ingredienti
  • Patate 400 gr • 750 kcal
  • Songino 200 gr • 36 kcal
  • Uova 2 • 380 kcal
  • Limone 1 • 29 kcal
  • Sale q.b. • 0 kcal
  • Olio extravergine di oliva q.b. • 901 kcal
  • Olio di semi di arachide q.b. • 380 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

I nidi di patate sono un antipasto goloso e che lascerà di stucco i vostri ospiti. Una ricetta bella da vedere e semplice da realizzare, pronta in pochissimi minuti: le patate, ridotte a julienne e poi fritte in olio bollente, si trasformano in cestini dorati e croccanti, pronti ad accogliere uova sode e songino fresco. Qualche goccia di succo di limone e un filo di olio a crudo completano una pietanza sfiziosa e ideale da servire in occasione del giorno di Pasqua. Scoprite come realizzarli seguendo passo passo tutti i nostri passaggi e consigli.

Come preparare i nidi di patate

Lavate le patate, sbucciatele e riducetele a julienne con l'apposito attrezzo (1). Trasferitele su un foglio di carta assorbente da cucina e fatele asciugare per bene.

Versate abbondante olio in una pentola, mettete sul fuoco e fate scaldare fino ad arrivare alla temperatura di 180 °C; per questa operazione è preferibile munirsi di un termometro (2).

Mettete una manciata di patate a julienne nell'olio bollente e aspettate per qualche secondo; a questo punto, aiutandovi con un cucchiaio di legno, cercate di compattare per bene le patate e realizzare come dei dischetti (3). Quando un lato sarà ben dorato, girateli e proseguite la cottura anche dall'altro lato.

Una volta ben dorati, scolate i cestini e fateli asciugare su carta assorbente da cucina (4). Proseguite in questo modo fino a esaurimento delle patate.

Lavate il songino e asciugatelo delicatamente, scolandolo attraverso un colino (5).

Mettete le uova in un pentolino, coprite con acqua fredda e lessatele per 8 minuti a partire dal bollore. Scolatele e passatele sotto un getto di acqua fredda, quindi sgusciatele e tagliatele a metà in senso longitudinale (6).

Disponete ciascun nido di patate su un piattino individuale e adagiate sopra un ciuffetto di songino (7).

Adagiate sopra il mezzo uovo sodo e condite il tutto con un filo di olio, un pizzico di sale e qualche goccia di succo di limone (8). Servite subito.

Consigli

Per ottenere dei cestini impeccabili, il consiglio è di utilizzare delle patate a pasta gialla, ridurle a julienne, condirle con un pizzico di sale e poi farle asciugare su un foglio di carta assorbente da cucina per almeno una mezz'ora: in questo modo perderanno gran parte della loro acqua. Per realizzare i nidi, potete anche utilizzare un piccolo cestello doppio da frittura: si tratta di un attrezzo composto da due cestelli in acciaio che conferirà alle patate la classica forma a cestino.

Per la frittura scegliete l'olio di semi di arachide: caratterizzato da un punto di fumo che supera i 200 °C, è tra gli oli che alterano meno il gusto dei cibi. La temperatura ottimale è tra i 170-180 °C (meglio munirsi di un termometro da cucina) ed è consigliabile friggere in una padella capiente o in un wok pochi pezzi per volta, proprio per evitare che la temperatura si abbassi troppo. Monitorate attentamente il livello di doratura dei cestini: essendo piuttosto sottili, il rischio è che è possano bruciarsi facilmente.

Nel caso in cui non vogliate friggere i vostri nidi di patate, potete anche cuocerli in forno: vi basterà disporre tanti mucchietti in una placca, foderata con un foglio di carta forno, e infornare a 180 °C per una ventina di minuti.

Potete condire l'insalatina e le uova con un filo di olio e qualche goccia di succo di limone, così come suggerito nella nostra ricetta; in alternativa, potete guarnire il piatto con qualche ciuffetto di maionese, anche preparata in casa, mescolata a un cucchiaio di senape di Digione.

A piacere, potete variare la farcitura dei vostri cestini: potete preparare una mousse di baccalà e guarnire il tutto con qualche scaglietta di mandorla, tostata in padella; per un antipasto perfetto per le feste natalizie, potete prepararli con fettine di salmone affumicato, songino e dadini di avocado maturo oppure con lenticchie e cotechino; per una versione vegan, farciteli con un hummus di ceci e completate con qualche ciuffetto di porro croccante.

Conservazione

Per gustarne fragranza e croccantezza, si consiglia di friggere i nidi di patate, farcirli e gustarli caldi al momento.