ricetta

Pomodori ripieni di farro: la ricetta creativa variante del grande classico dell’estate

Preparazione: 110 Min
Difficoltà: Facile
Dosi per: 4 persone
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Cookist
A cura di Eleonora Furlani
127
Immagine
ingredienti
Farro perlato
200 gr
Ricotta di bufala o di mucca
200 gr
Pomodori cuore di bue
4
Parmigiano grattugiato
40 gr
Prezzemolo
q.b.
Timo fresco
q.b.
Rosmarino
q.b.
Menta
q.b.
Olio extravergine di oliva
q.b.
Sale
q.b.
pepe
q.b.

I pomodori ripieni di farro sono una versione creativa e molto gustosa del grande classico della cucina stagionale estiva. Nella nostra ricetta i dolci e succosi pomodori cuore di bue accolgono un morbido ripieno a base di farro, che prende il posto del riso, e ricotta, trasformandosi in uno scrigno gustoso e fragrante. Semplici e facilissimi da preparare, i pomodori ripieni di farro sono un primo piatto vegetariano leggero e sfizioso, perfetto da servire a tavola, come portata principale, ma anche per essere consumato fuori casa: basta riporlo in un contenitore ermetico e gustarlo in spiaggia o in ufficio.

Come preparare i pomodori ripieni di farro

Lavate i pomodori e asciugateli per bene, quindi ricavate le calotte e tenetele da parte 1.

Aiutandovi con un coltello, svuotate i pomodori 2, ricavate la polpa e tenetela da parte; mettete i pomodori svuotati in un colapasta, a testa in giù, e lasciateli scolare per bene.

Sciacquate accuratamente il farro e lessatelo in acqua leggermente salata seguendo le indicazioni della confezione 3. Una volta cotto, scolatelo e tenetelo da parte.

Raccogliete le erbe aromatiche in un mortaio e pestatele per bene 4.

Riducete la polpa di due dei pomodori a tocchetti piccoli 5.

Raccogliete il farro in una ciotola capiente, aggiungete il trito di erbe aromatiche e mescolate per bene 6.

Unite la polpa dei pomodori, aggiustate di sale e di pepe 7 e mescolate ancora.

Mescolate la ricotta con il parmigiano grattugiato e un pizzico di sale e di pepe 8.

Sistemate i pomodori in una pirofila, unta con un filo di olio, quindi farciteli con il farro lasciando un buchetto al centro; aggiungete un cucchiaio di ricotta e ricoprite con il farro restante (9).

Chiudete i pomodori con le calotte e infornate a 180 °C per circa 30 minuti 10.

Trascorso il tempo di cottura, sfornate i pomodori e serviteli tiepidi oppure freddi 11

Consigli

Per ottenere un risultato impeccabile, è fondamentale la qualità dei pomodori acquistati: scegliete la varietà occhio di bue e fate attenzione che siano freschissimi, di un bel colore rosso vivo e non troppo maturi e cedevoli; il rischio è che, altrimenti, in cottura possano sfaldarsi.

Per questa ricetta abbiamo utilizzato la ricotta ma potete sostituirla anche con altri formaggi freschi e cremosi come la certosa, la robiola o, se si è intolleranti, anche una versione senza lattosio. Per rendere la preparazione ancora più fragrante, aggiungete anche abbondante basilico fresco.

Leggeri ma ugualmente gustosi, i pomodori ripieni di farro possono essere serviti come piatto unico sano e ben bilanciato; vi basterà semplicemente accompagnarli a una bella insalata fresca di stagione oppure a una porzione di verdure grigliate. Essendo una preparazione vegetariana, sono perfetti anche nel caso in cui abbiate degli ospiti a cena che non mangiano prodotti di origine animale.

I pomodori ripieni sono una preparazione incredibilmente versatile e sempre vincente: farciteli semplicemente con un ripieno a base di mollica di pane, aglio, origano e basilico, per un contorno sfizioso, oppure con riso, tonno o carne, per ottenere una portata più ricca e sostanziosa, sarà sempre e comunque un grande successo.

Conservazione

I pomodori ripieni di farro possono essere preparati anche un giorno prima della cottura: basta coprirli con un foglio di pellicola trasparente e conservarli in frigorifero fino al momento di infornarli. Una volta cotti, possono essere riposti in contenitori ermetici e consumati il giorno successivo.

Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Primi piatti
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
127