ricetta

Canederli alla tirolese: la ricetta originale degli knödel preparati con lo speck

Preparazione: 75 Min
Difficoltà: Media
Dosi per: 4 persone
A cura di Eleonora Tiso
2387
Immagine
ingredienti
Uova
4
Latte
300 ml
Speck
260 gr tagliato spesso
Farina tipo 00
100 gr
Pangrattato
60 gr
Cipolla
1
Olio extravergine di oliva
q.b.
Erba cipollina
qualche filo
Prezzemolo
1 mazzetto
Noce moscata
q.b.
Pepe nero
q.b.
Sale marino
q.b.
Brodo di carne
q.b.
Pane
400 gr raffermo

canederli sono un piatto tipico della cucina del Trentino Alto-Adige, ideale da consumare durante la stagione invernale. Si tratta di gnocchi piuttosto grandi a base di pane raffermo, ammollato nel latte, quindi arricchito con uova, erbette aromatiche e un soffritto di speck e cipolla. Il nome, infatti, sarebbe un'italianizzazione della parola tedesca knödel, che si riferisce alle grandi dimensioni degli gnocchi.

Appartenenti alla tradizione contadina, i canederli nascono come piatto povero e di recupero, per evitare di buttare il pane vecchio, ormai raffermo, dandogli una veste tutta nuova. Ogni famiglia ha la sua versione personale, custodita gelosamente, che si tramanda di generazione in generazione; la ricetta originale dei canederli alla tirolese, depositata l'8 agosto 2003, prevede che i pezzetti di carne e di pane siano ben visibili, per un risultato finale grossolano e piacevolmente rustico al palato.

Devono essere della giusta consistenza, né troppo duri, né troppo morbidi, e il modo migliore per gustarli è insieme a un ricco e saporito brodo di carne. In alternativa, potete condirli con il burro fuso o con un delizioso sughetto di pomodoro. Preparare dei canederli a regola d'arte è più facile di quanto possa sembrare; la cosa importante è aggiungere la giusta dose di farina e di pangrattato. Potete personalizzarli come desiderate, arricchendo l'impasto con fegato, formaggio, erbette, spinaci, barbabietola e altre tipologie di verdure.

Scoprite come preparare i canederli seguendo passo passo procedimento e consigli.

Come preparare i canederli

Eliminate la crosta dal pane raffermo 1.

Tagliatelo a bastoncini di circa 1/2 cm di lato 2.

Prendete ogni bastoncino di pane e tagliatelo in quadretti di circa 1/2 cm 3.

Mettete il tutto in una ciotola capiente e aggiungete il latte freddo 4.

A parte sbattete le uova intere con una macinata di pepe e un pizzico di noce moscata 5. Salate leggermente.

Aggiungete le uova sbattute al pane raffermo 6, salate e mescolate per bene. Fate riposare per circa un'ora e mezza.

Di tanto in tanto mescolate il composto in modo che il latte imbeva bene tutto il pane 7.

Fate appassire la cipolla in una padella con un filo di olio 8.

Tagliate lo speck a listerelle sottili 9.

Aggiungete lo speck al soffritto e cuocete per pochi minuti 10.

Unite il soffritto al composto 11.

Amalgamate per bene il tutto 12.

Profumate con il prezzemolo, tritato finemente 13.

Aggiungete la farina e il pangrattato 14. Assicuratevi di non esagerare con le dosi della farina altrimenti i canederli risulteranno troppo duri, allo stesso modo poca farina li renderà troppo morbidi.

A questo punto iniziate a fare delle palline del diametro di 5-7 cm 15. Se l'impasto dovesse risultare troppo molle, potete compattarlo con altro pangrattato o farina.

Proseguite fino a esaurimento dell'impasto 16; otterrete circa 15 canederli.

Prendete ogni pallina e passatela velocemente nella farina 17.

Tenetele ben distanti tra loro 18. Fate riposare i canederli in frigorifero fino al momento della cottura.

Cuocete i canederli in brodo o in acqua bollente per circa 15 minuti 19.

Quando inizieranno a salire in superficie, saranno pronti, quindi scolateli con una schiumarola 20.

Servite i canederli caldi in piatti fondi con il brodo, guarnendoli con dell'erba cipollina tritata 21.

Consigli

I canederli possono essere serviti anche asciutti solo con burro ed erbe aromatiche. Basta formare delle palline da far cuocere nel brodo vegetale per 7-8 minuti, quindi scolarli e adagiarli su un piatto da portata con burro fuso ed erbette.

I canederli possono essere consumati anche freddi dopo averli cotti nell'acqua. Serviteli in un piatto su un letto di rucola, abbinati a formaggi freschi.

Varianti

I canederli alla tirolese presentano diverse varianti come i canederli vegetariani (come i canederli di patate, i canederli di spinaci e quelli al formaggio, sia fuso che fritto). Varie sono poi le alternative per servirli: per il brodo dei canederli, è meglio usare quello di carne ma ottimi sono anche i canederli burro e salvia, quindi senza brodo, ma conditi solo con del burro fuso aromatizzato con della salvia.

Non tutti però sanno che i canederli si possono fare al sugo di pomodoro, hanno un sapore delicato e potete aggiungere lo speck. La ricetta è simile a quella delle polpette di carne ma, a fine cottura, distribuite del sugo di pomodoro.

Conservazione

I canederli si conservano massimo 2 giorni in frigorifero, crudi o cotti. Se sono stati usati ingredienti freschi, potete anche congelarli in freezer, ricordandovi di cospargerli con un po' di farina per preservarne la consistenza. Tuffateli nell'acqua bollente ancora congelati, quindi cuoceteli per pochi minuti finché non saliranno a galla.

2387
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Primi piatti
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
2387