ricetta

Migliaccio napoletano: la ricetta del dolce campano di Carnevale

Preparazione: 120 Min
Difficoltà: Facile
Dosi per: 6 persone
A cura di Eleonora Tiso
327
Immagine
ingredienti
Latte
500 ml
Acqua
500 ml
Ricotta
300 gr
Zucchero
250 gr
Semolino
200 gr
Uova
4
Burro
40 gr
scorza di arancia e di limone
1
Aroma fiori d’arancio
1 cucchiaino
Vanillina
1 bustina

Il migliaccio napoletano è un dolce tipico della cucina campana, dalle origini molto antiche. Legato alla tradizione contadina, si prepara con pochi e semplici ingredienti come il semolino e la ricotta, per una consistenza finale umida e scioglievole al morso. Insieme al sanguinaccio dolce, alle chiacchiere e ai guanti caleni, i dolcetti fritti casertani, è possibile gustarlo nel periodo di Carnevale, ma anche in occasione della Pasqua.

Originariamente l'ingrediente base era appunto il miglio, cereale da cui si otteneva la farina con cui preparare questa specialità. Oggi si utilizza il semolino, prodotto dalla macinazione della semola di grano duro, che viene cotto dolcemente con latte e burro, quindi mescolato a uova, zucchero e ricotta. L'aggiunta delle scorzette di agrumi regalerà al migliaccio una fragranza avvolgente e irresistibile, che conquisterà grandi e piccini.

Gli ingredienti impiegati per questo dolce sono gli stessi che ritroviamo nel ripieno delle sfogliatelle ricce: per questo motivo il migliaccio, in alcune zone della Campania, è conosciuto anche come "sfogliata". La tradizione contadina medievale prevedeva anche l'aggiunta del sangue di maiale, così come per il sanguinaccio, usanza che si è persa nel tempo.

Potete arricchire il migliaccio con frutta candita o uvetta. Potete profumare il composto con la cannella, la vaniglia, un goccio di limoncello o di liquore all'arancia, per un risultato finale molto aromatico. Se preferite un gusto più deciso, potete sostituire la ricotta vaccina con quella di pecora: per una riuscita ottimale è importante che sia freschissima e di ottima qualità.

Scoprite come realizzare il migliaccio napoletano seguendo passo passo la nostra ricetta.

Come preparare il migliaccio napoletano

In un pentolino mettete a scaldare il latte e l'acqua 1.

Unite la scorza di limone e quella di arancia, senza arrivare al punto di ebollizione 2.

Rimuovete le scorze degli agrumi 3.

Aggiungete poi il burro 4 e mescolate.

Mescolate fino a sciogliere il burro 5.

Versate il semolino a pioggia 6.

Mescolate con una frusta a mano fino a far addensare il composto 7.

Versate il tutto in una pirofila e lasciate raffreddare 8.

In una ciotola rompete le uova e aggiungete lo zucchero 9.

Montate con le fruste elettriche fino a ottenere un composto gonfio e spumoso 10.

Aggiungete la ricotta setacciata 11, la vanillina e l'aroma fiori d'arancio, e continuate a mescolare con le fruste, amalgamando gli ingredienti fino ad avere un composto omogeneo.

Aggiungete il semolino al composto a base di uova e amalgamate il tutto 12.

Verificate la consistenza che dovrà essere liscia e cremosa 13.

Mescolate per bene 14.

Imburrate una teglia da 26 cm di diametro e rivestitela con un foglio di carta forno. Versate il composto all'interno della teglia 15.

Livellate la superficie con una spatola 16. Infornate in forno statico a 200 °C per 1 ora.

Quando la superficie sarà ben colorita, sfornate il migliaccio e lasciatelo raffreddare almeno un paio di ore 17.

Decorate con zucchero a velo 18.

Il vostro migliaccio è pronto per essere gustato 19.

Conservazione

Il migliaccio si conserva a temperatura ambiente per un giorno, in frigorifero per 3-4 giorni coperto da pellicola trasparente. Si sconsiglia la congelazione.

327
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Dolci
Lascia un commento
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
327