mandarino: proprietà e usi

Originario della Cina, il mandarino è il celebre agrume dalla tipica forma appiattita e globosa, più piccola dell'arancia, con buccia sottile, facilmente pelabile, e una grande succosità e dolcezza. Frutto dell'albero appartenente alla famiglia delle Rutacee (genere Citrus), è, insieme a pomelo e cedro, uno dei tre agrumi originali (e, della triade, l'unico dal sapore zuccherino): da questi, infatti, deriverebbero tutti gli altri (limone, lime, arancia…).

Ottimo da consumare fresco e al naturale, questo frutto trova largo impiego in cucina: può essere accostato a pietanze di carne e di pesce, per ottenere degli eccezionali contrasti agrodolci, ma è soprattutto in pasticceria che sa dare il meglio di sé. Se con il suo succo è possibile confezionare budini, soufflé, salse e creme particolarmente raffinate, è con la sua scorza, ricca di un olio profumato, che si realizzano ottimi liquori ed essenze. Ma non finisce qui: fonte preziosa di vitamine, sali minerali e antiossidanti, il mandarino è anche un vero e proprio elisir di lunga vita. Scopriamo insieme le varietà, le proprietà e le ricette in cui usarlo.

Le varietà dei mandarini e gli ibridi

La pianta del mandarino, dalla chioma raccolta e di media altezza (3-5 metri), si è perfettamente adattata alle tradizionali zone agrumicole di produzione: Sicilia e Calabria, in particolare, assicurano i tre quarti della produzione italiana. Questo frutto si raccoglie da novembre a gennaio, per essere poi consumato da dicembre a febbraio.

Varietà principe è quella detta Avana o Palermitana: a maturazione precoce, è di forma leggermente tondeggiante e schiacciata sugli apici, con un'elevata succosità, un'estrema dolcezza e un aroma persistente; a maturazione tardiva, che avviene precisamente nel mese di marzo (per questo viene anche detto marzuddu), troviamo il mandarino di Ciaculli, dalla frazione palermitana in cui viene coltivato: si tratta di un prodotto presidio Slow Food dal forte aroma, con buccia sottile ed elevato contenuto zuccherino.

Tra le numerose varietà, ricordiamo anche la Satsuma: si tratta di una pianta medio piccola, originaria del Giappone e importata in Italia verso la fine dell'Ottocento. Il frutto, mediamente grande e con buccia sottile, presenta pochissimi semi al suo interno; la King, di origine cinese, importata in Europa sempre nello stesso periodo, si caratterizza per il frutto succoso, dolce e particolarmente grande (cinque volte di più rispetto a un normale mandarino da tavola); la Cleopatra, utilizzata anche per scopi ornamentali, e la Tangerine, che deve il nome alla città marocchina di Tangeri.

Il mandarino ha dato vita anche ad alcuni ibridi:

  • il mandarancio, ottenuto dall'incrocio con l'arancia; è tra i più venduti e consumati poiché racchiude in sé il meglio di entrambi gli agrumi: grande dolcezza e succosità si uniscono, infatti, a una grande praticità e facilità di consumo;
  • la clementina, derivante dall'incrocio del mandarino Avana con l'arancia amara, si caratterizza per l'estrema dolcezza e la quasi totale assenza di semi, peculiarità che la rende un ideale frutto da tavola. Varietà tra le più diffuse e coltivate in Italia, il nome deriva dal suo inventore, il religioso algerino Clément Rodier, che per primo la selezionò intorno al 1940. Quella calabrese e quella pugliese del Golfo di Taranto hanno ottenuto il marchio Igp.
mandarino: proprietà e usi

Le proprietà del mandarino

Composto principalmente da acqua e zuccheri semplici, il mandarino è tra i frutti più indicati nell'alimentazione dello sportivo e del convalescente. Tra gli agrumi, è quello con l'apporto energetico maggiore: con 76 calorie ogni 100 grammi di prodotto, va consumato nelle giuste porzioni e senza eccedere; inoltre, la ricchezza di fruttosio e il carico glicemico di buona entità lo rendono un frutto da consumare con moderazione in caso di diabete e sovrappeso.

