ingredienti
  • Per la pizza
  • Farina tipo 0 500 • 349 kcal
  • Lievito di birra 25 • 750 kcal
  • Sale marino 3 cucchiaini • 286 kcal
  • Acqua 250 ml • 750 kcal
  • Olio extravergine di oliva 50 ml • 29 kcal
  • Per le scarole stufate
  • Scarole 2 cespi
  • Aglio 1 spicchio • 79 kcal
  • Olive nere 100 gr • 79 kcal
  • Capperi 30 gr • 25 kcal
  • Pinoli 15 gr • 595 kcal
  • Uvetta 15 gr • 317 kcal
  • Olio extravergine di oliva q.b. • 29 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La pizza di scarola alla napoletana è un rustico farcito che rientra tra i piatti tipici della cucina napoletana. Si prepara tradizionalmente in occasione della Vigilia di Natale e del Capodanno, ma data la sua bontà e la sua versatilità, si può mangiare tutto l'anno. La ricetta originale prevede l'aggiunta di acciughe, pinoli e uvetta, ingredienti che si sposano perfettamente con il gusto amarognolo della scarola, una cugina della cicoria.

Come si prepara la pizza di scarola

Diluite il lievito con l’acqua tiepida (1). Disponete in una ciotola la farina e il sale, mischiate, versate l’acqua con il lievito, aggiungete l’olio (2), ed impastate finché non avrete ottenuto una panetto piuttosto morbido che lavorerete su di una spianatoia (3). Mettete a crescere la pasta in una terrina coperta da un canovaccio umido, per almeno 3 ore.

Prendete i cespi di scarola e tagliatene le estremità (4). Dividetele le foglie, sciacquate per bene e mettetele a bollire in una pentola (5) con un dito d'acqua. Coprite con il coperchio per una decina di minuti, finché non risulteranno ammorbidite. Scolate la scarola e mettetela a soffriggere in padella con l’olio e l’aglio, versatevi poi i capperi dissalati, le olive nere denocciolate, i pinoli e l'uvetta (6).

Fate cuocere per una decina di minuti, lasciate raffreddare e assaggiate, se necessario, aggiungete del sale. Quando la pasta sarà cresciuta, impastate ancora per qualche minuto e dividetela in due porzioni. La parte un po’ più grande vi servirà per la base della pizza, l’altra parte per ricoprirla. Dopo aver fatto riposare i due panetti per un’oretta, stendete con il matterello la pasta e ricoprite la base di una teglia unta d’olio (7). Mettetevi dentro la scarola stufata (8) e copritela con l’altro pezzo di pasta ugualmente steso, sigillando i bordi con l'aiuto di una forchetta (9). Spennellate la superficie della pizza con dell’olio e fate cuocere in forno statico per circa 45 min a 180 gradi. Sfornate quando la superficie vi sembrerà abbastanza dorata.

La pizza con la scarola di Gino Sorbillo

Preparate l'impasto con farina, acqua, lievito e sale e aggiungete un pizzico di margarina e rendetelo omogeneo e liscio. Copritelo con un canovaccio e fatelo lievitare per circa due ore. Dividetelo in due parti uguali e formate due dischi. Prendete un pezzo, rivestite una teglia ricoperta di burro e farcitela al centro con la scarola stufata e rosolata in padella. Coprite con il secondo disco, bucherellate la superficie con una forchetta e spennellatela con l'uovo sbattuto. Fatela lievitare per 4 ore e cuocete la pizza di scarole a 200° per 20 minuti.

Consigli

  • La farina ideale per la pizza di scarola è la "0", contiene più glutine ed è ottima per la panificazione, poiché rende l'impasto più elastico.
  • Potete preparare l'impasto per la pizza anche il giorno prima, lasciandolo lievitare per una notte intera, più lieviterà più sarà digeribile. In questo caso, potrete usare la metà della quantità di lievito previsto nella ricetta.
  • Potete conservare la pizza di scarola per 4 giorni avvolta in un panno umido leggero.
  • Se avete a disposizione lo strutto, usatelo al posto dell'olio (50 gr) nell'impasto ed usatene anche una piccola quantità per  cospargere la superficie della pizza prima di infornarla.

Varianti

Pizza di scarola con pasta sfoglia

La pizza di scarola è buonissima anche se fatta con pasta sfoglia: basterà, infatti, procurarsi due rotoli di pasta sfoglia pronta e disporli su una teglia così come fareste con l'impasto per la pizza. Farcite con la scarola stufata ed infornate a 180° in forno ventilato per 30 minuti. Fate attenzione che il ripieno della vostra pizza non sia troppo umido, perché la sfoglia assorbe molto i liquidi, quindi sgocciolate bene le scarola una volta stufata.

Pizza di scarola con pasta brisée

Preparate la pasta brisée e preparate la pizza di scarola seguendo il procedimento di questa ricetta.

Pizza di scarola con lievito istantaneo

L'impasto della pizza di scarola può essere preparato anche senza lievito di birra ma usando un cucchiaino di lievito istantaneo per torte salate. Seguite il procedimento per fare l'impasto e il ripieno.

Pizza di scarola con provola

Una variante gustosa della pizza di scarola tradizionale è quella che prevede l'aggiunta della provola. La provola si presta ad essere usata nelle pizze farcite perché non rilascia molto latte in cottura e dona un sapore affumicato inconfondibile. Una volta stufata la scarola, e riposta sul fondo della pizza, aggiungete 150 gr di provola affumicata fatta a pezzettini e ricoprite con l'altro strato di pasta per pizza. Se non avete la provola a disposizione potete optare per la scamorza.