video suggerito
video suggerito
ricetta

Dolci sardi: 7 ricette e un liquore da provare

Preparazione: 30 Min
Difficoltà: Facile
Dosi per: 4 persone
A cura di Rossella Croce
81
Immagine

Tra tutte le regioni italiane, la Sardegna è probabilmente tra quelle a poter vantare una tradizione dolciaria tra le più antiche e variegate. Una terra ricca di storia e cultura che traccia e porta nei suoi piatti e nei suoi dolci secoli di contaminazioni, incontri e generazioni differenti che, nel tempo, hanno creato il patrimonio gastronomico che possiamo apprezzare oggi. Pochi ingredienti, spesso legati alla cucina contadina, lavorati sapientemente: basta davvero poco per portare in tavola un dolce goloso e la pasticceria sarda è pronta a dimostrarcelo.

Alcuni esempi? Iniziamo dai famosi seadas, conosciuti anche come sebadas:  tipici della zona dell' Ogliastra settentrionale e diffusi in tutta l'isola, questi dolcetti vengono realizzati con una sfoglia a base di farina di semola, strutto e acqua, farciti poi con del miele e serviti ancora bollenti, ricoperti di miele, una ricetta goduriosa che non può mancare nei giorni di festa sardi e che possiamo preparare facilmente anche nelle nostre cucine.

Da Cagliari a Nuoro, non è Pasqua senza le pardulas, croccanti cestini di pasta aromatizzati al limone, ripieni di ricotta cremosa e decorati con confettini colorati: semplici e scenografiche, le formaggelle fanno rima con genuinità e gusto.

Tramandata di generazione in generazione, la ricetta delle ciambelline sarde, fragranti biscotti di pasta frolla ripieni di profumata marmellata, un dolce della cucina povera che non smette di stupire e conquistare ogni palato.

Regione che vai, dolce fritto che trovi e il "continente" sardo non poteva certo non essere all'altezza della sfida: farina di semola, acquavite e buccia di arancia grattugiata, qualche minuto nell'olio bollente e via con le zippaus, le zeppole tipiche dei giorni di Carnevale, soffici e incredibilmente profumate.

Se vuoi saperne di più sulla pasticceria sarda e assaporare gusti nuovi, non dovrai far altro che seguire le nostre ricette e immergerti nella cultura di questa antica isola già al primo morso.

1. Seadas (sebadas): la ricetta originale dei dolci fritti della tradizione sarda
Immagine

Le seadas, o sebadas, sono dolcetti fritti a forma di raviolo tipici della cucina sarda, vero e proprio dolce simbolo della pasticceria regionale. Amate sia dai locali che dai turisti, sono costituite da una friabile sfoglia di semola che racchiude un saporito ripieno a base di pecorino sardo fresco, e da tradizione vengono servite calde con miele di castagno o di corbezzolo, un miele locale di colore scuro e dal sapore lievemente amarognolo.

Leggi tutta la ricetta
2. Ciambelline sarde: la ricetta tradizionale dei biscottini farciti con la confettura
ciambelline-sarde

Le ciambelline sarde sono dei fragranti biscottini di pasta frolla farciti con confetture e marmellate, tipici della pasticceria dell'isola, amati e ormai gustati un po' ovunque. Facili e veloci, hanno la particolarità di essere realizzate con lo strutto e non con il burro come per la frolla classica: questo le renderà particolarmente golose e friabili al punto giusto.

Leggi tutta la ricetta
3. Papassini: la ricetta dei biscotti speziati tipici sardi
Immagine

I papassini, detti anche papassinos o pabassinas, sono dei biscotti tipici della Sardegna, preparati storicamente in occasione della festa di Ognissanti, oggi diffusi tutto l'anno nelle pasticcerie locali. Si tratta di caratteristici dolcetti dalla forma a rombo, a base di pasta frolla realizzata con strutto e arricchita da uva passa, mandorle, noci, scorza di agrumi grattugiata e spezie; una volta cotti, vengono ricoperti di ghiaccia reale e guarniti con codette di zucchero colorate.

Leggi tutta la ricetta
4. Pardulas: la ricetta dei dolcetti sardi perfetti per la Pasqua
Immagine

Le pardulas, o pardulas de arrescottu (in dialetto locale "formaggelle di ricotta"), sono dei dolcetti semplici e molto golosi tipici della tradizione pasquale sarda. Si tratta di piccoli bocconcini a base di ricotta di pecora, racchiusi da un involucro croccante di semola di grano duro e decorati poi in superficie con confettini di zucchero colorati, conosciuti, nella parte settentrionale della Sardegna, anche con il nome di casadinas.

Leggi tutta la ricetta
5. Zeppole sarde: la ricetta delle Zippulas
Immagine

Le zeppole sarde o zippulas sono dei tipici dolci che si preparano nel periodo di Carnevale in Sardegna. Si tratta di frittelle dolci soffici e deliziose aromatizzate allo zafferano, che possono avere la forma di ciambelle o di spirali: in quest'ultimo caso, si realizzano versando l'impasto fluido direttamente nell'olio attraverso un imbuto da cucina, oppure con un sac à poche o un collo di bottiglia. Se ne distinguono due varianti principali: le zeppole sarde senza patate, e una versione che prevede l'utilizzo di patate lesse, schiacciate e unite all'impasto. Per la preparazione delle zeppole sarde è consigliato l'uso della planetaria o di un'impastatrice, in quanto l'impasto deve essere lavorato bene e a lungo; noi vi mostriamo anche il procedimento a mano. Ecco allora come preparare queste ciambelle soffici e golose.

Leggi tutta la ricetta
6. Torta pardula: la ricetta del dolce sardo in versione maxi
Torta pardula

La torta pardula è un dolce che trae ispirazione dalle classiche pardulas, delle piccole delizie tipiche della pasticceria sarda. Un guscio di pasta violada – una sorta di brisée realizzata con semola di grano duro e strutto – accoglie al suo interno un ricco ripieno di ricotta, aromatizzata allo zafferano. La torta, cuocendo, manterrà una consistenza umida e cremosa, molto simile a quella di una cheesecake. Può essere servita come dessert di fine pasto, oppure all'ora del tè, e si presta a essere preparata comodamente in anticipo, anche il giorno precedente: il riposo, infatti, le farà guadagnare ancora più intensità aromatica e gusto. Scoprite come realizzarla seguendo passo passo la nostra ricetta.

Leggi tutta la ricetta
7. Flan di latte: la ricetta del dolce al cucchiaio sardo ideale come dessert
Immagine

Il flan di latte o timballa’e latte è un dolce al cucchiaio tipico della tradizione sarda, esteticamente simile al crème caramel ma dalla diversa consistenza. Un dolcetto semplice e dal sapore delicato preparato con latte, zucchero e uova e cotto a bagnomaria. Una volta pronto bisognerà lasciarlo raffreddare a temperatura ambiente e poi in frigorifero per alcune ore, così da ottenere la giusta consistenza. Servilo come dessert a fine pasto oppure preparalo per una deliziosa merenda. Ecco come realizzare questo dolce semplice e irresistibile.

Leggi tutta la ricetta
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Ricette
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
81
api url views