La curcuma è una spezia di colore giallo vivo dalle antichissime origini, conosciuta e utilizzata per le sue innumerevoli proprietà benefiche. Sempre più apprezzata anche nelle nostre ricette grazie al suo profumo e al sapore, la curcuma ha proprietà antiossidanti, analgesiche, antinfiammatorie e depurative: un vero e proprio toccasana per la nostra salute. Conosciuta anche come "zafferano delle Indie", al curcuma deriva dalla lavorazione del rizoma, ovvero il fusto sotterraneo di una pianta appartenente alla famiglia delle Zingiberaceace, tra le radici più conosciute e apprezzate, il cui fusto viene bollito, essiccato e poi ridotto in polvere. Perché fa così bene e come usarlo fuori e dentro la cucina? Scopriamolo insieme.

Proprietà della curcuma

A fronte di un elevato apporto calorico (circa 354 kcal per 100 grammi di prodotto), la curcuma è un ottimo concentrato di sali minerali, in particolare ferro, calcio, magnesio, sodio e, in minori quantità, potassio. La curcuma contiene acidi grassi saturi ma anche monoinsaturi e polinsaturi, non si trovano tracce di colesterolo mentre non mancano fibre e vitamine, in particolare vitamina C e vitamina B6. Pochi gli zuccheri, i grassi e le proteine ma l'elemento più importante è senza dubbio la curcumina, un polifenolo dalla potente azione antiossidante e antinfiammatoria che ha come conseguenza il colore giallo vivo di questa spezia.

Benefici

Nella medicina ayurvetica, la curcuma è considerata un vero e proprio medicinale naturale per le sue numerosissime proprietà benefiche. Tra le principali, troviamo:

  • Antiossidante: consumata regolarmente, la curcuma ha un effetto antiossidante, combatte l'azione dei radicali liberi e con essi l'invecchiamento cellulare;
  • antinfiammatorie e analgesica: grazie alla curcumina, questa spezia può aiutarci a combattere infiammazioni, in particolare su tessuti e cartilagini ed è un'ottima alleata contro patologie croniche e forme di artrite;
  • la curcuma è utile per il trattamento di fastidi legati alla cattiva digestione, meteorismo e flatulenza;
  • la curcuma ci aiuta a rinforzare il sistema immunitario grazie alla sua attività immunostimolante;
  • antidolorifiche e cicatrizzante: la curcuma ci aiuta nella guarigione di piccole ferite, escoriazioni e punture di insetto;
  • la curcumina comporta proprietà coleretiche in grado di favorire la produzione di bile e il suo naturale deflusso nell'intestino, migliorando in questo modo anche l'attività del fegato;
  • depurative: grazie all'azione stimolante che ha sul fegato, la curcuma ci permette di eliminare le tossine presenti nel nostro corpo;
  • assunta costantemente, la curcuma favorisce la fluidificazione del sangue e la sua circolazione, rafforza i vasi sanguigni e ha un'azione cardioprotettiva;
  • la curcuma stimola il metabolismo e con esso la naturale perdita di liquidi in eccesso e peso;
  • la curcuma può aiutarci a controllare i livelli di glicemia nel sangue.
radici: caratteristiche e usi

Usi in cucina

Se pensate che la curcuma vada bene solo per curry e dahl di lenticchie, probabilmente vi farà piacere sapere che vi sbagliate: la curcuma infatti, grazie al suo sapore fresco e leggermente pungente, può aiutarvi a impreziosire tantissime ricette e preparazioni. Potete preparare del profumato e goloso pane alla curcuma aggiungendo semplicemente la polvere all'impasto o portare in tavola un primo piatto alternativo, magari un risotto.

Secondi e contorni? Certo che sì: se siete stanchi del solito petto di pollo alla piastra, provate il nostro pollo alla curcuma e non ve ne pentirete. Se poi vi piace stare in forma in modo naturale, non potete perdere il miracoloso miele d'oro: un ricostituente ed energizzante senza eguali.