ricetta

Arancini di riso: la ricetta tipica siciliana del riso ripieno di ragù e piselli

Preparazione: 40 Min
Cottura: 50 Min
Difficoltà: Media
Dosi per: 6 arancini di riso
A cura di Ilaria Cappellacci
46
Immagine
ingredienti
riso Carnaroli o Vialone Nano
300 gr
Burro
80 gr
Zafferano
1 bustina
Sale
q.b.
Per il ripieno
Carne macinata mista (manzo e maiale)
150 gr
Cipolla
1/2
Carota
1/2
Sedano
1 costa
Olio extravergine di oliva
2 cucchiai
Vino bianco
100 ml
Piselli (freschi o surgelati)
80 gr
Alloro
1 foglia
Chiodi di garofano
2
Caciocavallo
12 cubetti piccoli
Caciocavallo grattugiato
2 cucchiai
Polpa di pomodoro
250 gr
Per la panatura
Farina
4 cucchiai
Pangrattato
q.b.
Olio di semi di arachidi
q.b.
Acqua
q.b.

Gli arancini di riso, chiamati anche al femminile arancine, sono una ricetta tipica dello street food siciliano. Si tratta di piccoli timballi di riso allo zafferano ripieni di ragù di carne e piselli con l'aggiunta di caciocavallo a dadini e grattugiato. Una volta formati gli arancini, si passano in una pastella densa e coprente realizzata con acqua e farina, si panano nel pangrattato e poi si friggono in olio di semi ben caldo, portato alla temperatura di circa 160 °C, girandoli con molta delicatezza.

Croccanti fuori e filanti al cuore, gli arancini di riso sono un'autentica bontà che conquista proprio tutti: puoi servirli come finger food in occasione di un aperitivo tra amici, per un buffet di festa oppure come antipasto di una cena speciale con ospiti. A seconda della regione siciliana in cui ci troviamo, gli arancini possono essere modellati a forma di cono, a pera, ma possono essere anche tondi, ricordando appunto il frutto dell'arancia da cui prendono il nome (dovuto anche alla colorazione dorata dalla frittura).

Può cambiare anche il nome: a Palermo, infatti, vengono chiamate appunto arancine. Dalla forma tipicamente rotonda, si preparano secondo tradizione durante la festa di Santa Lucia, il 13 dicembre. Oggi è possibile trovarli ovunque e in ogni momento dell'anno, sempre caldi e fragranti nelle varie friggitorie delle città siciliane, insieme alle specialità tipiche del territorio, come cazzilli, panelle e lo sfincione palermitano. Si possono realizzare in numerose varianti: dalle più classiche, come quella al ragù e al prosciutto, a quelle più originali, come di riso venere, di spaghetti o al pistacchio.

Scopri come prepararli seguendo passo passo procedimento e consigli.

Come preparare gli arancini di riso

Cuoci il riso in acqua bollente e salata per il tempo riportato sulla confezione 1.

Per la preparazione del ragù trita le verdure, raccoglile in una casseruola e aggiungi l'olio extravergine di oliva 2.

Fai soffriggere a fiamma bassa finché le verdure non appassiscono 3.

Aggiungi la carne macinata mista 4.

Mescola per far insaporire per bene la carne con il soffritto 5.

La carne deve rosolarsi a fiamma bassa finché non cambia colore 6.

Versa il vino bianco 7 e alza la fiamma per farlo sfumare.

Unisci la polpa di pomodoro 8.

Mescola con una paletta 9 e lascia cuocere per 15 minuti.

Aggiungi una foglia di allora spezzata così da sprigionare più aroma 10.

Aggiungi i chiodi di garofano 11. Lascia cuocere il ragù per altri 15 minuti.

Unisci i piselli 12.

Mescola 13 e continua la cottura del ragù per altri 40 minuti.

Il ragù con i piselli per farcire gli arancini dev'essere ben ritirato e corposo 14.

Trasferisci il ragù in una ciotola e lascialo intiepidire 15.

Unisci il caciocavallo grattugiato al ragù di piselli 16.

Mescola con un cucchiaio 17.

Scola il riso 18.

Trasferisci il riso in una padella e aggiungi il burro e lo zafferano, sciolto in poca acqua bollente 19.

Manteca il riso 20.

Lo zafferano e il burro devono distribuirsi in maniera omogenea colorando di giallo il riso e renderlo cremoso 21.

Fai raffreddare il riso steso in un vassoio o un piatto piano largo 22.

Per la pastella metti la farina in un piatto fondo 23.

Versa l'acqua e mescola fino a creare una pastella densa e coprente, priva di grumi 24.

Preleva il riso freddo dal piatto e forma una sorta di guscio nel palmo della mano, quindi metti al centro due cucchiaini di ragù e piselli 25.

Completa il ripieno degli arancini con due cubetti di caciocavallo 26.

Richiudi l'arancino premendo bene con le mani 27.

Immergi gli arancini di riso nella pastella 28.

Passa gli arancini nel pangrattato 29.

Piano piano modella gli arancini a punta, dandogli una forma conica 30.

Immergi gli arancini in abbondante olio di arachidi bollente, a circa 160 °C 31. Cuoci per circa 3-4-minuti  girandoli delicatamente per farli colorire in maniera uniforme.

Una volta dorati, scola gli arancini 32.

Servi in tavola gli arancini di riso caldi e croccanti 33.

Consigli

Per degli arancini impeccabili, utilizza un riso della varietà Carnaroli o Vialone nano: ricchi di amido, in grado di assorbire facilmente gli odori e legarsi al meglio agli ingredienti, sono ideali per questo genere di preparazioni.

In alternativa alla frittura, per una ricetta più leggera, puoi cuocere gli arancini in forno a 180 °C per circa 30 minuti, o comunque finché non risulteranno ben dorati e croccanti.

Conservazione

Gli arancini di riso si possono conservare crudi in frigorifero per 2 giorni; è possibile anche congelarli. Una volta fritti, vanno consumati subito ben caldi e filanti.

46
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Antipasti
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
46