5 Dicembre 2023 13:00

Le varianti della pasta sfoglia: 10 tipologie da conoscere

Le varianti più famose della pasta sfoglia, una preparazione di base fondamentale: ecco le tipologie più famose, ideali per esaltare ogni piatto, da quelle classiche a quelle più innovative.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Cookist
A cura di Monica Face
23
Immagine

Vera e propria icona della pasticceria e della cucina salata, apprezzata in tutto il mondo per la sua versatilità e la capacità di trasformare qualsiasi piatto in un'opera d'arte culinaria, la pasta sfoglia, che ha antiche radici nel Mediterraneo, è stata perfezionata nel tempo dai cuochi francesi, diventando un simbolo di raffinatezza e gusto. Simile alla pasta brisée per gli ingredienti usati, ma differente per lavorazione e per il risultato finale. La sua caratteristica principale è, infatti, la struttura stratificata, risultato di un processo di lavorazione meticoloso che alterna strati di impasto e burro, creando così la tipica consistenza sfogliata, friabile e leggera, capace di esaltare sia dolci sia piatti salati.

Caratteristiche della pasta sfoglia 

Nella pasta sfoglia tradizionale, il processo di preparazione coinvolge sia il pastello sia il panetto, e la loro interazione è cruciale per la creazione di una buona struttura. Ecco una descrizione più dettagliata:

  • Il pastello: è una miscela di farina, una piccola quantità di burro e acqua. Questo impasto viene lavorato fino a ottenere una consistenza omogenea e poi lasciato riposare per un po'.
  • Il panetto: parallelamente alla preparazione del pastello, si prepara il panetto, che è essenzialmente un blocco di burro. A volte, una piccola quantità di farina può essere mescolata con il burro per rendere più facile la lavorazione. Il panetto di burro è quello che, inserito nel pastello, crea gli strati durante il processo di laminazione.
  • Combinazione e laminazione: dopo che il pastello ha riposato, viene steso in un rettangolo. Il panetto di burro viene poi posizionato sopra una parte del pastello steso. Il pastello viene quindi piegato in modo tale da racchiudere completamente il burro. Questo "pacchetto" di impasto e burro viene poi steso e piegato più volte. Ogni piegatura (chiamata anche "giro") aggiunge strati all'impasto. Tra ogni giro, l'impasto deve essere lasciato riposare in frigorifero per mantenere il burro freddo e facilitare la laminazione successiva.
  • Risultato finale: il processo di piegatura e riposo viene ripetuto diverse volte. Questo metodo di lavorazione stratifica il burro all'interno dell'impasto, che in cottura crea la tipica struttura croccante della pasta sfoglia.

Dai tradizionali millefoglie e torte salate, passando per grissini e filetti in crosta, la pasta sfoglia si presta a una vasta gamma di interpretazioni culinarie. Con l'avvento di numerose varianti, come quella magra, aromatizzata, o lampo, l'universo di questa base si è ulteriormente arricchito, offrendo ai cuochi amatoriali e professionisti infinite possibilità di espressione creativa in cucina. Vediamo quali sono le caratteristiche dell'originale e quanti varianti esistono.

1. Pasta sfoglia francese 

Immagine

La pasta sfoglia francese rappresenta la versione classica, celebrata per la sua struttura stratificata che le conferisce friabilità e leggerezza. Come abbiamo già detto, la sua preparazione si basa su ingredienti fondamentali quali farina, burro di buona qualità, acqua fredda e un pizzico di sale. Il successo risiede nella precisione del suo processo di lavorazione, che include la stesura dell'impasto, ripetute piegature e riposi, fondamentali per creare gli strati sfogliati distintivi. Si tratta di un esempio classico di come la tradizione e l'attenzione ai dettagli possano produrre un risultato culinario di eccellenza, adatto sia per dolci sia per piatti salati.

