ricetta

Parigina: la ricetta della pizza rustica tipica napoletana

Preparazione: 30 Min
Cottura: 20 Min
Riposo: 2 ore
Difficoltà: Facile
Dosi per: 1 teglia da 30x40 cm
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Cookist
A cura di Genny Gallo
44
Immagine
ingredienti
Farina 0
150 gr
Farina manitoba
150 gr
Acqua
300 gr
Lievito di birra fresco
10 gr
Olio extravergine di oliva
25 gr
Sale
10 gr
Pasta sfoglia rettangolare
1 rotolo
Per il ripieno
Pomodori pelati
500 gr
Provola
200 gr
Prosciutto cotto
200 gr
Olio extravergine di oliva
2 cucchiai
Sale
q.b.
per spennellare
uovo
1
Latte
2 cucchiai

La parigina è una specialità tipica della tradizione campana, una via di mezzo tra una focaccia e un rustico che ha una storia molto interessante. Si compone di una base di pasta per pizza e di uno strato superiore di croccante pasta sfoglia. Tra i due impasti, un ripieno gustoso di prosciutto cotto, pomodori pelati e formaggio (solitamente caciocavallo). Dorata all'esterno, soffice sul fondo e scioglievole al cuore, la parigina è un grande classico dello street food napoletano, disponibile nella maggior parte dei bar e delle rosticcerie della città.

Inventata in una rosticceria di Afragola, negli anni Settanta, sembra che la parigina abbia origini ben più antiche e che venne realizzata per la prima volta in onore di Maria Carolina d’Asburgo-Lorena, sovrana del Regno delle Due Sicilie; da qui il nome parigina (dal dialetto napoletano p’ ‘a riggina, cioè "per la regina"). Ottima calda e filante, questa pizza rustica può essere gustata anche fredda.

È uno spuntino goloso e irresistibile, ideale per soddisfare qualunque languorino, ma può essere tagliata a quadrotti e servita per aperitivi, buffet di compleanno e feste. Consumata in porzioni più generose e accompagnata con un'insalata croccante, è un ottimo e saziante piatto unico. Esistono diverse versioni della pizza parigina: senza pomodoro, per esempio, o con l'aggiunta di mortadella, peperoni e melanzane. Al posto del classico caciocavallo, abbiamo usato la provola ma, a piacere, puoi sostituirla con un altro formaggio a pasta filata di tuo gusto.

Scopri come preparare la parigina seguendo passo passo procedimento e consigli. Se ti è piaciuta questa ricetta, prova anche la pizza margherita e la pizza rustica napoletana.

Come preparare la parigina

Riunisci le farine in una ciotola 1.

Aggiungi il lievito sbriciolato 2.

Versa l’acqua 3.

Aggiungi l'olio 4.

Mescola brevemente con un cucchiaio di legno 5.

Termina con il sale 6.

Prosegui a impastare sul piano di lavoro fino a ottenere un panetto liscio e omogeneo 7.

Trasferiscilo in una ciotola, copri con pellicola trasparente 8 e lascia lievitare in un luogo tiepido per circa un'ora e mezza.

Trascorso il tempo di riposo, stendi la pasta con un matterello su un foglio di carta forno 9.

Trasferisci la sfoglia nella teglia e allargala delicatamente con le mani fino a coprire tutta la superficie 10.

Taglia a fettine la provola 11.

Trasferisci i pomodori in un setaccio a maglie strette e falli scolare per almeno una mezz'ora 12.

Schiaccia i pomodori con una forchetta 13. Condiscili con un filo di olio e un pizzico di sale.

Cospargi la sfoglia con i pomodori pelati 14.

Distribuisci sopra le fettine di prosciutto 15.

Completa con le fettine di provola 16.

Srotola il rotolo di pasta sfoglia e, se necessario, stendilo in modo tale che abbia la stessa dimensione della teglia 17.

Bucherella la sfoglia con i rebbi di una forchetta 18.

Trasferiscila sopra la pizza 19 e sigilla bene i bordi.

Rompi l'uovo in una ciotola 20.

Aggiungi il latte 21 e sbatti per bene.

Spennella la superficie della sfoglia con l'emulsione ottenuta 22.

Fai cuocere in forno a 200 °C per circa 20 minuti, finché la superficie non sarà dorata e la pizza ben cotta 23.

Trascorso il tempo di cottura, sforna la parigina e tagliala a quadrotti 24.

Porta in tavola e servi ben calda 25.

Conservazione

La parigina è ottima appena sfornata e ben calda e filante. Se dovesse avanzare, puoi conservarla in frigorifero, sigillata con un foglio di pellicola trasparente, per 1-2 giorni. È possibile anche surgelarla.

Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Ricette
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
44
api url views