ricetta

Dorayaki salati: la ricette delle frittelle soffici e deliziose

Preparazione: 15 Min
Cottura: 5 Min
Difficoltà: Facile
Dosi per: 4 persone
A cura di Claudia Gargioni
5
Immagine
ingredienti
Latte
200 gr
Farina 00
180 gr
Lievito in polvere
5 gr
uovo
1
Miele
1 cucchiaino
Sale
q.b.
per la farcitura
Salsa tzatziki
200 gr
Speck a fette sottili
100 gr
Lattuga
q.b.
ti serve inoltre
Olio di semi di arachide
1 cucchiaio

I dorayki salati sono dei mini sandwich molto sfiziosi e semplici da preparare. Una rivisitazione dei classici dorayaki dolci, le tipiche frittelle giapponesi, molto diffuse a Tokyo, tradizionalmente farcite con l’anko, una confettura di fagioli rossi azuki e zucchero. Molto simili per metodo di preparazione e consistenza ai pancakes americani, vengono realizzati mescolando semplicemente la farina con il latte, l’uovo, 1 cucchiaino di miele, il lievito e un pizzico di sale.

Una volta ottenuta una pastella omogenea, questa verrà cotta a cucchiaiate su una padella ben calda, leggermente unta d’olio, fino a ottenere tanti dischetti morbidi e spugnosi da riempire a piacimento con gli ingredienti più svariati, e portare in tavola come antipasto o per un aperitivo o un pranzo a buffet.

Qui li abbiamo imbottiti con qualche fettina di speck tagliato sottile, lattuga croccante e salsa tzatziki, ma a piacimento puoi prepararli con salmone e dadini di avocado, bresaola, rucola e grana, prosciutto crudo e stracchino, oppure cimentarti in una versione vegetariana a base di hummus di ceci, melanzane grigliate e pomodorini secchi sott’olio.

Se desideri puoi preparare l'impasto il giorno precedente e farlo riposare una notte in frigo: in ogni caso, quale che sia la tua scelta, nel realizzarlo ricordati di setacciare la farina accuratamente: in questo modo sarà liscio e privo di grumi, e la resa finale sarà impeccabile.

Il nome dorayaki sembra derivare dal giapponese dora che letteralmente significa gong, in riferimento alla forma circolare delle frittelle che ricorda quella dello strumento musicale. Nel nostro Paese sono divenuti famosi al grande pubblico per essere il piatto preferito di Doraemon, il simpatico gatto blu protagonista dell’omonimo cartone animato giapponese anni ‘80. Ampiamente rivisitati, da noi hanno avuto successo soprattutto ripieni di crema spalmabile alla nocciole, marmellate e confetture di ogni tipo.

Scopri come preparare i dorayaki salati seguendo passo passo procedimento e consigli. Se ti è piaciuta questa ricetta cimentati anche con le crêpes salate prosciutto e formaggio, o con le frittelle salate senza lievitazione.

Come preparare i dorayaki salati

Setaccia accuratamente la farina e raccoglila in una ciotola 1.

Aggiungi l’uovo 2, leggermente sbattuto con i rebbi di una forchetta.

Unisci il miele 3.

Incorpora il lievito 4 e un pizzico di sale.

Versa il latte 5.

E mescola bene con una frusta 6, fino a ottenere una pastella liscia e priva di grumi.

Ungi un padellino antiaderente con un filo d'olio 7 e metti sul fuoco.

Quando sarà ben caldo, unisci un mestolino di pastella 8.

Fai cuocere fino a quando si formeranno delle bollicine in superficie, quindi gira delicatamente il dorayaki con una spatola 9, e prosegui la cottura anche dall'altro.

Procedi in questo modo fino a esaurimento dell'impasto. Man mano che sono pronti, impila i dorayaki su un piatto piano 10 e lasciali raffreddare.

Farcisci i dorayaki: versa al centro un po' di salsa tzatziki 11 e spalmala bene con il dorso di un cucchiaio.

Aggiungi qualche fettina di speck 12, tagliata sottile.

Prosegui con qualche foglia di lattuga 13, precedentemente lavata e asciugata.

Copri con un altro dorayaki 14 e continua a realizzare gli altri.

Una volta pronti, disponi i dorayaki su un tagliere 15 e servi.

Varianti

Questa ricetta non prevede un grande quantitativo di lievito, solo 5 gr, ma se desideri ometterlo, puoi farlo tranquillamente. A piacere puoi preparare una variante light priva di burro nell’impasto, anche se la resa non sarà proprio la stessa, oppure una più ricca con aggiunta di parmigiano grattugiato ed erbette aromatiche a piacere.

Puoi farcirli con verdure differenti secondo la stagionalità, o realizzare una versione verde unendo al resto degli ingredienti zucchine o spinaci, saltati in padella e frullati.

Conservazione

I dorayaki salati si conservano in frigo, in un contenitore ermetico, per 1 giorno massimo.

5
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Antipasti
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
5