollore.

Una volta cotti, passa i cubetti di zucca a uno schiacciapatate e raccogli la purea ottenuta in una ciotola 2. Tieni da parte e lascia raffreddare.

In una pentola capiente porta a bollore il latte con un pizzico di sale, quindi aggiungi  a pioggia il semolino 3  e mescola energicamente con una frusta fino ad addensamento.

A questo punto togli dal fuoco e aggiungi il parmigiano grattugiato e il burro 4, sempre continuando a mescolare.

Incorpora la purea di zucca ormai fredda e l'uovo, profuma con una grattugiata di noce moscata e mescola accuratamente 5 con un mestolo di legno.

Distribuisci l'impasto a 2 cm di spessore all'interno di una teglia rivestita con carta forno, livella la superficie con il dorso di un mestolo di legno 6 e lascia raffreddare completamente.

Una volta freddo, ritaglia l'impasto con un coppapasta 7 da 6 cm di diametro e ricava tanti medaglioni.

Sistema gli gnocchi ottenuti, uno accanto all'altro 8 e sovrapponendoli leggermente, in una pirofila ben imburrata; quindi velali con qualche fiocchetto di burro a pomata.

Cospargi con una manciata generosa di parmigiano grattugiato 9 e profuma con una macinata di pepe.

Spolverizza con la granella di nocciole 10 e metti in forno già caldo a 180 °C per circa 25 minuti, ultimando la cottura in modalità grill.

Una volta cotti, sforna gli gnocchi, spolverizzali con qualche aghetto di rosmarino 11, porta in tavola e servi.

Conservazione

Gli gnocchi di zucca alla romana si conservano in frigo, in un contenitore ermetico, per 2 giorni massimo.

9
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Primi piatti
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
9