30 Gennaio 2023 12:00

Risparmiare acqua in cucina: otto consigli da tenere a mente per ridurre sprechi e costi

Otto consigli per risparmiare acqua in cucina: dal lavaggio dei piatti al riutilizzo delle acque di cottura, tutto quello che devi sapere per comprimere costi e consumi.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Cookist
A cura di Francesca Fiore
42
Immagine

Che l'acqua sia un bene prezioso è un concetto ormai in larga parte condiviso, per fortuna: eppure, in Italia, ne sprechiamo ancora tantissima, in cucina e non solo. Il tema del water footprint – dopo le recenti crisi idriche avvenute nel nostro Paese e non solo – è centrale: si tratta di una metrica che identifica la quantità e il volume di acqua utilizzato dall’essere umano in relazione alla catena alimentare, alla produzione e allo smaltimento dei rifiuti. Solo nel nostro Paese, secondo i dati diffusi a luglio 2022 della Società Italiana di Medicina Ambientale (Sima), il consumo quotidiano di acqua a persona è di circa 245 litri: una cifra impressionante che crea conseguenze ambientali ma anche enormi disparità economiche.

Come fare a risparmiare acqua in casa, in particolare in cucina? Ecco otto consigli da tenere a mente per ridurre lo spreco di acqua mentre cuciniamo – ma non solo – così da tenere sotto controllo costi e danno ambientale: dai rubinetti aerati al riutilizzo dell'acqua di cottura di pasta, patate e riso, passando per i piccoli accorgimenti quotidiani.

1. Attenzione alle guarnizioni

Immagine

Fare una manutenzione regolare dei rubinetti è la cosa ideale per essere sicuri di non avere perdite e sprechi inutili. Se il tuo lavandino perde acqua, non attendere e fai intervenire subito l'idraulico, o cambia tu stesso la guarnizione: ringrazierà sia l'ambiente sia il portafogli. Se preferisci puoi far installare anche i rubinetti areati: si tratta di un miscelatore installabile sui sanitari che permette di utilizzare meno acqua a parità di condizioni di utilizzo. Come fa? Insieme all’acqua eroga un quantitativo di aria che – pur non riducendo la pressione e l’entità del getto – permette di usare meno acqua.

2. Non lavare gli alimenti sotto l'acqua corrente

Immagine

Quando lavi prodotti come frutta e verdura, per risparmiare acqua, puoi lavarli in una bacinella con del bicarbonato, evitando di tenere aperto il rubinetto per tutto il lavaggio.

3. Non scongelare sotto l'acqua

Immagine

Mai scongelare il cibo sotto l'acqua corrente, è sbagliato per diversi motivi: il primo è economico, naturalmente, perché in questo modo si spreca un elevato quantitativo di acqua. Il secondo, ma non per importanza, è sanitario: per scongelare correttamente il cibo, infatti, non bisogna mai interrompere la catena del freddo, pena i rischi d'intossicazione. Metti prima il cibo in frigo e solo dopo potrai tenerlo all'aria aperta, per qualche minuto, prima di cucinarlo: ma sicuramente non dovrai mai metterlo sotto l'acqua corrente.

4. Usa l'acqua fredda mentre aspetti che si riscaldi

Immagine

Se hai aperto il rubinetto per far riscaldare l'acqua, nel frattempo puoi utilizzare quella fredda: per lavare qualcosa, per metterla nel bollitore, usandola per riempire la macchinetta del caffè.

5. Usa la lavastoviglie in modo intelligente

Immagine

Usare la lavastoviglie ci fa risparmiare il 50% d’acqua rispetto al lavaggio a mano. Il problema è quanta acqua si spreca sciacquando i piatti sotto l'acqua corrente: se hai paura di intasare il filtro della tua lavastoviglie, puoi eliminare i residui di cibo con un tovagliolino di carta, magari riutilizzandolo per più piatti. Usare la lavastoviglie in modo intelligente, inoltre, significa anche considerare la fascia oraria (se hai l'abbonamento a fasce) e avviarla solo quando è a pieno carico.

6. Usa la quantità di acqua corretta per le tue ricette

Immagine

Vale soprattutto per la pasta ma non solo: spesso quando facciamo bollire qualcosa utilizziamo più acqua di quanta ne serva realmente. Nel caso della pasta, la proporzione è in media un litro di acqua per un etto di pasta: ma le paste di qualità contengono meno amido e possono essere cotte anche in 700-800 ml; in questo modo si potranno risparmiare il 20-30% di acqua per ogni cottura. Inoltre, cuocendo la pasta in un quantitativo minore di acqua l’amido sarà più concentrato e questo ti permetterà di far legare pasta e condimento in modo più rapido ed efficace.

7. Riutilizza l'acqua di cottura di patate, pasta e riso

Immagine

Non tutti sanno che i liquidi di cottura sono in gran parte riutilizzabili. Sia l'acqua della pasta, sia quella del riso, ma anche quella delle patate, possono essere usate: per gli impasti, per ammollare i legumi, per la cottura al vapore e così via.

8. Chiudi sempre un rubinetto quando parti

Immagine

Per evitare guasti e perdite, quando parti anche per qualche giorno, ricordati di chiudere il rubinetto generale dell'acqua: risparmierai in caso di perdite piccole e non visibili ed evitare di trovare la casa allagata, al tuo rientro, in caso di guasto.

Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
42