15 Giugno 2023 11:00

Pomodori verdi (fritti): la varietà di ortaggio diventata famosa grazie a un film

La celebre ricetta diventata iconica per un romanzo e la sua seguente trasposizione cinematografica si basa su una particolare varietà di pomodori, da non confondere con i pomodori non maturi. E in cucina si possono preparare in molti più modi, oltre che fritti.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Cookist
A cura di Martina De Angelis
257
Immagine

Se sei cresciuto negli anni ‘90 conosci sicuramente Pomodori verdi fritti, celebre film del periodo basato sul non meno amato romanzo di Fannie Flagg. Grazie al cinema e alla carta stampata questa particolare ricetta è diventata famosa in tutto il mondo, ma non tutti sanno che i pomodori verdi sono un ortaggio molto versatile.

La credenza comune, quando si parla di pomodori verdi, è che si tratti dei pomodori normali non ancora maturi. E invece no: i pomodori verdi sono una vera e propria varietà, che in cucina può essere preparata in molti diversi. Fritti, ovviamente, ma non solo.

Cosa sono i pomodori verdi? Caratteristiche e proprietà

I pomodori verdi sono una vera e propria varietà di pomodori, ben distinta dai classici pomodori rossi che sei abituato a consumare. A caratterizzarli è la particolarità di essere molto sodi, e quasi totalmente privi di semi. Queste loro caratteristiche sono tra gli indizi principali per distinguere i pomodori verdi da quelli ancora acerbi. Un’altra differenza è che i secondi possono essere mangiati anche crudi, mentre i pomodori verdi si consumano quasi sempre cotti.

Con i pomodori rossi, però, i pomodori verdi condividono molte proprietà nutritive: sono ricchi di vitamine, in particolare A e C, e di sali minerali che purificano l’organismo. Si tratta anche di alimenti ideali per le diete dimagranti, poiché contengono poche calorie ma sono ricchi di proteine e fibre.

Immagine

I pomodori verdi fritti: la storia di una ricetta iconica

Non c’è dubbio: la ricetta dei pomodori verdi fritti è una vera icona, merito della pellicola, "Pomodori verdi fritti alla fermata del treno", tratto a sua volta dal libro "Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop". La storia raccontata è una piccola perla, una serie di vicende che ruotano attorno a una caffetteria in una sperduta località dell'Alabama, e proprio dell’America più rurale questa ricetta è simbolo. I pomodori verdi fritti, infatti, sono una delle preparazioni una delle ricette più amate e cucinate da tutti gli americani dal Tennessee in giù.

Immagine

Sono anche il piatto più rappresentativo del cafè protagonista del film e del libro, tanto che la scrittrice Fannie Flagg alla fine del romanzo inserisce una pagina con la ricetta originale del Whistle Stop Café: i pomodori vengono fritti nel grasso di pancetta, accompagnati da una salsa al latte da versare direttamente sugli ortaggi bollenti.

Una ricetta corposa, gustosa e assolutamente iconica tutta da provare, per sentirsi come gli avventori del Whistle Stop Café, per immergersi nella cultura americana e per assaggiare un piatto che lega strettamente letteratura e cucina.

Di cosa sanno i pomodori verdi? Come cucinarli (oltre che fritti)

A differenza dei pomodori rossi, i pomodori verdi hanno un sapore più acido, che spesso viene associato a quello del kiwi non ancora maturo. Inoltre, hanno una particolare nota piccante che, proprio per questo, li rende perfetti fritti come nella celebre ricetta.

 

Oltre che fritti però, i pomodori verdi possono essere preparati in tanti modi diversi: puoi realizzare, per esempio, un’ottima confettura da accompagnamento, una salsa che si sposa molto bene soprattutto con carne e formaggi.

Immagine

Oppure, proprio come con i pomodori classici, è possibile preparare sughi per condire la pasta, gratin al forno, torte salate particolari, un invitante chutney per condire semplici nachos o per farcire i tacos, una teglia di pomodori ripieni e persino un ottimo pesto.

Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
257
api url views