2. Pasta sfoglia all’italiana 

Immagine

La variante italiana, deve il suo nome e la sua unicità al rinomato pasticcere  Iginio Massari. In questa versione, alla ricetta tradizionale si aggiunge un ingrediente speciale: il vino bianco secco. Questo, non solo conferisce un sapore unico all'impasto, ma accelera anche il processo di lavorazione rispetto alla sua controparte francese, pur mantenendo una versatilità comparabile. La pasta sfoglia all'italiana si presta magnificamente per la realizzazione di pizzette, millefoglie farcite di crema e altre delizie sia dolci sia salate, offrendo ai cuochi una tela bianca per esprimere la loro creatività culinaria. Con la sua consistenza leggera, questa variante rappresenta una sfiziosa interpretazione italiana di un classico della pasticceria mondiale.

3. Pasta sfoglia inversa

Immagine

La pasta sfoglia inversa è una variante intrigante della tradizionale, che si caratterizza per un processo di lavorazione “al contrario”, come suggerisce il suo nome. Questa particolare tecnica inverte l'ordine dei passaggi: si inizia lavorando una maggior quantità di burro (spesso con un po' di farina aggiunta) per formare una sorta di panetto. Successivamente, il pastello viene posizionato al centro di questo panetto di burro.

Il risultato è una sfoglia in cui il burro avvolge l'impasto, piuttosto che essere incorporato al suo interno. Questo porta a una distribuzione diversa del grasso, influenzando sia la consistenza sia il gusto finale, in quanto si otterrà uno strato esterno più croccante e dorato, con un interno che rimane morbido e leggermente più ricco a causa della maggiore presenza di burro.

4. Pasta sfoglia scozzese (o lampo)

Immagine

Conosciuta anche come “pasta sfoglia lampo”, la scozzese si distingue per la sua praticità e rapidità di preparazione, rendendola un'opzione ideale per chi desidera realizzarla in poco tempo. Questa variante è particolarmente apprezzata per la sua versatilità e la capacità di adattarsi bene a preparazioni che richiedono meno stratificazione e una maggiore resistenza all'umidità, come le torte salate o i dolci con farciture umide. La principale differenza dalla pasta sfoglia classica è il processo di lavorazione: nella versione scozzese, infatti, i passaggi di stesura, piegatura e riposo dell'impasto sono notevolmente ridotti, portando a una formazione di strati meno evidente e a una struttura meno ariosa, ma che rimane efficace e gustosa per una varietà di piatti.

5. Pasta sfoglia magra o olandese

Immagine

La pasta sfoglia magra, conosciuta anche come olandese, è una variante più leggera, ideale per chi cerca un'alternativa con un contenuto di grassi ridotto. Il punto distintivo sta nell'utilizzare una quantità inferiore di burro rispetto a quella tradizionale: la riduzione del grasso non solo alleggerisce l'impasto in termini calorici, ma influisce anche sulla sua consistenza e sul sapore e, infatti, tende ad essere meno friabile e un po' più compatta pur mantenendo una buona flessibilità e un sapore gradevole, adatto a preparazioni dolci e salate. In alcune ricette, il burro viene sostituito parzialmente o completamente con altri grassi, come lo yogurt greco: questo offre un compromesso tra il desiderio di leggerezza e la necessità di mantenere una certa ricchezza nel gusto e nella consistenza dell'impasto.

6. Pasta sfoglia aromatizzata

Immagine

Ecco un'alternativa creativa e personalizzabile, che si distingue per l'aggiunta di ingredienti supplementari che conferiscono sapori e aromi unici, trasformando un classico della pasticceria in un elemento sorprendente e versatile. Alla base ci sono sempre farina, burro, acqua e sale, arricchiti da erbe aromatiche, come il timo, il rosmarino o la salvia, offrono un aroma fresco e profumato, ideale per piatti salati o per accompagnare ripieni a base di carne o verdure. La paprika e il pepe possono aggiungere un pizzico di calore e speziatura, mentre il cacao in polvere può essere utilizzato per varianti dolci, creando un contrasto intrigante con ripieni a base di frutta o crema.

