fattoria sotterranea Londra farm piante

Una fattoria situata a 30 metri di profondità, dalla quale si ricavano oltre 20 tonnellate l’anno delle più svariate tipologie di verdura e frutta che, ragionevolmente, non possono godere della luce del sole. Il tutto situato in tunnel sotterranei, che 80 anni fa servivano alla popolazione per ripararsi dai bombardamenti, ora riqualificati a scopo agricolo.

Detta così sembra di essere quasi un libro di Orwell, in un futuro dispotico in cui l’uomo ha abbandonato la superficie per rifugiarsi nel sottosuolo, coltivando piante e cercando di sostentarsi con quanto riesce a produrre decine di metri sotto terra. Non è niente di tutto questo: anzi l’iniziativa di Growig Undergroud è di quelle lodevoli, sostenibili e che se replicate in egual misura nel resto del mondo potrebbero anche tamponare il fabbisogno di cibo sempre crescente dato dal sovrappopolamento globale.

fattoria sotterranea Londra farm piante

Un esperimento più che riuscito quello della fattoria protagonista di questa storia. La sua particolarità? Oltre a quella di trovarsi decine di metri nel sottosuolo londinese, è che è ricavata da un ex bunker della Seconda guerra mondiale. Le peculiarità non finiscono qui, in quanto all’interno della fattoria sotterranea tutto avviene in maniera sostenibile, grazie all’utilizzo di riscaldamento a LED e acqua "riciclata". Più green di così, insomma, non si può.

Come crescono le piante nella fattoria sotterranea

Radicchio, rucola, broccoletti, piselli e senape sono solamente alcune delle varietà di verdure che qui vengono coltivate in totale controllo e sicurezza. Nessuno sbalzo termico, niente pioggia, grandine, eccessivo freddo o calore a rovinare il raccolto e nessuno spreco di acqua o utilizzo di pesticidi.

fattoria sotterranea Londra farm piante led

L’intero processo avviene direttamente sottoterra, dalla semina fino alla raccolta e al confezionamento. Le piante non vedono nemmeno un raggio di sole, ma grazie alla luce e al calore provenienti da fonti rinnovabili crescono rigogliose e alla fine arrivano anche a popolare le tavole di alcuni ristoranti della City. Come fanno a crescere sottoterra nonostante l'ambiente non favorevole? Un innovativo impianto di illuminazione a LED simula il ciclo giorno/notte e i sistemi idroponici (che circolano acqua arricchita di nutrienti) annaffiano le piante, costantemente monitorate.

Se sia questa l'agricoltura del futuro solo il tempo ce lo potrà dire, i presupposti però sembrano essere positivi. Growig Underground è vicina comunque al suo decimo anno di vita: venne inaugurata nel 2012 da Richard Ballard e Steven Dring, visionari che hanno voluto riqualificare questi tunnel, e occupa attualmente solo un sesto del sistema dei 6500 metri quadrati di gallerie sotterranee che attraversano Londra. L'obiettivo, dichiarato, è di espandersi ulteriormente.

E questi tunnel, che durante la Seconda guerra mondiale per i cittadini di Londra erano sinonimo di salvezza, possono assumere lo stesso significato ma a livello globale; in un mondo sempre più caratterizzato dal clima impazzito, in cui l'agricoltura tradizionale rischia di soccombere.