Zucchine, melanzane, broccoli, carote o patate: cotte in forno ci permettono di portare in tavola un contorno gustoso, ricco di sapore e allo stesso tempo leggero e genuino. Un piatto ideale per accompagnare secondi di carne o pesce, apparentemente molto semplice da preparare, ma che potrebbe essere facilmente rovinato con banali quanto pericolosi errori: quante volte vi è capitato, una volta sfornate, di trovare le verdure troppo cotte fuori e tristemente mollicce dentro? E l'olio poi, qual è l'equilibrio perfetto tra verdure ben condite e verdure galleggianti? Come farle croccanti e ben caramellate? Ecco i 5 errori da non commettere per verdure al forno perfette.

1. Il taglio

Sembrerà banale, ma molto spesso cadiamo nell'errore di tagliare le verdure in modo grossolano, magari perché abbiamo poco o, ammettiamolo, poca voglia. Spiace per i più pigri ma, per ottenere una cottura omogenea, le verdure devono avere possibilmente la stessa dimensione e lo stesso spessore, altrimenti ne sfornerete alcune bene cotte, altre crude o carbonizzate. A spicchi, a listarelle o a cubetti, scegliete il taglio che più vi piace sapendo che, in base alla scelta che farete, anche il sapore delle verdure cambierà. Broccoletti e carotine possono essere infornati interi, mentre per le verdure più coriacee come patate e zucca, consigliamo qualche minuto in acqua bollente prima di metterle in teglia.

2. La teglia giusta

Più che di teglia giusta, bisogna parlare di bordi adatti: il miglior modo per avere delle verdure al forno croccanti e ben caramellate è cuocerle in una teglia dai bordi bassi. Perché? Le verdure, in cottura, tendono a perdere acqua e, in una teglia dai bordi alti, l'acqua rimane all'interno creando l'effetto "bollito", anche detto "effetto come rovinare le verdure, no grazie". Meglio una placca da forno, rivestita con un foglio di carta da forno. In ogni caso, per una cottura omogenea, distribuite le verdure in modo che sia distanti fra loro e non si sovrappongano.

3. Quanto olio?

Una buona teglia di verdure al forno è una teglia ben condita, dove l'olio (rigorosamente extravergine di oliva) non manca mai. Non tutte le verdure però hanno bisogno della stessa quantità di olio, perché alcune sono più porose e ne assorbono più facilmente maggiori quantità: se state per infornare zucchine, carote, topinambur, peperoni o patate, non abbiate paura di abbondare; con melanzane e funghi meglio non esagerare per evitare che le vostre verdure galleggino o risultino troppo unte.

4. Sale e spezie

Per una buona riuscita delle vostre verdure al forno è importante sapere che il sale spesso non basta per insaporirle e renderle gustose al punto giusto. Non siate timidi e non temete di usare erbe aromatiche come rosmarino, timo, origano, aglio e maggiorana, o spezie profumate e dal sapore deciso come curry, curcuma, paprika e un immancabile spolverata di pepe e peperoncino. Attenzione ai tempi: condite le verdure prima di metterle in teglia, mescolandole bene così da ottenere un condimento omogeneo.

5. La temperatura

A meno che non vogliate portare in tavola delle verdure bollite o, peggio, dei bastoncini carbonizzati, è importante fare attenzione alla temperatura del forno. Regola numero uno: il forno si preriscalda. Regola numero due: la temperatura deve oscillare tra i 200 °C e i 220 °C: unico range di calore in cui le verdure cuoceranno in modo uniforme e risulteranno dorate e caramellate al punto giusto. A meno di 200 °C, il forno non sarà caldo abbastanza, sopra i 220° gradi otterrete delle terribili verdure bruciacchiate fuori e crude dentro. Tempo di cottura minimo 30 minuti, ma questo dipende anche dalla grandezza delle verdure.