ricetta

Pane ciabatta: la ricetta per farlo in casa croccante e fragrante

Preparazione: 50 Min
Cottura: 35 Min
Lievitazione: 4 ore circa
Difficoltà: Facile
Dosi per: 6 persone
A cura di Redazione Cucina
206
Immagine
ingredienti
Per 2 filoncini
Farina 00
400 gr
Acqua
320 gr
Sale
8 gr
Lievito di birra fresco
6 gr
Zucchero
8 gr
Immagine

Il pane ciabatta fatto in casa è un filoncino fragrante e genuino, caratterizzato da una croccante crosta esterna e una mollica morbida e molto alveolata: un tipo di pane di origine veneta, che deve il suo nome alla tipica forma lunga e piatta, simile a quella di una ciabatta.

L'impasto della ciabatta ha un'alta percentuale di liquidi, pari o superiore al 70% del peso della farina. Per prepararlo con il metodo casalingo, mescoliamo prima l'acqua tiepida con il lievito di birra fresco e lo zucchero, poi aggiungiamo la farina e il sale. Quindi, pratichiamo tre giri di pieghe e lasciamo lievitare l'impasto fino al raddoppio delle dimensioni. Infine, dividiamo quest'ultimo in due filoni allungati e inforniamo, avendo cura di mettere un pentolino di acqua sul ripiano più basso del forno per i primi 10 minuti di cottura.

Diffusa e apprezzata in tutto il mondo, la ciabatta viene consumata in sostituzione del pane classico, con cui condivide il contenuto calorico medio, per accompagnare secondi di carne o pesce. È ottima anche per realizzare panini, sia dolci che salati, farcita con una crema alla nocciola, della marmellata oppure con salumi, formaggi e verdure.

Come preparare il pane ciabatta fatto in casa

Per preparare il pane ciabatta, inizia sciogliendo lo zucchero e il lievito di birra fresco in una ciotola piccola con l'acqua, che dovrà essere a temperatura ambiente o tiepida per favorire l'attivazione del lievito 1.

Lascia riposare il composto per 10 minuti, poi prendi un’altra ciotola capiente e unisci la farina alla miscela di lievito. Impasta con il cucchiaio di legno e aggiungi il sale: otterrai un composto morbido e umido 2.

Ungi un contenitore dai bordi alti, trasferisci al suo interno l'impasto e lascia riposare quest'ultimo per 30 minuti 3.

Trascorsa la prima mezz'ora, procedi con le prime 4 pieghe, una per ogni lato dell'impasto 4.

Fa' riposare per altri 30 minuti e ripeti il passaggio precedente altre 2 volte, intervallato sempre da mezz'ora di riposo. Una volta fatte tutte le pieghe, copri l'impasto e lascialo lievitare fino al raddoppio delle dimensioni 5. Se non hai a disposizione il lievito di birra fresco, puoi utilizzare 2 grammi di lievito di birra secco: in questo caso, però, i tempi dell'ultima lievitazione potrebbero allungarsi di 1 ora circa.

Trascorso il tempo necessario, infarina l’impasto e dividilo in due, formando due filoncini dalla forma allungata 6. Lascia riposare i due filoni per 15 minuti, coperti con un canovaccio.

Nel frattempo, preriscalda il forno a a 200 °C. Trasferisci le due ciabatte di pane sulla teglia foderata con carta forno e cuocile per 10 minuti a 200 °C, poi a 190° per altri 20/25 minuti 7.

Per renderlo più morbido all'interno, metti un pentolino pieno di acqua calda sul fondo del forno, ma solo per i primi 10 minuti di cottura 8.

Una volta dorato all'esterno, lascia intiepidire i filoncini. Il pane ciabatta è pronto per essere portato in tavola 9.

Consigli

Per rendere il pane ciabatta più leggero e digeribile, puoi preparare un pre impasto fermentato, come il poolish o la biga. Per realizzare il poolish ti basterà amalgamare 100 grammi di acqua, 3 grammi di lievito e 100 grammi di farina presi dal totale, impastare e attendere 2 ore circa che il composto raddoppi. In alternativa, puoi optare per la biga. Quest'ultima, però, presenta l’impasto in uno stato solido mentre il poolish lo presenta liquido: ciò è dovuto a proporzioni di acqua e farina differenti. D'altro canto, il poolish ha un tempo di fermentazione inferiore, rispetto alla biga, e permette una lavorazione più veloce.

Conservazione

Il pane ciabatta si conserva a temperatura ambiente per 3 giorni al massimo, chiuso in un sacchetto di carta. Una volta raffreddato, è possibile tagliarlo a fette e congelarlo già porzionato.

Curiosità: chi ha inventato il pane ciabatta?

Le origini del pane ciabatta si possono ricondurre alla città di Adria, in provincia di Rovigo. Fu qui che Arnaldo Cavallari, figlio di mugnai, insieme a un esperto panificatore, Francesco Favaron, misero a punto il procedimento di questo particolare pane, che registrarono nel 1982 con il nome di "Ciabatta d'Italia".

206
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Ricette
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
206