ricetta

Dolci di Pasqua: 15 ricette della tradizione italiana

A cura di Emanuela Bianconi
110
Immagine

Qualunque pranzo di Pasqua, degno di tale nome, non può che concludersi con un dolce tipico della tradizione, regionale o anche solo familiare. L’excursus gastronomico, tra le tante, irresistibile ghiottonerie, inizia citando lei, la colomba. Soffice, delicata e leggera, è l'emblema di questa festività. “Cugina carnale” del panettone, viene realizzata per la prima volta intorno al 1930, negli stessi stabilimenti in cui una nota azienda milanese produceva il celebre lievitato a forma di cupola. L'impasto, piuttosto simile, si differenzia per una maggiore quantità di uova e burro, e per l’aggiunta della scorza di arancia candita (che sostituisce totalmente l’uvetta), per un risultato finale fragrante e profumatissimo.

Puoi acquistare una colomba artigianale, avendo l'accortezza di selezionare un prodotto realizzato con ottime materie prime, ma, se desideri cimentarti con la sua produzione casalinga, realizza la nostra versione con lievito di birra: golosa e dalla mollica morbida e ben alveolata, conquisterà amici e parenti al primo morso. Se dovesse avanzarne qualche fettina, poi, trasformala in uno zuccotto o in un tiramisù sfizioso: due idee originali e anche anti-spreco, perfette per riciclare qualche porzione avanzata.

Simbolo di vita e di rinascita per antonomasia, l’uovo, nella sua versione più ghiotta, ovvero al cioccolato, è un altro protagonista indiscusso delle feste pasquali. Senza di lui non si fa sul serio. Lo scambio dell'uovo di cioccolato, in realtà, è una consuetudine piuttosto recente, mentre il dono di quelle di gallina, decorate a mano, affonda le sue radici nella storia più antica. Per le grandi civiltà pagane, infatti, rappresentava il risveglio della natura: offrire uova era considerato di buon auspicio per la fertilità dei terreni.

L’usanza di nascondere all’interno un piccolo dono, invece, si deve all’orafo Peter Carl Fabergé che realizzò, alla fine dell’Ottocento in Russia, una sorta di uovo-matrioska (contenente a sua volta un uovo d’oro con due doni), regalo di compleanno che lo zar Alessandro III fece alla figlia. Un omaggio, siamo certi altrettanto gradito, sarà un goloso uovo di cioccolato fatto in casa. Se pensi di non esserne capace, basterà seguire passo passo la nostra ricetta: con e senza stampo, è adatta anche a chi è alle prime armi in cucina.

Tipica della tradizione pasquale campana, ma amata e diffusa in tutto il Belpaese, la pastiera è una delizia che non può mancare sulla tavola di festa: un guscio di fragrante pasta frolla accoglie al suo interno un ripieno cremoso e profumato a base di ricotta e grano cotto, arricchito da uova, zucchero, latte, aroma di fiori d'arancio e canditi. Viene guarnita in superficie con strisce di pasta frolla, rigorosamente sette secondo la consuetudine, e poi cotta in forno fino a leggera doratura.

Preparala almeno un paio di giorni prima, per consentire ai sapori di fondersi perfettamente e alla consistenza di diventare leggermente umida, e gustala a fine pasto, in compagnia di amici e parenti. La sua esecuzione è un vero e proprio rito, fatto di gesti sapienti e segreti custoditi gelosamente, tramandati di generazione in generazione. Ogni famiglia ha la sua ricetta originale, ovviamente la migliore: c’è chi preferisce il ripieno più cremoso e quindi lo frulla, chi invece vuole sentire i chicchi di grano cotto sotto i denti, chi usa esclusivamente ricotta di pecora e chi ne sostituisce una parte con quella vaccina. E potremo continuare all'infinito, tante sono le sue varianti. Se vuoi sorprendere i tuoi ospiti, puoi provare anche quella al cioccolato, di riso o anche l’inedita versione salata.

Restiamo in Campania per parlare di un’altra specialità tipica del periodo: il casatiello dolce, anche conosciuto come pigna di Pasqua, crescia o schiacciata. Preparato tradizionalmente con lievito madre, e caratterizzato da tempi di lievitazione piuttosto lunghi, è una sorta di panettone straordinariamente profumato e soffice, arricchito talvolta da canditi e uvetta, quindi decorato con glassa bianca, confettini colorati e zuccherini. Per venire incontro ai meno esperti, ma anche a chi ha poco tempo da dedicare alla cucina, eccone una versione super fast realizzata con lievito in polvere. Dal risultato finale altrettanto strepitoso, può essere gustata a colazione o a merenda, insieme a una tazza di tè caldo.

