ricetta

Spaghettone con “panna”, vodka e salmone: la rilettura del piatto simbolo degli anni ’80

Preparazione: 8 Min
Difficoltà: Media
Dosi per: 4 persone
37
Immagine
ingredienti
Per la pasta
Spaghettoni
350 gr
Sale
q.b.
Per il condimento
seppia
250 gr
Olio d’oliva
300 gr
Uova di salmone
100 gr
Aneto
15 gr
Limone biologico
1
Vodka
q.b.
Pepe nero
q.b.
Per la finitura
Pepe nero
q.b.
Vodka
q.b.

Un piatto che ha fatto la storia e che ormai viene preso ad esempio per sottolineare ciò che non deve essere fatto in cucina: parliamo delle pennette con panna, vodka e salmone. Sapori forti che fanno a cazzotti tra di loro e che inspiegabilmente sono stati tanto di moda una quarantina d'anni fa.

Lo chef Stefano Sforza, del ristorante Opera Ingegno e Creatività di Torino, a questa pietanza non vuole rinunciare e grazie allo studio delle tecniche contemporanee è riuscito a portare il piatto nel III Millennio. Secondo il cuoco che ha vinto il premio di "Chef emergente dell'anno" per Food and travel, bisogna fare qualcosa di diverso per rendergli omaggio: "Questa idea è nata da una ‘maionese di seppia' sulla quale stavo lavorando. Mi sono accorto che la consistenza era simile a quella della panna e da lì mi è venuta l’idea di realizzare questa ricetta che servo nel menu degustazione Opera. In quei tempi questo ingrediente, ora quasi del tutto assente nelle cucine, è stato abusato. Io ho deciso di riprenderlo solo nell’aspetto, tanto che in menu la parola ‘panna' è fra virgolette”.  La ricetta, anche per via delle nuove esigenze nutrizionali, è stata resa più leggera ed elegante, con la scelta di un formato al quale lo chef è particolarmente affezionato, lo spaghettone appunto.

Come preparare lo spaghettone con "panna", vodka e salmone

Per la preparazione di questo piatto di pasta cominciate dalla farcitura, perché è il passaggio più complicato e quello che richiede più tempo. Pulite la seppia e inseritela in un sacchetto sottovuoto, aggiungete l'olio d'oliva e chiudete il sacchetto. Con l'ausilio di un roner fate cuocere la seppia a 68 °C per 8 ore, dopodiché lasciate riposare almeno una notte in frigo. Scolate il mollusco dal liquido e conservate entrambi gli ingredienti: la seppia la potete usare per altre ricette, il liquido invece vi servirà per questi spaghettoni. Il contenuto del sacchetto va infatti emulsionato con l'aiuto di un minipimer fino a ottenere la consistenza di una maionese. A questo punto tritate l'aneto e aggiungetelo alle uova di salmone, insieme al pepe nero, alla scorza di limone e a qualche goccia di vodka. Grattugiate comunque tutta la scorza dell'agrume e tenetela da parte insieme al succo del limone.

Passata la notte in frigo potete tirare fuori il composto. È il momento della pasta: cuocetela in abbondante acqua salata; contemporaneamente aggiungete in una padella il succo di limone e un mestolino di acqua di cottura. Miscelate il tutto e scolate la pasta un paio di minuti prima che raggiunga il termine della cottura. Aggiungetela in padella e saltatela. Una volta cotti gli spaghettoni aggiungete la "panna" di seppia e la restante scorza di limone grattugiata; amalgamate finché non si creerà una piacevole cremina.

Per l'impiattamento usate un coppa-pasta per posizionare gli spaghettoni al centro del piatto. Adagiate delicatamente le uova di salmone sulla pasta e ultimate con una manciata di pepe nero e qualche altra goccia di vodka, possibilmente nebulizzata.

Consigli

La parte più ostica di tutta la preparazione è senza dubbio la cottura sottovuoto. Nata negli anni ’70 in Francia, la cottura sottovuoto permette di portare in tavola piatti genuini, leggeri e ricchi di gusto.

Per procedere con una cottura sottovuoto classica occorro alcuni strumenti:

  • Sacchetti di plastica appositi in cui collocare carne, pesce e verdure crude da cucinare;
  • macchina per creare il sottovuoto: il modello "a campana" utilizzato dai ristoranti può essere sostituito da una più comune ed economica macchinetta a estrazione se volete cucinare in casa con questa tecnica;
  • un roner, anche detto bagno termostato: un macchinario composto da una vasca in cui va inserito il cibo sottovuoto e l'acqua in cui dovrà cuocere e una resistenza che permette a quest'ultima di mantenere una temperatura costante (che non deve mai superare i 100°).

In alternativa al roner potrete utilizzare un forno a vapore oppure optare per una più classica cottura in acqua bollente, in questo caso fate attenzione a controllare, con un termometro da cucina, che la temperatura non superi i 60°.

37
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Primi piatti
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
37