video suggerito
video suggerito
ricetta

Marmellata di kiwi: la ricetta della conserva fatta in casa

Preparazione: 40 Min
Cottura: 60 Min
Riposo: 6 ore
Difficoltà: Facile
Dosi per: 4 vasetti da 250 gr
A cura di Maria Matichecchia
37
Immagine

ingredienti

Kiwi
1 kg
Zucchero semolato
700 gr
Limoni piccoli
2

La marmellata di kiwi è una conserva dal retrogusto piacevolmente acidulo, che racchiude in sé tutte le proprietà benefiche di questo prezioso frutto ricco di vitamine e sali minerali. Una vera delizia da spalmare a colazione sulle fette biscottate, o gustare a merenda su del pane tostato, preparata con pochissimi passaggi e solo 3 ingredienti.

Per realizzarla basterà lasciar macerare i kiwi, sbucciati e tagliati a cubetti regolari, per almeno 6 ore con lo zucchero semolato e il succo del limone. Trascorso il tempo di riposo, si trasferiscono in una casseruola dal fondo spesso e si lascia cuocere poi il tutto, schiumando di tanto in tanto, fino a ottenere un composto denso e profumato.

Per verificare se la marmellata ha raggiunto la giusta consistenza versane 1 cucchiaino su un piattino, aspetta qualche istante e poi inclinalo: se resta ferma o scende molto lentamente puoi spegnere il fornello. Prima di invasarla assicurati di aver sterilizzato perfettamente i vasetti di vetro e di esserti attenuto alle linee guida indicate dal ministero della Salute in materia di sicurezza alimentare.

Una volta pronta, puoi gustare la marmellata di kiwi insieme a qualche biscottino secco, per una pausa golosa e genuina, oppure puoi utilizzarla per farcire crêpes, crostate e altri irresistibili dessert. Per un risultato più vellutato al palato puoi passare la confettura a un passaverdure, oppure puoi cimentarti con delle variazioni sul tema e confezionarla con aggiunta di dadini di mela, con o senza zucchero: utilizzando al suo posto dell'eritrotolo per un più basso carico glicemico.

Per questa ricetta prediligi kiwi sodi e zuccherini, in questo modo la resa finale sarà meno acidula e asprigna. Se desideri tenere in dispensa la marmellata più a lungo, sarà necessario pastorizzare i vasetti chiusi ermeticamente in acqua bollente per almeno mezz’ora, avvolti con un canovaccio per non farli rompere, e lasciarli raffreddare poi nel liquido di cottura.

Scopri come preparare la marmellata di kiwi seguendo passo passo procedimento e consigli. Se ti è piaciuta questa ricetta, prova altre preparazioni dolci con i kiwi.

Come preparare la marmellata di kiwi

Per prima cosa sbuccia i kiwi con l'aiuto di un pelapatate 1.

Privali, se preferisci, della parte bianca interna 2, leggermente più asprigna.

Una volta pronti 3, taglia i kiwi a cubetti e trasferiscili in una ciotola.

Spremi il succo dei limoni 4.

Versalo nella ciotola con i kiwi 5.

Aggiungi lo zucchero 6.

Mescola con un cucchiaio 7 e lascia macerare i kiwi in frigo, coperti con pellicola trasparente, per almeno 6 ore.

Trascorso il tempo di macerazione 8, elimina la pellicola.

Versa tutto in una pentola dal fondo spesso e metti su fiamma bassa 9.

Quando la confettura inizierà a sobbollire, elimina di tanto in tanto con un mestolo forato la schiuma che si formerà in superficie 10; quindi lascia cuocere dolcemente per circa 50 minuti.

Trascorso il tempo di cottura, per verificare se la confettura ha raggiunto la giusta consistenza versane 1 cucchiaio al centro di un piattino 11: se dopo qualche istante rimarrà ferma e consistente al centro, potrai spegnere il fuoco altrimenti, se scivolerà via, dovrai lasciarla cuocere qualche minuto in più.

Sterilizza i vasetti di vetro in acqua bollente per una mezz'ora 12, quindi scolali e asciugali perfettamente.

Invasa la marmellata aiutandoti con un imbuto 13 e lasciando circa 1 cm di spazio dal bordo.

Chiudi ermeticamente i vasetti e capovolgili sul piano di lavoro 14, in modo da creare il sottovuoto; quindi lasciali raffreddare completamente.

La marmellata di kiwi è pronta per essere gustata 15.

Conservazione

La marmellata di kiwi si conserva a temperatura ambiente, in un luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce, fino a 6 mesi. Una volta aperta, trasferiscila in frigo e consumala entro 4-5 giorni massimo.

Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Dolci
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
37
api url views