Immancabile per la colazione di festa, da accompagnare a ingredienti sia dolci sia salati, la pizza di Pasqua dolce è una prelibatezza tipica del centro Italia. Ogni regione, località e addirittura famiglia ha la sua personalissima versione e il suo segreto mix di aromi e spezie. La ricetta base si realizza con farina, uova, zucchero, lievito di birra, strutto o burro, cannella e scorza di agrumi, ma sono tante le varianti: nella Tuscia viterbese, ad esempio, l’impasto viene profumato con semi di anice, liquore, noce moscata e aromi di mandorla e vaniglia.

La ciaramicola, invece, è un vero e proprio omaggio a Perugia. Dolce tradizionale del capoluogo umbro, si tratta di una ciambella dall’impasto colorato – grazie all’aggiunta di alchermes che le conferisce la caratteristica nuance rosa –, poi ricoperta da meringa (o glassa bianca) e cosparsa di confettini gialli, azzurri e verdi. Rosso e bianco sono i colori della città perugina, mentre quelli dei confettini richiamano le sfumature del frumento maturo, dei pascoli e delle acque del vicino lago Trasimeno. Al suo interno, inoltre, è possibile realizzare una croce e aggiungere cinque protuberanze che rappresentano i rioni della città. Perugini e non, provate a farla e non ve ne pentirete.

Scendiamo un bel po’ più a sud e arriviamo in Calabria: qui troviamo la cuzzupa di Pasqua, un prodotto da forno che, a seconda della zona, può cambiare nome (è conosciuto anche come sguta, anguta o cuddurace), forma e leggermente anche impasto. Ma la sostanza non cambia: morbido, fragrante e dal sapore lievemente dolce, viene decorato con un uovo sodo al centro, come simbolo di rinascita e prosperità. Consuetudine vuole che la cuzzupa venga servita durante la colazione di festa o gustata durante il picnic del Lunedì dell’Angelo, accompagnata a formaggi locali e soppressata. Sempre secondo gli usi locali, ne andrebbe preparata una per ciascun componente della famiglia.

Simile nella forma alla cuzzupa calabrese o alla scarciella pugliese, la cuddura è il tipico dolce siciliano che non può proprio mancare nel menu di Pasqua. Realizzata con un impasto di morbida pasta frolla, aromatizzata con scorza di agrumi, viene confezionata in diverse forme: circolare, come nella nostra ricetta, oppure a forma di campanile, cestino, galletto, colomba, cuore o bambola. Incastonato al centro, il simbolo pasquale per eccellenza: l’uovo sodo, bianco oppure colorato. Di origine contadina, fu considerata a lungo il dolce dei poveri, successivamente rivalutata per la facile esecuzione e l'incontestabile bontà.

Concludiamo in bellezza con uno dei dessert più rappresentativi della pasticceria siciliana: sua maestà la cassata. Ricca, sontuosa e unica nel suo genere, si compone di una base di pan di Spagna e di una farcia di ricotta, cioccolato, canditi e liquore; può essere decorata con zucchero colorato, pasta di mandorle oppure – come suggerito nel Libro d’oro della cucina e dei vini di Sicilia di Pino Correnti – “con glassa verde al pistacchio per poi essere adornata, come tradizione vuole, da frutta candita, zuccata a strisce lunghe e sottili incurvate, ingenue roselline d’ostia, grani di cioccolato argentati, scorzette d’arancia nel magniloquente stile a curve che prima d’esser barocco fu siciliano”. Qualunque sia la versione eseguita, la cassata rimane, di fatto, una delizia irrinunciabile.

1. Colomba: la ricetta del lievitato pasquale con lievito di birra
Colomba pasquale

La colomba è un grande lievitato tipico della tradizione italiana, che si prepara durante le festività pasquali. Si tratta di un dolce nato i primi del ‘900 a Milano, caratterizzato da un impasto simile a quello del panettone a cui si aggiunge una glassatura finale ricca di mandorle. Tecnicamente complessa e difficile da realizzare in ambito domestico, la ricetta della colomba classica prevede un doppio impasto e l'impiego del lievito madre e di soli tuorli. Qui trovi la nostra ricetta con lievito di birra e uova intere, per rendere accessibile a tutti la riproduzione casalinga.

Leggi tutta la ricetta
2. Uovo al cioccolato fondente: la ricetta perfetta per prepararlo a casa
Immagine

L'uovo di Pasqua al cioccolato fondente è la preparazione ideale per chi preferisce il nero fondente, e il suo gusto quasi amarognolo. Realizzare delle uova di Pasqua fatte in casa non è un'impresa impossibile: basta solo stare attenti alla fase di temperaggio, la tecnica che permette al cioccolato di passare dallo stato solido a quello liquido, così da essere lavorato per tornare nuovamente solido come prima. I bambini solitamente preferiscono l'uovo al cioccolato al latte, ma in questa ricetta lo prepareremo con cioccolato fondente extra. Per l'ottima riuscita finale, sarà importante eseguire i passaggi alla perfezione per ottenere un uovo al cioccolato lucido e goloso, senza dimenticare la sorpresa da aggiungere all'interno, prima di chiuderlo. Ecco come prepararlo.

