12 Febbraio 2024 12:30

La produzione del cacao cala e i prezzi sono alle stelle. Nuova crisi all’orizzonte

Nuovo record per il prezzo del cacao sulla borsa di Londra e New York: il più alto degli ultimi 46 anni. In ginocchio Costa d'Avorio e Ghana a causa delle piogge che hanno distrutto il raccolto.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Cookist
109
Immagine

I record saranno pure fatti per essere battuti ma qui si esagera: giorno dopo giorno i prezzi del cacao aumentano segnando nuovi record sui mercati di New York e Londra a causa dei catastrofici raccolti in Ghana e soprattutto Costa d'Avorio, i due maggiori produttori al mondo. Il prezzo attuale sulla borsa londinese è di 4.248 sterline per tonnellata, in America siamo a 5.288 dollari per tonnellata. Sono i prezzi più alti degli ultimi 46 anni.

Ci dobbiamo aspettare una stangata sul cioccolato?

"Non ho mai visto un raccolto come questo in 20 anni di carriera" dice Siaka Sylla, rappresentante ivoriano di una cooperativa molto grande di coltivatori ai microfoni dell'agenzia France Presse. Il motivo del disastro è causato da una pioggia insolitamente abbondante che ha distrutto le colture. A battere il record abbiamo cominciato già da giugno ma ogni giorno si segna un nuovo massimo. Da gennaio 2023 a oggi il prezzo del cacao è più che raddoppiato. Una crisi simile l'abbiamo vissuta anche nel 2011 quando la Costa d'Avorio ha sfiorato la guerra civile: quell'anno ci furono ben tremila morti per il disagio sociale, anche a causa del mercato del cacao. I prezzi del 2023-2024 sono comunque molto più alti rispetto a quelli del 2010-2011 quindi la situazione nell'Africa occidentale non è per nulla semplice.

Immagine

Il massimo storico raggiunto fino ad oggi è del 1977: 5.379 dollari la tonnellata. Visto l'andazzo, sarà superato nel giro di poche settimane e questo è un problema molto serio per Ghana e Costa d'Avorio perché la loro economia basa molto della propria sopravvivenza sull'esportazione di questa fava. La cosa fa ancora più rabbia perché a influire su questi prezzi non è una situazione politica, che in qualche modo è scelta dalle persone, è il cambiamento climatico. Il prezzo è infatti dato dal calo di produzione causato dal clima africano, con piogge insolite che hanno fatto sviluppare la malattia del baccello nero che fa annerire e marcire i baccelli di cacao per l'eccessiva umidità.

La Costa d'Avorio è di gran lunga il primo Paese produttore al mondo, seguita dal Ghana. Secondo le stime dell'Organizzazione internazionale del cacao (Icco), insieme hanno fornito quasi il 60% della produzione totale per il raccolto 2022/23. Il Coffee-Cocoa Council (Ccc), ovvero l'organismo di regolamentazione del settore in Costa d'Avorio, in vista di questa problematica aveva già sospeso la vendita di nuovi contratti di esportazione del cacao. Al momento siamo al -35% rispetto allo scorso anno ed è molto probabile che il mercato dovrà affrontare il deficit dell'offerta per tutto il 2024.

Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
109
api url views