Friggere i cardi

Ortaggi che ricordano il sapore dei carciofi, ma che somigliano più a un sedano: parliamo di cardi, ingrediente appartenente alla famiglia delle Asteraceae molto amato in diverse cucine regionali italiane. Consumati fra dicembre e la primavera, i cardi sono ricchi di proprietà benefiche, grazie a soprattutto alla cinarina, che li rende antiossidanti, digestivi e depurativi. Ma come fare a cucinarli al meglio in ricette originali e sfiziose?

Varietà, pulizia e ricette con i cardi

Sono diverse le varietà di cardo che si possono usare in cucina: ad esempio il bianco avorio, gigante di Romagna o, ancora, il gigante inerme. Una delle fasi che possono sembrare più difficili, ma non lo sono, è quella della loro pulizia: in realtà l'operazione è molto più semplice di quello che si potrebbe pensare. Fatto questo, potete dedicarvi alle preparazioni con i cardi: il loro sapore amarognolo e un po' terroso si abbina infatti a diversi ingredienti. Ecco alcune ricette con i cardi semplici e golose, ideali da sperimentare in cucina.

1. Cardi alla palermitana

Una ricetta poco conosciuta ma molto semplice da realizzare, che si può usare come antipasto, contorno o anche come portata di un brunch: i cardi alla palermitana. Per prepararli, infatti, dopo averli puliti e lessati, vi basterà immergerli in una pastella con farina, acqua, sale, pepe e un pizzico di lievito istantaneo e poi friggerli in olio bollente: una ricetta a cui nessuno, neanche i più piccoli, saprà resistere.

2. Parmigiana di cardi

Golosa come poche altre ricette, la parmigiana di cardi è una preparazione originale e irresistibile. Insaporita da una besciamella light, realizzata cioè senza burro, è un piatto che si può preparare anche in anticipo e servire a temperatura ambiente. Sarà sufficiente cuocere i cardi in forno già caldo a 180 °C per 30 minuti, per poi far grigliare il tutto per altri 5 minuti, in modo da ottenere una crosticina croccante e super invitante. In alternativa, potete provare la ricetta dei cardi gratinati al forno.

3. Cardi impanati e fritti

Friggere i cardi

Avrete capito che i cardi si sposano benissimo con la frittura: la loro consistenza fibrosa e il sapore leggermente amarognolo si abbinano perfettamente con questo tipo di cottura. In questa preparazione, però, i cardi sono trattati come si fa con le cotolette, quindi impanati con farina, uova e pangrattato, con cui realizzare una panatura croccante e profumata: serviteli in un cuoppo, come si fa con il fritto di mare, per un aperitivo goloso e creativo, accompagnandoli con una salsa aioli, con una maionese o una salsa barbecue fatte in casa.

4. Cardi in umido

Per una preparazione più veloce e semplice, basterà far cuocere i cardi in umido: potete decidere se lessarli prima, in modo da ridurre i tempi di cottura, oppure se tagliarli a pezzi e cuocerli direttamente in padella e, in questo caso, ci vorrà qualche minuto in più. Insieme ai cardi potete aggiungere dei pelati o dei pomodori a pezzi, condendoli come preferite: inoltre si possono aggiungere anche crostacei e molluschi come gamberi, gamberoni, calamari, mazzancolle, seppie o totani, che riescono a bilanciare bene l'acidità sia dei cardi sia dei pomodori.

5. Risotto ai cardi

Un risotto economico, originale e dal gusto sorprendente. Per realizzarlo, vi basterà pulire e cuocere i cardi in umido, senza ulteriori condimenti; poi aggiungere il riso già tostato e procedere come un classico risotto, facendo cuocere il riso nel brodo vegetale e aggiungendolo man mano che si asciuga. Potete abbinare i cardi a un sapore deciso come quello di una salsiccia in pezzi, a uno più delicato come quello del salmone, ma anche lasciarli così come sono, mantecando poi il risotto con burro e una generosa spolverizzata di parmigiano o pecorino grattugiato.