ricetta

Involtini di verza: la ricetta (al forno e in padella) e 4 varianti con e senza carne

Preparazione: 20 Min
Cottura: 30 Min
Difficoltà: Facile
Dosi per: 2 persone
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Cookist
A cura di Fabiola Fiorentino
181
Immagine

Gli involtini di verza sono un delizioso secondo piatto perfetto per l'inverno, una ricetta facile e veloce per dar vita ad un piatto light con un ortaggio, il cavolo verza, ricco di proprietà e di gusto. Si tratta di fagottini di verza ripieni che possono essere cotti in forno o in padella, a seconda delle proprie preferenze, da lasciare bianchi o condire con il sugo di pomodoro. Anche il ripieno può variare in base ai gusti personali: non esiste una vera e propria ricetta ufficiale perché gli involtini di verza possono essere farciti con carne macinata e riso, ma puoi optare anche per la salsiccia sbriciolata, salumi e formaggi a pasta filata oppure verdure miste, così da realizzare degli ottimi involtini vegetariani.

Scegli le foglie di verza più grandi del cespo, sbollentale in acqua o cuocile al vapore – se scegli la prima opzione aggiungi una foglia di alloro o un cucchiaino di aceto, in modo che l'odore non sia troppo forte – e farciscile con il ripieno che preferisci, nel nostro caso carne macinata di vitello, riso Basmati, formaggio Emmental, uova e parmigiano. Poi non ti rimarrà che arrotolarle su sé stesse ed ecco pronti gli involtini, che possono essere gratinati in forno a 180 °C per 20 minuti oppure rosolati in padella finché non formano una deliziosa crosticina.

Perfetti da preparare in anticipo e cuocere al momento, gli involtini di verza sono ottimi sia caldi che freddi: preparali come salva cena dell'ultimo minuto per tutti i giorni o servili come ricco antipasto o saporito piatto unico per il pranzo della domenica o le occasioni speciali, saranno sempre squisiti.

Scopri subito la ricetta classica degli involtini di verza e 4 varianti altrettanto gustose e facili da preparare. Con il cuore e le foglie che avanzano, poi, puoi realizzare tanti piatti diversi, dalla pasta con la verza a delle saporite polpette.

ingredienti
Per 4 involtini di verza
Verza
4 foglie
Macinato di vitello
300 gr
Riso basmati cotto
80 gr
Emmental a cubetti
60 gr
Uova
1
Parmigiano grattugiato
40 gr
Scalogno
1
Sale
q.b.
Olio extarvergine di oliva
q.b.

Come preparare gli involtini di verza al forno

Inizia la preparazione degli involtini di verza lavando per bene la verza e prelevando dal cespo le foglie esterne più grandi, una per involtino. Sbollentale in acqua bollente per un paio di minuti, ricordando di aggiungere in pentola un cucchiaino di aceto o una foglia di alloro, che mitigano il forte odore dell'ortaggio. Passale poi velocemente sotto l'acqua fredda per bloccarne la cottura e lasciale raffreddare su un tagliere 1.

Nel frattempo, in una padella antiaderente lascia soffriggere lo scalogno tritato con un filo di olio extravergine. Unisci il macinato e rosolalo per qualche minuto a fiamma moderata, poi sfuma con del vino bianco, aggiusta di sale e pepe 2 e porta a cottura.

Una volta pronto trasferisci il macinato in una terrina e aggiungi il riso Basmati già cotto, il parmigiano, l’Emmental tagliato a cubetti, l’uovo e un pizzico di noce moscata 3. Mescola quindi con un cucchiaio per uniformare il ripieno.

A questo punto forma gli involtini: per prima cosa posiziona un cucchiaio di ripieno su una delle estremità delle foglie di verza, quindi arrotolale delicatamente su sé stesse 4 ripiegando i bordi verso l'interno. Per assicurarti che la farcitura non fuoriesca in cottura puoi fissare ciascun involtino con uno stuzzicadenti o dello spago da cucina.

Posiziona gli involtini in una pirofila ben oliata e spolverizzata di pangrattato in modo che l'apertura sia rivolta verso il basso, poi condisci con un filo d'olio e una spolverata di parmigiano 5 e fai cuocere a 180 °C per circa 20 minuti o finché la superficie non sarà dorata.

I tuoi involtini di verza sono pronti da gustare: servili ancora caldi o lasciali intiepidire, saranno ottimi in entrambi i casi 6.

