agriexperience turista diventa contadino

L'iniziativa promossa dalla piattaforma Agriexperience permette a chiunque di poter diventare agricoltore per un giorno, o qualche ora, vivendo a stretto contatto con la natura, con gli animali, e impegnandosi nelle attività tipiche di questa professione. Una vera e propria immersione nella natura svolgendo i lavori che la vita di campo prevede e richiede: per supportare l'agricoltura sostenibile, fuggire dal caos cittadino e imparare a vivere come un vero contadino, o quasi. Il tutto affiancati e seguiti dai professionisti del settore, da chi questa vita l'ha voluta abbracciare totalmente.

Mungere una mucca, dar da mangiare alle caprette, partecipare alla vendemmia o alla raccolta delle olive: sono solo alcune delle esperienze che si possono vivere con questa innovativa forma di turismo a tinte verdi, immersiva, autenticamente a chilometro zero e a tutela della biodiversità agricola italiana. All'insegna di tutto ciò che ruota attorno alla campagna e alla sua cura.

Negli ultimi anni anche nei giovani si è riscoperta una maggiore consapevolezza del mestiere agricolo, con un ritorno alla terra mosso da una presa di posizione chiara da parte delle nuove generazioni. Per riappropiarsi dei campi, dei suoi frutti e di un modello di vita green e sostenibile che nelle ultime decadi ha rischiato quasi di cadere nel dimenticatoio.

Una filosofia più consapevole che ora si realizza anche nel settore turistico grazie ad Agriexperience, un progetto ideato da un team di persone con una pregressa conoscenza dell'ambito turistico maturata tra Italia, Irlanda e Inghilterra. "L’idea Agriexperience nasce in seguito a un’esperienza di mungitura in un piccolo caseificio alpino – si legge sul sito ufficiale – sfamare una capretta, imparare a mungere e gustare i formaggi direttamente nella struttura, è stata un’esperienza che è valsa l’intera vacanza. Spinti dalla gioia del momento, dalla passione per le nostre piccole eccellenze locali e supportati dalle nostre competenze nel turismo abbiamo deciso di iniziare questa avventura nel 2021 nonostante le difficoltà".

agriexperience turista contadino attività

Turista contadino: le attività di Agriexperience

I prezzi variano dai 25 ai 60 euro e i pacchetti comprendono esperienze di un giorno, o solamente qualche ora, da Nord a Sud Italia. In Piemonte, per esempio, in una fattoria in provincia di Cuneo viene garantita (da luglio a settembre) un'immersione nel mondo delle galline ovaiole, vivendo poi in prima persona la trasformazione in cucina delle prelibatezze della terra e del pollaio. In Lombardia, fino a luglio, si potrà vivere da vicino l'esperienza del pascolo a diretto contatto con un pastore locale che si farà anche "docente" dell'antica arte della mungitura. In Toscana, fino a ottobre, a vengono organizzate attività di pascolo e mungitura in una fattoria di Grosseto, nel cuore della Maremma, oppure in provincia di Firenze e Pistoia. In Calabria, a due passi dal Parco dell'Aspromonte, il turista/contadino a ottobre può essere protagonista della raccolta e la lavorazione delle olive. Esperienze da poter vivere da soli o in compagnia, con amici o la famiglia, rivolte anche ai più piccoli; per far capire loro l'importanza della terra, della sua tutela, e dei prodotti che nascono nei campi.

Un'iniziativa, quella di Agriexperience, volta a rilanciare il turismo locale e di prossimità, quasi un simbolo di rinascita dopo l'emergenza sanitaria che ha colpito tutti nell'ultimo anno e mezzo.

Per scoprire tutte le iniziative