Il mais è il frutto della Zea mais, pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Graminaceae, originaria dell'America centrale e coltivata ormai in tutto il mondo. Anche conosciuto come granoturco, il mais si presenta disposto in ordinate file di chicchi color giallo sotto forma di pannocchie, coperte dal cartoccio e protette dalla così detta "barba": dal granoturco ricaviamo la farina di mais, più o meno macinata, un prodotto naturalmente privo di glutine utilizzato per polenta, tortillas e non solo. Più o meno nutriente in base alla macinazione, la farina di mais è sempre più conosciuta e apprezzata in impasti dolci e salati: ecco quali sono le sue proprietà, i benefici e i migliori usi in cucina.

Proprietà della farina di mais

Naturalmente priva di glutine, la farina di mais è ricca di amidi e proteine, queste ultime caratterizzate da un elevato contenuto di amminoacidi essenziali. Nutriente. ma non particolarmente se comparata con altri tipi di farine, quella di mais si distingue per un buon apporto di sali minerali, in particolare potassio, fosforo e in minore quantità anche calcio e ferro; il colore giallo è dato dalla presenza della zeaxantina, un carotenoide ad alto potere antiossidante. Povera di zuccheri, la farina di mais contiene vitamina A e un discreto quantitativo di vitamina B mentre per quanto riguarda l'apporto calorico, si avvicina alle farine di grano tenero, con le sue 362 kcal per 100 grammi di prodotto.

Tipologie

Indicata per chi soffre di celiachia o intolleranza al glutine, la farina di mais ha un effetto energizzante e ricostituente, stimola la diuresi e la naturale eliminazione delle tossine e, grazie ai sali minerali, si rivela un'ottima alleata del sistema digerente e di quello cardiovascolare. In base alla dimensione e al tipo di macinatura, commercio troviamo diverse tipologie di farina di mais, in particolare:

  • Farina bramata: probabilmente la più diffusa, è una farina a grana più spessa, tanto che i grani sono facilmente riconoscibili al tatto. Con la bramata si prepara in particolare la polenta e, in base alla pigmentazione, può essere bianca o, più spesso, gialla;
  • fioretto di mais: anche in questo caso una farina usata per portare in tavola la polenta, ma con caratteristiche leggermente diverse dalla precedente, in particolare si presenta con una grana più fine rispetto alla bramata e per questo ha un sapore e una consistenza più delicata;
  • farina a grana fine, anche detta fumetto, molto facile da lavorare indicata per ogni tipo di ricetta o impasto. Anche se non è sempre facilissima da reperire, in commercio troviamo tre tipi di fumetto: fumetto termo trattato, fumetto 8 file (integrale, maggiormente indicato per ricette dolci) e fumetto normale.

Usi in cucina

La farina di mais è sempre più presente nelle nostre cucine e, oltre alla classica e intramontabile polenta, può davvero essere protagonista di tantissime ricette, dolci e salate. Se cercate merende e colazioni alternative e rigorosamente gluten free, potete provate i biscotti di farina di mais o una torta, soffice e genuina, facilissima da preparare. Per un antipasto sfizioso vi consigliamo le nostre tortine di mais ripiene di formaggio, golose e pronte in poche mosse o dei soffici panini al mais, da farcire come più vi piace.

Molto spesso in cucina la farina di mais viene utilizzata insieme ad altre farine: è il caso della sbrisolona, una deliziosa torta della tradizione contadina mantovana a base di mandorle. Insomma non di sola polenta e tortillas vive la farina di mais e da oggi in poi non avete più scuse per non provarla.