L'orata è un pesce osseo costiero appartenente alla famiglia Sparidae, particolarmente diffuso nelle acque del Mar Mediterraneo e dell'Oceano Atlantico orientale. Pesce tondo dalle carni pregiate, riconoscibile per una caratteristica striscia dorata tra gli occhi, una forma ovale e compressa e per i  fianchi argentei, l'orata è un pesce magro molto nutriente, leggero e facilmente digeribile. Ottima fonte di proteine e sali minerali a fronte di un basso apporto calorico e di colesterolo, l'orata può essere pescata o da allevamento e, in base a questo, più o meno costosa. Incredibilmente versatile, l'orata è adatta a ogni tipo di cottura ed è consigliata a chi segue una dieta sana ed equilibrata per il suo ottimo profilo nutrizionale. Scopriamone proprietà e benefici con qualche trucco per riconoscerne la freschezza e usarla in ricette golose e genuine.

Proprietà dell'orata

L'orata è un pesce dall'interessante profilo nutrizionale: poco calorica (appena 121 kcal per 100 grammi) e ricca di vitamine e sali minerali, in particolare fosforo, iodio, calcio e ferro, l'orata presenta carni tenere e magre, soprattutto se si tratta di esemplari pescati. Ottima fonte di acidi grassi omega-3, l'orata è ricca di proteine ad alto valore biologico mentre è praticamente priva di carboidrati e grassi, con un moderato apporto di colesterolo.

Benefici dell'orata

Consigliata nelle diete ipocaloriche e dimagranti per le sue carni delicate e leggere, l'orata è particolarmente digeribile grazie alla vitamina B e anche considerata una buona alleata del sistema cardiovascolare, supportato dagli acidi grassi omega-3. Consumare regolarmente l'orata permette di assumere una buona quantità di calcio e fosforo che aiutano lo sviluppo di ossa e denti e di sostenere la regolare funzione degli ormoni della tiroide grazie allo iodio. Buona fonte di vitamine, l'orata rafforza le nostre difese immunitarie e, grazie al fosforo, migliora e supporta le funzioni cerebrali. Ultimo ma non per importanza, l'orata presenta anche una discreta azione antinfiammatoria.

Come scegliere l'orata fresca

Arrivati al bancone del pesce, non sapete come riconoscere un'orata fresca? Niente paura, dovrete solo fare affidamento sui vostri sensi. Un'orata fresca ha un colore brillante, con sfumature verdastre che cambiano alla luce, con occhi limpidi e non incavati. L'odore? Un'orata fresca, come sempre quando parliamo di pesce appena pescato, ha un odore piacevole e, come direbbe il nostro pescivendolo di fiducia "sa di mare". Al tatto, se davvero fresca, l'orata presenta carni sode e compatte e un corpo rigido con squame ben attaccate ai fianchi.

Come usare l'orata in cucina

L'orata è un pesce dalle carni saporite e delicate, caratteristica che la rende particolarmente versatile e adatta a diversi tipi di preparazioni: una volta pulita correttamente infatti, l'orata (intera o a filetti) può essere protagonisti di tantissime ricette. Se cercate un grande classico e avete acquistato una bella orata fresca, il consiglio è di cuocerla al forno, con delle classiche patate o con delle verdure, perché no. Un antipasto fresco e facilissimo? Un ben carpaccio, condito con del profumatissimo basilico, ideale per iniziare un pranzo leggero; ottimi anche i filetti di orata in crosta di patate julienne, per una cena alternativa e salutare.