12 Luglio 2022 13:00

Cucinare con la pentola a pressione: consigli e informazioni utili per cominciare

Permette di cuocere ogni tipo di alimento in modo semplice, veloce e genuino: una volta scoperta la pentola a pressione, siamo certi che non potrai più farne a meno.

A cura di Rossella Croce
661
Immagine

La pentola a pressione è uno strumento incredibilmente utile con cui possiamo cucinare ogni tipo di alimento in modo semplice, veloce e salutare. Diversamente dalle pentole "classiche", la pentola a pressione sfrutta la pressione e il vapore che viene trattenuto ermeticamente al suo interno per cuocere gli alimenti: in questo modo possiamo diminuire i tempi di cottura portando in tavola piatti sani e genuini. Usare la pentola a pressione può sembrare complicato ma, seguendo pochi e semplici passaggi, può significativamente migliorare la nostra vita ai fornelli: ecco come è fatta, come funziona, come usare la pentola a pressione e con quali alimenti impiegarla.

Come è fatta la pentola a pressione

La pentola a pressione è uno strumento particolarmente valido, un utensile con cui possiamo preparare tantissime ricette riducendo sensibilmente i tempi di cottura. Ideata dal fisico francese Denis Papin nel lontano XVII secolo, la pentola a pressione come la conosciamo noi fu brevettata solo nel 1053 e, dal secondo dopoguerra in poi, è diventata velocemente uno degli strumenti più utilizzati in cucina.

Come è fatta una pentola a pressione e in cosa differisce da una "comune" pentola? Più o meno grande, la pentola a pressione è composta da un recipiente in acciaio e uno speciale coperchio a chiusura ermetica, su cui troviamo due valvole: la valvola di esercizio (chiamata anche valvola di sfogo) da cui possiamo far fuoriuscire il vapore e moderare il livello di pressione, e la valvola di sicurezza che entra in funziona quando quella di servizio si blocca oppure è ostruita. Nel momento in cui la pressione interna dovesse risultare eccessiva, la valvola di servizio si alza, generando il caratteristico "fischio".

Immagine

Come funziona la pentola a pressione

Come funziona la pentola a pressione e perché ci permette di ridurre i tempi di cottura degli alimenti? La caratteristica principale di questo utensile è la pressione causata dal vapore trattenuto dal coperchio a chiusura ermetica; il vapore, generando una pressione, permette ai liquidi presenti nella pentola di raggiungere facilmente picchi di 120 °C: a queste temperature i cibi cuociono in meno tempo ma in modo delicato e, per questo motivo, si preservano meglio sapore ed elementi nutritivi. Il recipiente, spesso dotato di un triplo fondo e caratterizzato da pareti molto spesse, permette un'ottima distribuzione del calore e quindi una cottura non solo rapida ma anche omogenea.

Usare la pentola a pressione potrebbe sembrare complicato o perfino pericoloso ma, con delle semplici accortezze e seguendo i giusti passaggi, questa pentola può davvero fare la differenza. Come usarla?

  • La prima cosa da fare è versare la giusta componente di liquidi (acqua, vino o brodo) e poi aggiungere gli ingredienti previsti dalla ricetta facendo attenzione a non riempire mai la pentola per più di 2/3;
  • poi dovrai chiudere correttamente la pentola con il coperchio ermetico assicurandoti che sia bloccato;
  • iniziare la cottura a fiamma vivace, fiamma che andrà poi abbassata qualche minuto dopo quando la valvola di servizio emetterà un fischio lasciando fuoriuscire il vapore in eccesso. È a questo punto che dovrai iniziare a contare il tempo necessario per la tua ricetta.
  • Una volta terminata la cottura, ti basterà spegnere il fuoco, aprire la valvola di sfogo e attendere che il livello della pressione sia sceso al minimo, e che quindi il vapore sia completamente fuoriuscito, prima di aprire il coperchio.
Immagine

Cosa cucinare con la pentola a pressione

Con la pentola a pressione è possibile cucinare ogni tipo di alimento in modo semplice, veloce e genuino. Facendo attenzione ai giusti tempi di cottura potrai servire primi, secondi, arrosti, stufati e zuppe di ogni tipo. Nel dettaglio:

  • Carne: in base al tipo di ricetta, i tempi di cottura della carne possono ovviamente cambiare. Occorrono 20 minuti per preparare un arrosto e ne bastano 8-10 per un delizioso roastbeef; il tempo della ricetta del bollito e di quella del brasato si allungano dai 25 minuti fino a 40 0 60 per tagli meno teneri. Attenzione alla componente liquida che non deve superare i 2/3 del recipiente.
  • Pesce: ottimo se cucinato al vapore con l'apposito cestello, il pesce cuoce davvero in pochi minuti. I frutti di mare saranno pronti in appena 5 minuti, i crostacei in non più di 10 e il polpo può essere servito dopo appena 15 minuti. Una fetta di pesce spada vuole circa 15-20 minuti.
  • Verdure: per cuocere le verdure con la pentola a pressione è fondamentale ricoprirle completamente d'acqua, in alternativa è possibile cuocerle al vapore nel cestello. In questo caso i tempi variano a seconda della grandezza e della freschezza dell'alimento: verdure tenere e di piccole dimensioni cuociono in appena 4 minuti; verdure più dure (patate e barbabietole per esempio) necessitano di 20 minuti a partire dal fischio della valvola.
  • Legumi: previo necessario ammollo, nella pentola a pressione potrai cuocere ogni tipo di legume. Ti basterà ricoprirli di acqua non salata e lasciar lavorare la tua pentola a pressione. Tempo stimato? Lenticchie in 15 minuti, piselli 20-25 minuti, ceci 30 minuti, fagioli e fave 40 minuti.
  • Riso: con la pentola a pressione è possibile preparare dei deliziosi risotti semplicemente aggiungendo una quantità di brodo (o acqua) doppia rispetto al riso e contare appena 7 minuti dal fatidico fischio.
661
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
661