17 Giugno 2023 11:00

Maturità: cosa mangiare (e cosa no) per arrivare al meglio all’esame? I consigli

Si avvicinano gli esami di maturità e per gli studenti un 'insospettabile' alleato (oltre allo studio, ovviamente) potrebbe essere proprio il cibo. Cosa mangiare e cosa evitare per tenere alta la concentrazione e ridurre i cali di attenzione?

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Cookist
A cura di Alessandro Creta
20
Immagine

Come ogni anno l'inizio di giugno, per tantissimi studenti in tutta Italia, ha un significato ben preciso. Comincia il mese simbolo dell'esame di maturità. Chi ha studiato per tutto l'anno si sentirà sicuro di sé, anche se un po' di ansia sarà fisiologica, chi invece ha un po' tentennato da settembre in avanti forse dovrà dare una bella ripassata a tutto, sperando nella classica ‘chiusa' sui libri fino alla data fatidica, quella cerchiata in rosso del 21 giugno.

Immagine

Per poter arrivare al meglio all'appuntamento atteso per tutto l'anno scolastico non esistono certamente segreti: studiare è la parola chiave. Un piccolo contributo alla causa potrebbe però arrivare dal cibo. Determinati alimenti potrebbero aiutarci a trovare, e mantenere, la giusta concentrazione per questo rush finale. In vista della maturità, insomma, cosa sarebbe meglio mangiare e cosa evitare? Quali possono essere i cibi su misura per avvicinarsi al meglio alle prove? Andiamo a scoprirlo.

Esame di maturità: i cibi alleati della concentrazione

Ore, ore e ore di lettura, studio, ripasso davanti al pc o sopra i libri. Per alcuni un vero e proprio tour de force da affrontare nel miglior modo possibile, al massimo della propria concentrazione. In tutto ciò il cibo può aiutare? Cosa sarebbe meglio consumare in una situazione simile? Stress e stanchezza diventano i nemici giurati di ogni studente ma ci sono cibi in grado di favorire la concentrazione e di aiutare a ristabilire le energie.

Immagine

La frutta secca per esempio può essere una valida alleata: l'assunzione di acidi grassi omega 3 favorisce la memoria, il benessere cognitivo nonché il flusso sanguigno nel cervello. Qualche noce, una decina di grammi di nocciole, potrebbero fare al caso degli studenti. Anche i semi di canapa, ricchi di omega 3 e omega 6, mixati in un'insalata, possono essere inseriti nella dieta. Ricco di grassi omega 3 e omega 6 anche il pesce azzurro e il salmone. Importante però assumere anche le giuste dosi di carboidrati, la benzina del nostro organismo, per non avere cali di energia.

Immagine

Meglio optare per soluzioni integrali e a basso indice glicemico. Fondamentali anche le vitamine apportate da frutta e verdura: tenere a mente quindi di non privarsene. In un periodo di stress cerchiamo per quanto possibile anche tenere alto l'umore: a questo proposito ci viene in soccorso il cacao. Oltre a contenere diverse vitamine e sali minerali (in particolar modo magnesio) questo cibo stimola la produzione della serotonina, comunemente conosciuta come ‘ormone della felicità'. Potrebbe essere utile anche consumare una manciata di bacche di goji: si tratta di un alimento ricco di vitamina A e zeaxantina, sostanze importanti per preservare la salute degli occhi soprattutto in un periodo in cui si trascorre tanto tempo al computer o si legge molto.

Cosa evitare invece? I cibi eccessivamente processati, raffinati e ricchi di zuccheri come bevande gasate, biscotti, merendine e caramelle. Anche se potrebbe sembrare un grande alleato per tenerci svegli e concentrati è bene limitare il consumo di caffè: assumere grandi quantità di caffeina potrebbe disturbare il sonno, ma il buon riposo in questi casi è fondamentale.

Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
20