Ricco di vitamine, tra queste spicca sicuramente la vitamina C, ma anche la A, la P e l'acido folico, e di sali minerali, soprattutto potassio, calcio e fosforo, è perfetto per contrastare le influenze e i classici malanni di stagione; proteine e grassi sono presenti in percentuali pressoché nulle e la presenza di fibre vegetali aiuta a regolarizzare il transito intestinale. Ottimo è il contenuto di bromo, una sostanza che favorisce il sonno e il rilassamento. E se pensate che il buono sia contenuto solo al suo interno, vi sbagliate di grosso: la sua scorza esterna, infatti, è ricca di limonene, una preziosa sostanza responsabile della caratteristica profumazione, dalla forte azione antiossidante. Sempre da questa si ricava anche l'olio essenziale, utilizzato in ambito cosmetico, soprattutto contro la cellulite.

Benefici

Dalle innumerevoli proprietà terapeutiche, scopriamo insieme tutti i benefici di questo portentoso agrume.

  • Potente antiossidante: ricchissimo di vitamina C, caratteristica che lo accomuna agli altri "componenti" della famiglia degli agrumi, ha la capacità di rafforzare il sistema immunitario, proteggere il corpo dalle infezioni e stimolare la formazione degli anticorpi; utilissimo anche nei mesi più freddi per contrastare e combattere le classiche influenze stagionali;
  • amico dell'intestino: facilmente digeribile, grazie al contenuto di zuccheri semplici, e fonte preziosa di fibre vegetali, sostiene la funzionalità intestinale e favorisce il senso di sazietà, ritardando lo stimolo dell'appetito (per questa ragione è un ottimo spuntino anche per chi è a dieta, sempre non eccedendo nelle porzioni);
  • buona fonte energetica: l'ottimo quantitativo di fruttosio rende questo agrume particolarmente indicato nell'alimentazione dei bambini, degli sportivi e comunque in tutti quei casi in cui si necessita di una buona ricarica di zuccheri naturali;
  • alleato del cuore e delle ossa: la presenza di potassio aiuta a mantenere stabile la pressione arteriosa, mentre quella del calcio svolge un ruolo protettivo nei confronti dell'apparato scheletrico;
  • diuretico naturale: l'ottima percentuale di acqua, di potassio e di vitamina P favoriscono lo smaltimento dei liquidi in eccesso, regalando a questo frutto un prezioso effetto drenante;
  • favorisce il rilassamento: questo agrume contiene anche una sostanza, detta bromo, che ha la capacità di distendere il sistema nervoso e conciliare il sonno; per godere appieno di questo beneficio, il consiglio è di consumarlo dopo cena oppure di sorseggiare una tisana preparata con le sue scorzette essiccate.
mandarino: proprietà e usi

Usi in cucina

Dal profumo straordinario e dal colore vivace, che ricorda quello dei luoghi del Sud Italia in cui viene coltivato, il mandarino è un piccolo scrigno prezioso, ricco di gusto e fragranza. Ottimo assaporato al naturale, a fine pasto o come spuntino pomeridiano spezza-digiuno, è in cucina che dà il meglio di sé. La sua dolcezza, unita a un retrogusto piacevolmente acidulo, esalta primi e secondi piatti a base di carne e di pesce. Irrorate con il suo succo una raffinata tartare di gamberi, sostituendolo alla classica arancia, oppure profumate con la sua scorza grattugiata dei golosi involtini di pesce spada o delle delicate scaloppine di vitella.

In pasticceria è sicuramente il protagonista indiscusso: può essere impiegato per la guarnizione di tipiche torte e crostate, anche insieme ad altra frutta fresca con cui contrasta nel colore e nel gusto; grazie al succo dolce e aromatico, è ideale per la preparazione di budini, bavaresi, mousse, soufflé, nonché salse e creme particolarmente raffinate; e come dimenticare, infine, gelati, granite e sorbetti. Tra le varie delizie dolci, menzione d'onore spetta al pan di mandarino, una cake soffice, morbida e fragrantissima, ideale da inzuppare in una tazza di latte o di tè bollente all'ora della colazione.

Dalla scorza, ricca di un olio profumato, si ricava un'essenza aromatica impiegata per il tipico liquore e per esaltare prodotti di pasticceria. Sempre grazie alla polpa succosa e zuccherina, è possibile dare vita a marmellate e conserve genuine – da confezionare durante la stagione invernale e gustare durante tutto l'anno – e gelatine da abbinare a salumi, formaggi e piatti a base di carne.