video suggerito
video suggerito
7 Luglio 2024 13:00

Quali sono i formati migliori per l’insalata di pasta fredda

La pasta fredda è una delle preparazioni più gustose dell’estate, per la ricchezza ma anche per la rapidità con cui la puoi preparare. Ma quale formato di pasta devi scegliere? Non tutti sono adatti a questa ricetta, anche se non è solo il tipo di pasta a essere importante per la perfetta riuscita della preparazione.

A cura di Martina De Angelis
398
Immagine

La pasta fredda è il piatto dell’estate per eccellenza: un primo fresco e gustoso ma anche molto semplice e veloce da preparare. Non solo, è anche versatile perché ti permette di spaziare tra gli ingredienti più vari e scegliere le combinazioni che più preferisci. Qualche idea? Per esempio puoi usare un mix di verdure grigliate e formaggio feta, oppure puoi provare la combinazione di pesto senza aglio, mozzarella e pomodorini. Ottima l’insalata di pasta fredda con ingredienti freschi e leggeri, per esempio quella alla greca o quella con avocado e tonno.

Attenzione però, perché non tutti i formati di pasta sono adatti a queste insalatone fredde. Questo perché è necessario scegliere una tipologia che permetta agli ingredienti di amalgamarsi bene e di mantenere una certa consistenza. E non solo: la perfetta riuscita della pasta fredda dipende anche da tanti altri fattori, come la tenuta in cottura della pasta scelta, la qualità e il modo di raffreddare la pasta. Con questa guida ti spieghiamo tutto quello che devi sapere, in modo da preparare insalate di pasta perfette e gustosissime!

I formati più adatti per la pasta fredda

La prima regola nella scelta del formato migliore per la pasta fredda è optare per la pasta corta. Le motivazioni sono varie: la forma trattiene meglio il condimento e si amalgama bene con il resto degli ingredienti, inoltre di solito tiene meglio la cottura e tende a “incollarsi” di meno anche se la lasci riposare in frigo. Penne, rigatoni e tortiglioni sono il formato ideale, proprio perché essendo permettono agli alimenti che hai scelto per creare la tua insalata di pasta fredda di infilarsi nella pasta, amalgamandosi alla perfezione.

Immagine

Se vuoi optare per una ricetta che richiede ingredienti tagliati a tocchi più grossi, come pesce spada a cubetti o bocconcini di carne, verdure a pezzi e olive, preferisci un formato di pasta più consistente come fusilli, farfalle e conchiglie.

Per realizzare una pasta fredda insolita, invece, prova a utilizzare i ditalini: generalmente li associo al brodo, ma in realtà si sposano molto bene con ingredienti come tonno in scatola, pomodorini o verdure e ortaggi sott’olio.

Cerca sempre di evitare l’utilizzo di spaghetti, bucatini e tutti i formati lunghi: sono più adatti a raccogliere i sughi che non gli ingredienti inseriti a pezzi e, anche se mantengono la cottura, quando si raffreddano tendono ad attorcigliarsi e appiccicarsi, creando una massa poco adatta alla pasta fredda.

Immagine

Pasta fredda perfetta: non conta solo il formato

Il formato di pasta è sicuramente importante per ottenere un’ottima pasta fredda, ma non è l’unica accortezza che devi avere. La realizzazione ottimale di questa ricetta, richiede anche che la pasta sia di buona qualità e porosa, due caratteristiche importanti per avere una cottura perfetta.

A proposito di cottura, ricorda che l’ideale per la pasta fredda è scolarla quando è ancora al dente, 1 o 2 minuti prima rispetto al tempo di cottura indicato sulla confezione. In questo modo eviterai che si formi troppo amido in superficie, così la pasta sarà meno appiccicosa e anche più digeribile.

Ricordati anche di non raffreddare mai la pasta con l’acqua dopo averla scolata, perché sciacquarla andrà a togliere l’amido rimasto e farà perdere anche sapore. Meglio lasciarla freddare a temperatura ambiente aggiungendo un filo di olio extravergine di oliva e poi metterla in frigo. Ricorda anche di aggiungere il condimento solo quando la pasta sarà completamente fredda.

Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
api url views