Leggi tutta la ricetta
3. Pastiera napoletana: la ricetta tradizionale del dolce di Pasqua
Pastiera

La pastiera è un dolce tipico della tradizione pasquale campana, in particolare di Napoli e dintorni. Viene preparata con un guscio fragrante di pasta frolla e un ripieno cremoso e profumato a base di ricotta e grano cotto, arricchito da uova, zucchero, latte, aroma di fiori d'arancio e canditi. Viene guarnita in superficie con delle strisce di pasta frolla, che secondo la consuetudine devono essere rigorosamente sette, e poi cotta in forno fino a leggera doratura, per un risultato finale fragrante e irresistibile.

Leggi tutta la ricetta
4. Pastiera di riso: la ricetta della golosa variante del dolce napoletano di Pasqua
Pastiera di riso

La pastiera di riso è una golosa variante della tradizionale pastiera napoletana di Pasqua, preparata con un ripieno a base di riso invece che di grano. Dolce tipico campano, in particolare della zona del Sannio, è perfetto per qualunque occasione, non solo sulla tavola pasquale, ma anche come merenda o colazione per grandi e piccini. La base di pasta frolla racchiude un ripieno cremoso a base di ricotta, riso, zucchero, uova e latte, oltre agli immancabili aromi di fiori d'arancio e limone.

Leggi tutta la ricetta
5. Mini pastiere: la ricetta della versione monoporzione del dolce classico di Pasqua
Mini pastiere

Le mini pastiere sono la versione monoporzione della classica pastiera napoletana, dolce simbolo della tradizione pasquale. Sono delle piccole crostatine realizzate con un guscio di pasta frolla e un ripieno di crema di ricotta e grano. Perfette per un buffet di festa o come goloso fine pasto da servire sulla tavola di Pasqua, questi deliziosi dolcetti in formato mignon sono molto scenografici e anche un'ottima idea regalo.

Leggi tutta la ricetta
6. Pastiera di pasta dolce: la ricetta semplice e originale da provare per Pasqua
Ricetta della pastiera di pasta

La pastiera di pasta dolce è una variante della tradizionale pastiera napoletana. La sua origine è campana come per la pastiera classica, ma a differenza di questa ha una preparazione molto semplice e veloce. In pochi passaggi, porterete in tavola una preparazione originale e golosa, adatta alla Pasqua, ma anche a una domenica in famiglia. Ecco come prepararla alla perfezione.

Leggi tutta la ricetta
7. Casatiello dolce: la ricetta della ciambella glassata soffice e fragrante
Immagine

Il casatiello dolce, o anche pigna di pasqua, crescia o schiacciata, è un dolce tipico delle festività pasquali, molto conosciuto in Campania, dove accompagna l'amata pastiera sulle tavolate dei giorni di festa. Cambia il nome, talvolta la forma e qualche ingrediente, ma la sostanza decisamente no: resta il fatto che è una delizia dal gusto semplice e mai stucchevole, che si conserva soffice per più giorni. Cotta nello stampo a forma di ciambella, questa pizza di pasqua dolce viene decorata, una volta fredda, con una candida glassa di albume e zucchero e tanti confettini colorati.

Leggi tutta la ricetta
8. Cassata siciliana: la ricetta del dolce tradizionale
Cassata siciliana

La cassata siciliana è un grande classico della pasticceria siciliana, in particolare di quella palermitana. Insieme a cannoli, paste di mandorla e genovesi, è sicuramente il dolce più tipico della tradizione regionale, amato e conosciuto ben oltre i suoi confini territoriali. Di antica origine araba (il nome deriva dal vocabolo qas'at, ovvero scodella grande e tonda), la cassata viene realizzata con una base di morbido pan di Spagna, a sua volta farcito con ricotta di pecora e gocce di cioccolato. Glassata e poi decorata con i canditi, in perfetto stile barocco, questa delizia nasce come ricetta pasquale, ma oggi è possibile gustarla in qualunque momento dell'anno. Apparentemente complessa, la sua preparazione è invece piuttosto semplice, a patto che rispettiate tempi di riposo e assestamento: scoprite come eseguirla alla perfezione seguendo passo passo le nostre indicazioni e servitela a fine pasto in occasione di un compleanno, una ricorrenza o un bel pranzo domenicale in famiglia.

