ingredienti
  • Per l'impasto
  • Farina tipo 00 600 gr • 750 kcal
  • Acqua 250 gr • 750 kcal
  • Strutto (sugna) 120 gr • 892 kcal
  • Lievito di birra 25 gr • 750 kcal
  • Sale marino 10 gr • 286 kcal
  • Miele 1 cucchiaino • 304 kcal
  • Per il ripieno
  • Salame 150 gr tipo Napoli • 359 kcal
  • Provolone piccante 150 gr
  • Pepe nero q.b. • 79 kcal
  • Cicoli 300 gr
  • Per decorare
  • Uova 4 • 79 kcal
  • Uova 1 tuorlo • 79 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il casatiello napoletano è un lievitato tipico della tradizione pasquale partenopea ed è un pane rustico arricchito con un ripieno di salame, cicoli, provolone piccante, a cui viene aggiunta la sugna e una generosa spolverata di pepe. Ogni famiglia ha la sua tradizione, soprattutto rispetto al ripieno: l'importante è abbondare con formaggi e insaccati, per rendere questo squisito lievitato da forno, ancora più saporito. Caratteristica inconfondibile del casatiello napoletano sono le uova fresche, incastonate nell'impasto a forma di ciambella. La tradizione vuole che il casatiello si prepari il venerdì Santo, per poi essere consumato durante il pic nic di Pasquetta: è infatti ottimo sia tiepido che freddo.

Il nome del casatiello deriva da "caso", che in napoletano significa formaggio L'aspetto, invece, richiama la simbologia della Passione e Resurrezione di Cristo. La forma circolare, simile a una ruota, ricorda la corona di spine mentre, le uova ingabbiate da una croce, rappresentano il simbolo della rinascita. Ecco come prepararlo passo dopo passo.

Come preparare il casatiello

Disponete la farina a fontana su un piano da lavoro e lavoratela con l'acqua tiepida nella quale avrete sciolto il lievito e un pizzico di sale e pepe.  Aggiungete poi lo strutto e lavorate bene l'impasto, fino a quando sarà abbastanza morbido: occorreranno circa 10 minuti. Terminata la lavorazione, date una forma sferica all'impasto e trasferitelo in una ciotola o direttamente sulla spianatoia: lasciate riposare, senza coprirlo, per il tempo che preparerete il ripieno.

Tagliate il salame a fette non troppo sottili e riducetelo a cubetti, tagliate anche il provolone a dadini. Riprendete l'impasto e tenetene da parte un pezzetto, circa 80 gr, che vi servirà per coprire le uova. Appiattite l'impasto con le mani aggiungete i cubetti di salame e formaggio, i cicoli e lavoratelo fino ad incorporare gli ingredienti. Aggiungete un'abbondante spolverata di pepe e impastate per farlo assorbire. Realizzate con l'impasto un filoncino e sistematelo in uno stampo a ciambella da 24 cm di diametro, precedentemente spennellato con la sugna, sigillando bene le due estremità.

Lavate e asciugate le uova e posizionatele in 4 punti ben distanziati con una leggera pressione. Con l'impasto tenuto da parte lavorate 8 pezzetti e realizzate dei filoncini: adagiateli a croce sulle uova, così da sigillarle. Coprite il castiello con un canovaccio pulito e lasciatelo lievitare lontano da correnti d'aria per circa due ore o fino a quando il volume non sarà raddoppiato. Cuocete il casatiello napoletano in forno statico a 170° per circa 75 minuti, posizionandolo nel ripiano più basso del forno. Una volta pronto lasciatelo intiepidire e servitelo subito oppure gustatelo freddo per il pic nic di Pasquetta.

Consigli

Se volete utilizzare meno lievito, circa 1-2 grammi per ogni etto di farina, si allungheranno i tempi di lavorazione: in questo caso utilizzate metà farina 00 e metà farina manitoba. Quest'ultima, infatti, contiene un'alta quantità di glutine e proteine e regge al meglio le lunghe lievitazioni.

Potete appiattire l'impasto anche con l'aiuto del mattarello, in modo da ottenere una forma allungata da arrotolare, dopo l'aggiunta del ripieno.

Se l'impasto dovesse rompersi in qualche punto, mentre lo arrotolate, prelevatene un pezzetto dalla parte finale e sigillate la zona che si è aperta, così che il ripieno non fuoriesca in cottura.

Per il ripieno potete aggiungere anche altri insaccati come prosciutto, pancetta e altri formaggi morbidi, come la scamorza: importante però non utilizzare formaggi freschi o a pasta filata come la mozzarella. Potete inoltre arricchire il ripieno con i ciccioli.

Se volete far crescere l'impasto tutta la notte, riponetelo in frigo e fatelo tornare poi a temperatura ambiente prima di lavorarlo.

Al posto dello strutto potete utilizzare il burro, nella stessa quantità, ma la consistenza potrebbe risultare meno morbida.

La particolarità del casatiello sono le uova fresche posizionate sopra, caratteristica che lo differenzia da un'altra torta rustica tipica della Campania, il tortano, nel quale le uova vengono utilizzate sode, all'interno dell'impasto.

Conservazione

Potete conservare il casatiello a temperatura ambiente fino a 4 giorni ben coperto con pellicola trasparente e in un luogo fresco.

In alternativa potete congelare il casatiello già cotto con tutte le uova: fatelo raffreddare completamente prima di congelarlo.