Come preparare gli involtini di verza in padella

Immagine

Se preferisci cuocere gli involtini di verza in padella procedi come da ricetta fino al passaggio della cottura, poi mettili in una padella antiaderente oliata e lasciali rosolare per circa 15 minuti, girandoli a metà cottura così da far dorare entrambi i lati.

Consigli

A seconda delle tue preferenze puoi sostituire quello di vitello con macinato di suino o di tacchino, o anche con un macinato misto. Anche l'Emmentaler può essere sostituito da un altro formaggio a pasta filante come la scamorza affumicata o la provola, per un gusto più deciso. Al posto del riso puoi invece utilizzare delle patate precedentemente lessate e schiacciate.

Per un risultato super cremoso puoi far gratinare gli involtini in forno aggiungendo due o tre cucchiai di besciamella o, per la versione in padella, del sugo di pomodoro.

Come farcire gli involtini di verza: 4 varianti con e senza carne

Gli involtini di verza sono facilmente personalizzabili in base ai propri gusti: basterà infatti variare il ripieno per portare in tavola di volta in volta un piatto sempre diverso. Noi ti proponiamo 4 varianti da provare: la prima è realizzata con salsiccia sbriciolata, altre due sono ricette della tradizione originarie rispettivamente di Bergamo e del Piemonte, mentre l'ultima è una versione senza carne preparata con un ripieno di zucca e formaggio.

1. Involtini di verza salsiccia e scamorza: la ricetta della variante gustosa e filante
Immagine

Gli involtini di verza salsiccia e scamorza sono un secondo piatto semplice e gustoso, una variante ancora più ricca dei classici involtini di verza. Un abbinamento sempre vincente, quello della verza con il tipico insaccato, grande classico della cucina del Nord Italia. Di facile esecuzione, ti basterà sbollentare le foglie di verza in acqua, asciugarle per bene e farcirle con un ripieno a base di salsiccia, precedentemente rosolata in padella, formaggi e uova.

Leggi tutta la ricetta
2. Capù: la ricetta della tradizione contadina bergamasca
capù

I capù, anche conosciuti come nosècc, sono degli involtini di verza tipici delle valli bergamasche. Si realizzano con un ripieno a base di carne macinata e vengono poi cotti in un delizioso sughetto di pomodoro, per un risultato finale ricco e saporito. Si tratta di una ricetta antica, appartenente alla tradizione contadina, perfetta ancora oggi per un pranzo domenicale in famiglia o una cena semplice tra amici. Consuetudine vuole che gli involtini vengano serviti insieme a della polenta morbida, ma potete sostituirla anche con del purè di patate o delle fettine di pane fresco: l'importante è raccogliere l'irresistibile intingolo di cottura.

Leggi tutta la ricetta
3. Capunet: la ricetta del piatto tipico piemontese
capunet

I capunet sono degli involtini di verza ripieni di carne e formaggio, un secondo piatto ricco e gustoso tipico della cucina piemontese. Facili e veloci, un tempo venivano preparati dopo le festività natalizie per riciclare gli avanzi dei lauti pasti, specialmente l'arrosto non consumato, le salsicce o altre carni a disposizione. Con il tempo la preparazione si è raffinata, ma non ha perso il suo sapore più autentico e genuino. Questi involtini sono perfetti per il pranzo della domenica in famiglia o una cena speciale tra amici, accompagnati da un'insalata o una padellata di verdure.

Leggi tutta la ricetta
4. Involtini di verza e zucca: la ricetta del piatto autunnale gustoso e leggero
involtini-di-verza-e-zucca

Gli involtini di verza e zucca sono un contorno semplice e saporito, perfetto per accompagnare secondi a base di carne, frittatone di uova o da gustare insieme a un tagliere di formaggi e salumi. Le foglie più grandi e integre del cavolo verza vengono sbollentate, farcite con crema di zucca e scamorza, quindi passate in forno fino a leggera doratura: il risultato sono degli scrigni croccanti e dal cuore morbido e filante, una vera delizia.

Leggi tutta la ricetta

Conservazione

Una volta cotti, gli involtini di verza si conservano in frigorifero, all'interno di un contenitore ermetico, per 1-2 giorni al massimo. Se invece li prepari in anticipo puoi conservarli crudi in frigorifero per 2 giorni.

Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Ricette
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
181
api url views