3 Giugno 2022 15:00

Frullato e frappè? Tutte le differenze e i segreti per realizzarli

Sebbene molti li confondano, tra frullato e frappe esiste più di una differenza che riguarda gusto, cremosità e apporto calorico.

A cura di Monica Face
69
Immagine

Sembrano simili ma non lo sono: parliamo delle differenze fra frullato e frappè, due golosità spesso confuse fra loro. Se è vero infatti che l’elemento in comune consiste nella presenza della frutta frullata, è altrettanto vero che l’aggiunta della parte liquida – come acqua, latte, bevanda vegetale, ghiaccio o gelato – costituisce la vera diversità tra le due preparazioni, cosa che incide sul gusto, sulla consistenza e anche l’apporto calorico e nutritivo. Vediamoli nel dettaglio quali sono le differenze tra frullato e frappè.

L’elemento in comune: la frutta

La base di partenza è sempre la stessa, ossia la frutta fresca, meglio se di stagione e matura. Nel caso di kiwi, ananas, o banane dovrai ovviamente prima sbucciarla. Se invece hai scelto pesche, mele, pere, fragole o albicocche, che hanno una buccia edibile, sarà sufficiente lavarla bene e, dopo aver eliminato qualche possibile ammaccatura, tagliarla in pezzi grossolani. La frutta di per sé è già dolce pertanto non sarà necessario aggiungere zucchero. Ma se scegli un frutto acidulo, come il kiwi, puoi provare a dolcificare con miele, sciroppo d’acero o stevia.

Immagine

Il frullato

In questa bevanda alla frutta frullata viene aggiunta una parte liquida, come acqua, latte o una bevanda vegetale. Metti tutto nel frullatore, aziona e, quando avrai raggiunto la consistenza desiderata, puoi versarlo nei bicchieri e gustarlo. Tieni presente che alcuni tipi di frutta, come kiwi o ananas contengono molta acqua, quindi la consistenza sarà molto più liquida. Scegliendo quella più polposa, come banane, fragole o pesche, avrai un risultato più denso. Ovviamente scegliere il latte al posto dell’acqua rende il frullato molto più nutriente e fornisce un contributo di proteine e grassi che in quello di sola frutta e mancherebbe.

Immagine

Il frappè

Il nome viene dal francese e significa letteralmente “colpito dal freddo” e questo perché la frutta viene frullata assieme al ghiaccio o al gelato, e la bassa temperatura la rende più consistente e cremosa. Per fare il frappè si possono usare anche altri ingredienti come cacao, vaniglia, liquori, caffè o sciroppi alla menta e amarena. Ovviamente utilizzando il gelato, e ancor più se si aggiungono altri ingredienti come panna e biscotti, si alza notevolmente il contenuto calorico, trasformando la bibita in un dessert a tutti gli effetti.

I frappè si possono preparare anche con infusi e altri liquidi: un frappè al caffè può anche essere ottenuto con un buon espresso freddo oppure unendo gelato al caffè e caffè espresso.

Immagine

Cosa occorre per realizzare frullati e frappè

Definite le differenze principali, le consistenze dovute all’aggiunta della parte liquida, per realizzare frullato e frappè prima di tutto ti serve un frullatore. Tra le diverse tipologie in commercio puoi scegliere tra frullatore a immersione, tradizionale e frullino.

1. Frullatore a immersione

Immagine

Molto pratico da usare, economico ha il vantaggio di avere sia le lame per frullare sia la frusta per montare. Ha però il difetto di sfibrare la polpa, per questo cerca di usarlo con una velocità moderata azionando a impulsi, fino a raggiungere la consistenza desiderata.

2.  Frullatore classico 

Immagine

Solitamente il frullatore classico ha un bicchiere in vetro o plastica, e le lame sono studiate appositamente per fare in modo che la polpa resti densa. Anche in questo caso ti suggeriamo di iniziare con una velocità bassa per mescolare gli ingredienti, poi, una volta sminuzzati grossolanamente, aumentarla al massimo fino a raggiungere la giusta cremosità.

3. Frullino 

Immagine

È lo stesso che viene usato per fare gli smoothie ed è ottimo perché ti consente di frullare ma al tempo stesso anche di montare il frullato o il frappè. Come per gli altri parti sempre da una velocità minima e, una volta che la frutta sarà sminuzzata, aumenta la velocità per montare il composto.

La presentazione

Che si tratti di frullato o di frappè, la presentazione è molto importante: scegli bicchieri alti e slanciati, meglio se trasparenti, così da lasciare intravedere il colore e la densità. Molto carini da presentare sono anche i barattolini di vetro. Per decorare aggiungi un pezzetto di frutta fresca e non tralasciare una cannuccia colorata.

69
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
69