Leggi tutta la ricetta
9. Ciambelle strozzose di Pasqua: la ricetta del dolce tipico della tradizione marchigiana
ciambella di pasqua

Le ciambelle di Pasqua, anche conosciute come ciambelle strozzose, sono dei dolci di Pasqua tipici della tradizione marchigiana. Golose e fragranti anche dopo dei giorni, si realizzano con un impasto molto semplice, a base di uova, zucchero e farina, aromatizzato con un goccio di mistrà o di liquore all'anice. Secondo l'usanza popolare, le vergare, le contadine delle campagne marchigiane, erano solite impastarle il venerdì Santo, per poi cuocerle nei forni a legna la domenica di festa.

Leggi tutta la ricetta
10. Pizza di Pasqua dolce: la ricetta tipica della colazione pasquale
Immagine

La pizza di Pasqua dolce è una preparazione pasquale tipica di Roma e provincia e dell'Abruzzo. La ricetta base è realizzata con farina, uova, zucchero, lievito di birra,strutto o burro, cannella e scorza di arancia e limone, con alcune variazioni in base al luogo di preparazione: è infatti possibile aggiungere liquore, essenza di vaniglia, canditi, semi di anice e noce moscata, per renderla ancora più ricca e golosa. La pizza dolce di Pasqua si prepara per la colazione pasquale da consumare con i salumi o con la cioccolata: un dolce lievitato, a forma di panettone, con la superfice liscia e marrone scuro, profumato e molto gustoso.

Leggi tutta la ricetta
11. Ciaramicola: la ricetta del soffice dolce pasquale tipico di Perugia
Immagine

La ciaramicola è un dolce tipico di Pasqua che si prepara in Umbria, in particolare a Perugia: una soffice ciambella di colore rosso, dato dall'aggiunta di Alchermes, ricoperta con bianca meringa decorata con confettini colorati. Nasce come inno alla città di Perugia: rosso come lo stemma, con 5 gobbe che rappresentano i 5 rioni della città. Oggi la forma è andata persa, infatti si cuoce di norma in un normale stampo da ciambella, ma conserva il suo valore per i perugini.

Leggi tutta la ricetta
12. Pagnotta pasquale romagnola: la ricetta della brioche soffice e profumata
pagnotta pasquale romagnola

La pagnotta pasquale romagnola è una brioche soffice e dal gusto lievemente dolce, tipica del periodo di Pasqua. Originaria del comune di Sarsina, sulle colline romagnole, si prepara tradizionalmente durante la settimana santa e si serve in occasione della classica colazione pasquale, in accompagnamento a uova sode, salumi e formaggi. Dal sapore delicato e dal profumo inebriante, grazie all'aggiunta del liquore all'anice, è perfetta anche inzuppata nel caffè del mattino oppure offerta a fine pasto durante il pranzo di festa o il picnic del Lunedì dell'Angelo. Scoprite come realizzarla seguendo passo passo la nostra ricetta.

Leggi tutta la ricetta
13. Cuzzupa: la ricetta del dolce pasquale calabrese
Immagine

La cuzzupa, conosciuta anche come sguta o nacatole, è un dolce pasquale tipico della Calabria, in particolare della provincia di Catanzaro. Si tratta di un dolce che sta a indicare la fine del periodo quaresimale ed è, quindi, considerato di buon auspicio. La cuzzupa calabrese viene realizzata con un impasto simile alla pasta frolla e viene decorata in superficie con delle uova, simbolo di rinascita e resurrezione, e degli zuccherini colorati.

Leggi tutta la ricetta
14. Cuddura cu l’ova: la ricetta del dolce siciliano di tradizione pasquale
Immagine

La cuddura cu l’ova è un dolce siciliano di derivazione ortodossa che viene tradizionalmente servito a Pasqua. Delle forme più varie, si tratta di un dolce circolare di piccole o grandi dimensioni realizzato con una pasta frolla morbida aromatizzata con scorza di agrumi. La cuddura viene infine decorata con zuccherini colorati e un numero dispari di uova sode, alimento molto apprezzato in passato quando, insieme a carne e formaggi, ce se ne privava durante tutto il periodo della Quaresima.

Leggi tutta la ricetta
15. Colombine di sfoglia: la ricetta dei dolcetti golosi e perfetti per la Pasqua
colombine di sfoglia

Le colombine di sfoglia sono dei dolcetti semplici e deliziosi, ideali per le feste pasquali e per decorare la tavola con un tocco di creatività. La pasta sfoglia, che può essere fatta in casa o acquistata già pronta, per maggiore praticità, viene ritagliata a forma di colombina, cotta in forno e infine farcita con una delicata crema pasticciera, aromatizzata alla vaniglia. Una generosa spolverizzata di zucchero a velo in superficie ed ecco una delizia fragrante e irresistibile, perfetta da servire a fine pasto in occasione del pranzo di Pasqua o da gustare a merenda durante il picnic del Lunedì dell'Angelo. Scoprite come realizzarle seguendo passo passo la nostra ricetta.

Leggi tutta la ricetta
110
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Ricette
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
110