Noti scientificamente con il nome di Allium Ameloprasum, i porri sono piante appartenenti alla famiglia delle Liliaaceae. Cugini di aglio e cipolla, i porri si presentano di forma allungata e cilindrica, con foglie verdi contrapposte (verdi più scure all'esterno e più chiare all'interno) e con fiori di colore bianco. Ortaggio invernale e tipico delle zone mediterranee, il porro è facilmente digeribile, ha un effetto diuretico e antiossidante e può essere utilizzato in cucina in diversi modi, grazie al suo sapore pungente e il suo profumo inconfondibile. Noto fin dai tempi degli Egizi e dei Romani per le loro proprietà benefiche, i porri non dovrebbero mancare nella nostra alimentazione e nelle nostre ricette, scopriamo perché.

Proprietà dei porri

Composti principalmente da acqua (per quasi l'88%), i porri sono poveri di calorie (appena 35 kcal per 100 grammi di prodotto) e ricchi di sali minerali, in particolare sodio, calcio, potassio e fosforo e, in quantità minore, ferro. Buona la quantità di vitamine, in particolare vitamina A, vitamina C, vitamina B6 e folati. Irrisorie le quantità di proteine mentre mancano del tutto colesterolo, amido o alcool; all'interno dei porri, cotti o crudi, troviamo pochi carboidrati disponibili e fibre.

Benefici dei porri

Consumati crudi o cotti, i porri hanno innumerevoli effetti benefici sulla nostra salute e per questo motivi erano già noti agli antichi Egizi e Romani. In particolare, tra i motivi per cui dovremmo consumarli troviamo:

  • Diuretici e disintossicanti: grazie alla massiccia presenza di acqua i porri stimolano la diuresi e l'eliminazione delle tossine presenti nel nostro corpo; ottimi per chi soffre di ritenzione idrica;
  • antibiotici naturali e antiossidanti: i sali minerali, le vitamine e i flavonoidi comportano un effetto di contrasto ai radicali liberi e all'invecchiamento cellulare;
  • contrastano la formazione e tengono sotto controllo i livelli di colesterolo cattivo nel sangue, aiutando il cuore e tutto il sistema cardiocircolatorio;
  • la presenza del potassio permette ai porri di tenere sotto controllo la pressione sanguigna;
  • aiutano e stimolano la naturale produzione di succhi gastrici rivelandosi alleati della digestione;
  • grazie alla presenza delle vitamine, in particolare della vitamina C, i porri aiutano e proteggono il sistema immunitario; la vitamina B6 aiuta anche la produzione di anticorpi contro le infezioni;
  • essendo poco calorici, i porri sono consigliati nelle diete ipocaloriche e dimagranti e, in generale, per chi sceglie uno stile di vita sano e un'alimentazione equilibrata.
Affettare i porri

Usi in cucina

Abbiamo visto tutti i motivi per cui consumare i porri può rivelarsi un'ottima e salutare abitudine ma resta la domanda: come usarli in cucina? Una volta eliminate le radici e le punte delle foglie, possiamo usare il porro non solo come sostituto o insieme alla cipolla per classici fondi di cottura o soffriti, ma anche in vere e proprie ricette. Anche la parte superiore delle foglie può essere usata per creare brodi vegetali o per arricchire zuppe.  

Se, per esempio, cercate un primo piatto, potete scegliere un risotto con porri e salsiccia o una zuppa con patate e porri, perfetta per i giorni invernali; se invece volete sperimentare un po' e provare sapori nuovi, provate la frittata di porri o una sfiziosa e golosissima torta salata con broccoli, porri e mozzarella, ottima per ogni occasione, proprio come lo sformato la forno, profumato e ricco di sapore.