ricetta

Risotto salsiccia e vino rosso: la ricetta del primo piatto rustico e saporito

Preparazione: 1h
Difficoltà: Facile
Dosi per: 2 persone
188
Immagine
ingredienti
Riso carnaroli
200 gr
Vino rosso
200 ml
Salsiccia di maiale
150 gr
Burro
50 gr
Cipolla
1/2
Brodo di carne
1 l
Parmigiano grattugiato
q.b.
Olio extravergine d’oliva
q.b.
Sale
q.b.
pepe
q.b.

Il risotto con salsiccia e vino rosso è un primo piatto ricco e gustoso, la variante ancora più aromatica del classico risotto alla salsiccia, specialità tipica della cucina del Nord Italia. Il riso della varietà Carnaroli viene tostato a secco, sfumato con un bicchiere di ottimo vino rosso e poi portato a cottura aggiungendo man mano del brodo caldo. L'unione con la salsiccia, fatta rosolare in padella con la cipolla, regalerà una pietanza ricca e succulenta, resa ancora più cremosa dalla mantecatura finale con burro e parmigiano. Una ricetta particolarmente indicata per la stagione invernale, da servire in occasione di un bel pranzo in famiglia. Scoprite come realizzarla seguendo passo passo tutte le nostre indicazioni.

Come preparare il risotto salsiccia e vino rosso

Sbucciate la cipolla e tritatela finemente 1.

Fate appassire la cipolla tritata in una padella con un filo di olio, quindi aggiungete la salsiccia, spellata e sgranata 2, e rosolate per qualche minuto.

Scaldate una padella sul fuoco, senza aggiungere grassi; versate il riso, mescolate e fate tostare per bene 3. Il riso sarà pronto quando, toccando con le mani i chicchi, risulteranno ben caldi.

Bagnate con il vino rosso 4 e lasciate sfumare a fiamma vivace.

Bagnate con un mestolo di brodo caldo 5 e portate a cottura, versando altro brodo man mano che viene assorbito. Aggiustate di sale e di pepe.

A metà cottura, aggiungete la salsiccia rosolata 6 e mescolate per bene.

Quando il riso sarà cotto, ma ancora al dente, spegnete e mantecate con burro e parmigiano 7.

Impiattate il risotto e ultimate con qualche fogliolina di prezzemolo e una spolverizzata di parmigiano. Portate in tavola e servite 8.

Consigli

Il segreto per ottenere una preparazione impeccabile sta nella scelta degli ingredienti, che devono essere di primissima qualità; è consigliabile utilizzare un vino rosso fermo e poco tannico, e una salsiccia artigianale e dal sapore deciso.

Le qualità migliori per i risotti sono il Carnaroli, il Vialone nano e l’Arborio; il Carnaroli, utilizzato per questa ricetta, nasce da un incrocio tra il vialone e il leoncino, ha chicchi grossi e affusolati, molto consistenti, in grado di assorbire facilmente gli odori e legarsi al meglio agli ingredienti. Ricco di amido, tiene bene la cottura e conserva una consistenza soda.

Una volta tostato il riso, abbassate la fiamma e iniziate la cottura vera e propria, aggiungendo poco brodo alla volta, man mano che viene assorbito. Il brodo deve essere tenuto sul fuoco in continua ebollizione: questo metodo permette di mantenere una temperatura di cottura costante. A metà cottura, aggiungete gli altri ingredienti precedentemente cotti: questa procedura, oltre a essere molto pratica, consente di esaltare al meglio tutti i sapori. Potete utilizzare un brodo sia di carne sia vegetale.

Per un risultato ancora più ricco e cremoso, potete aggiungere in fase di mantecatura anche un cucchiaio di mascarpone; per rendere la preparazione più leggera, invece, potete sostituire il burro con uno, due cucchiai di robiola o formaggio fresco spalmabile.

Se vi è piaciuta questa ricetta, provate anche il risotto porri e salsiccia e quello stracchino e salsiccia.

 Conservazione

Il risotto salsiccia e vino rosso si conserva in frigorifero, in un apposito contenitore ermetico, per massimo 1-2 giorni; al momento del consumo, scaldatelo in una padella, avendo l'accortezza di rigenerarlo con un goccino di brodo caldo.

188
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Primi piatti
Lascia un commento
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
188