ricetta

Montblanc: la ricetta del dessert Montebianco a base di castagne

Preparazione: 40 Min
Cottura: 50 Min
Riposo: 10 Min
Difficoltà: Facile
Dosi per: 6 persone
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Cookist
A cura di Ilaria Cappellacci
62
Immagine
ingredienti
Per la purea di castagne
Castagne o marroni
600 gr
Zucchero
100 gr
Latte
600 ml
Estratto di vaniglia
1 cucchiaino
Zucchero a velo
20 gr
Panna fresca
200 ml
Rum
40 ml
Cacao amaro in polvere
20 gr
Ti servono inoltre
marrons glacés
2
Cacao amaro in polvere
q.b.
scaglie di cioccolato fondente
2 cucchiai

Il Montblanc, o Montebianco, è un dessert al cucchiaio a base di castagne, cacao e rum, decorato con panna montata, nato originariamente in Francia e diffuso oggi anche in Piemonte, Lombardia e Valle d'Aosta. Scenografico e sontuoso, è adatto per celebrare una ricorrenza speciale o per terminare con eleganza una cena in compagnia degli amici più cari.

La ricetta originale prevede di usare i marroni, una varietà di castagne più grande e dal gusto particolarmente dolce, che devono essere lessati, sbucciati accuratamente da caldi e cotti per circa mezz'ora nel latte e zucchero. Una volta morbidi, si riducono in purea e si amalgamano con rum e cacao amaro, quindi vengono passati in uno schiacciapatate e disposti direttamente sul piatto da portata, a mo' di "montagnola", da guarnire con ciuffetti di panna montata che ricordano le cime del Monte Bianco.

Ti basterà, quindi, terminare la decorazione con qualche marrons glacés sbriciolato, che puoi cimentarti a confezionare in casa seguendo i nostri consigli, scagliette di cioccolato fondente e una spolverizzata di cacao amaro; se preferisci, puoi aggiungere anche qualche meringa, così come prevede la tradizione.

Scopri come preparare il Montblanc seguendo passo passo procedimento e consigli. Se ti è piaciuta questa ricetta, prova altri dolci con le castagne, come il castagnaccio toscano, lo strudel di castagne e la crostata di castagne e cioccolato.

Come preparare il Montblanc

Sciacqua per bene le castagne, immergendole in acqua fredda per qualche minuto 1.

Dopo averle scolate, incidi la buccia con la punta di un coltello affilato, praticando un taglio orizzontale netto 2.

Trasferisci le castagne in una pentola dai bordi alti 3.

Ricopri le castagne con l'acqua e lasciale cuocere per circa 20 minuti a partire dal bollore 4. In alternativa, puoi usare la pentola a pressione: in questo caso, dovranno cuocere solo 10 minuti.

Trasferisci le castagne in uno scolapasta e lasciale intiepidire per 3-4 minuti: non devono raffreddarsi troppo o rischieranno di indurirsi 5.

Sbucciale aiutandoti con un coltellino ed elimina anche la pellicina marrone 6. Per evitare di scottarti, puoi indossare dei guanti in lattice.

Le castagne dovranno risultare perfettamente pulite e prive di pellicine 7.

Trasferiscile in una pentola e aggiungi lo zucchero semolato 8.

Versa il latte 9.

Profuma con l'estratto di vaniglia 10. Se preferisci, puoi usare anche i semi di una bacca.

Mescola con un cucchiaio 11, quindi cuoci le castagne nel composto di latte e zucchero per circa 30 minuti dal bollore: dovranno risultare molto morbide.

Quando le castagne avranno assorbito il latte, trasferiscile nello schiacciapatate e riducile in purea 12.

Setaccia il cacao amaro direttamente sulle castagne schiacciate 13.

Unisci la dose di rum 14.

Mescola accuratamente con un cucchiaio per amalgamare tutti gli ingredienti e compattare il composto 15, poi lascia riposare il tutto per 10 minuti.

Nel frattempo, versa la panna, ben fredda di frigo, in una ciotola capiente 16. Se preferisci, puoi tenere anche la ciotola in frigorifero o in freezer.

Incorpora lo zucchero a velo 17.

Monta la panna a neve ben ferma, usando le fruste elettriche alla massima velocità 18.

Trasferisci la panna montata in un sac à poche munito di beccuccio a stella 19.

Utilizzando nuovamente lo schiacciapatate, passa il composto di castagne e cacao, facendolo cadere direttamente sul piatto da portata 20.

Dovrai ottenere una sorta di collinetta 21.

Con l'ausilio del sac à poche realizza dei ciuffetti di panna montata intorno alla base del Montblanc 22.

Guarnisci con dei ciuffetti più piccoli anche la metà del dolce 23.

Decora la cima del Montblanc con un grande ciuffo di panna montata 24.

Sbriciola i marrons glacés e posizionali sui ciuffetti di panna 25.

Cospargi il dolce con le scaglie di cioccolato fondente 26.

Spolverizza con uno strato impalpabile di cacao amaro 27.

Gusta il tuo Montblanc dolce 28.

Consigli

In base alle tue preferenze e a ciò che hai a disposizione, puoi sostituire i marroni con delle classiche castagne, scegliendo la pezzatura più grande. Inoltre, puoi usare una pentola a pressione per dimezzare i tempi di cottura del frutto.

Storia

Il Montblanc deve il suo nome al celebre monte perennemente innevato delle Alpi Nord-Occidentali. È nato, probabilmente, quando il Piemonte e una parte di Lombardia facevano parte della Savoia, regione politicamente appartenente alla Francia e confinante con la Valle d'Aosta. Ancora oggi, infatti, è diffuso principalmente in queste regioni italiane. La ricetta originale vorrebbe l'aggiunta della meringa francese, una massa montata di albumi e zucchero, cotta a lungo in forno a bassa temperatura, fino a risultare solida, ma friabile.

Varianti

Puoi presentare il Montblanc anche in coppette monoporzione, disponendo uno strato di purea di castagne sormontato da panna, briciole di marrons glacés e un velo di cacao amaro. In alternativa, puoi comporre la collinetta di crema di castagne lasciando un incavo centrale, da riempire con abbondante panna montata.

Se desideri, puoi realizzare una variante al cioccolato, sostituendo il rum con un liquore al cioccolato e decorando il tutto con cioccolato fondente sciolto insieme alla panna e alla granella di meringa.

Conservazione

Il Montblanc si conserva in frigorifero, ben chiuso in un contenitore ermetico, per 3 giorni al massimo. Tuttavia, ti consigliamo di consumarlo entro un giorno dalla preparazione.

Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Dolci
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
62