Si possono incorporare anche altri elementi come tuorli d'uovo, che donano ricchezza e colore, oppure vermouth e liquori per un tocco di sapore inaspettato. Anche il formaggio, in particolare le varietà dal gusto più intenso, può essere un'ottima aggiunta per una versione salata. Questa varietà permette una grande libertà creativa, poiché si possono sperimentare combinazioni diverse in base alle preferenze personali o alle esigenze specifiche di una ricetta.

7. Pasta sfoglia furba

Immagine

La pasta sfoglia furba è una versione innovativa della classica, ideale per chi cerca una soluzione rapida e meno laboriosa. Questa variante si distingue per l'uso particolare del burro, che viene introdotto nell'impasto in due consistenze diverse: una parte morbida e un'altra fredda, direttamente dal frigorifero. Questo approccio facilita l'incorporazione del burro, consentendo una distribuzione più uniforme e veloce all'interno dell'impasto.

La lavorazione inizia con la planetaria, che riduce notevolmente il tempo e lo sforzo necessario per amalgamare gli ingredienti. Una volta che il burro è stato incorporato adeguatamente, l'impasto viene steso con un mattarello. Questo passaggio è seguito da piegature multiple, un processo simile a quello della pasta tradizionale ma reso più semplice grazie alla doppia consistenza del burro. Dopo la stesura e le piegature, l'impasto richiede un periodo di riposo in frigorifero. Questo tempo di riposo, generalmente di almeno un'ora, è cruciale per garantire che l'impasto si rilassi e che il burro si raffreddi adeguatamente, mantenendo così la struttura desiderata della pasta sfoglia durante la cottura.

8. Pasta sfoglia vegan

Immagine

In questa variante, il burro viene sostituito con alternative vegane, come margarina vegetale o oli vegetali specifici che possono replicare la consistenza e la stratificazione tipiche di questa base. Il processo di laminazione e piegatura rimane simile a quello delle versioni classiche, ma l'attenzione si concentra sull'uso di ingredienti completamente vegetali. Il risultato è un prodotto che mantiene la leggerezza e la friabilità caratteristiche della pasta sfoglia classica, pur essendo completamente privo di ingredienti animali.

9. Pasta sfoglia integrale

Immagine

Con la sua farina più ricca in fibre, la pasta sfoglia integrale richiede un'attenzione particolare nella sua preparazione: a causa della maggiore capacità di assorbimento della farina integrale, infatti, potrebbe essere necessario aumentare le quantità di liquidi. Inoltre, la presenza di crusca nella farina integrale può influenzare la maniera in cui l'impasto si comporta durante la laminazione, richiedendo forse un po' più di delicatezza durante la lavorazione per ottenere una distribuzione uniforme del burro e la formazione di strati. Sebbene questa variante possa non raggiungere la stessa leggerezza di quella tradizionale, offre una consistenza piacevole e un sapore ricco, rendendola una scelta eccellente per chi cerca un'alternativa più salutare senza compromettere il gusto.

10. Pasta sfoglia senza glutine

Immagine

Adattare la pasta sfoglia per chi segue una dieta senza glutine rappresenta una sfida intrigante in cucina: le miscele di farine senza glutine, come quelle a base di riso, mais o mandorle, possono comportarsi diversamente durante la lavorazione, richiedendo la necessità di  aggiustamenti nelle quantità di liquidi e nel metodo di lavorazione. L'obiettivo è replicare la leggerezza e la friabilità di quella tradizionale, pur tenendo conto delle diverse proprietà delle farine senza glutine. Sebbene possa richiedere alcuni tentativi per perfezionare la tecnica, la versione senza glutine offre un'alternativa deliziosa e accessibile, consentendo a tutti di godere di una vasta gamma di piatti sfogliati senza preoccuparsi del glutine.

Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
23