Come usare gli scarti dei porri: idee e ricette sfiziose di riciclo

Cugini di aglio e cipolle, i porri sono un prodotto dal sapore inconfondibile, protagonisti di piatti sfiziosi e nutrienti o utilizzati per arricchire pietanze golose. Ricchi di benefici, i porri possono essere usati nella loro interezza, riducendo al massimo gli sprechi in cucina: oggi vogliamo parlarvi della parte verde dei porri, che solitamente finisce in pattumiera, ma che può essere usata in modi originali e creativi. Ecco alcune idee per usare gli scarti dei porri in ricette golose e originali.

Porri e scarti: come pulirli

Per usare i porri in cucina dovrete eliminare le foglie esterne più dure, senza esagerare, e passarli sotto l'acqua corrente, cercando di farla penetrare fra le varie foglie, per lavare via i residui di terra: una volta fatti asciugare su carta assorbente, potrete procedere alla loro pulizia, evitando di buttare via la parte verde, che riutilizzerete. Naturalmente vi suggeriamo di acquistare sempre porri biologici, o che non siano stati tratta con pesticidi e prodotti chimici, in modo da poterli mangiare interi senza alcun timore.

Come riutilizzare gli scarti dei porri

Una volta usata la parte più chiara e umida, non buttate via la parte verde dei porri, la "coda": potete riutilizzarla in diversi modi. Ecco come fare.

1. Involtini con gli scarti di porri

Per realizzare questa ricetta, dovrete tagliare via la parte verde senza spezzarla, in modo da usarla per avvolgere una farcia. Con la parte finale dei porri, potete infatti creare dei golosi involtini: avvolgete su ogni foglia lasciata intera una fetta di speck, quindi preparate una pastella con farina, sale e acqua frizzante; immergete ogni involtino e friggeteli in olio bollente. In alternativa potete sbollentare le foglie di porro, lasciarle scolare e raffreddare, quindi riempirle con una farcia fresca a base di ricotta o formaggio caprino, sale, erbette aromatiche, scorza di limone e pepe.

2. Salsina ai porri

Con gli scarti dei porri potete realizzare anche una gustosa salsa da presentare come antipasto insieme a verdure crude, crostini, pezzi di focaccia o fette di pane abbrustolite. Per realizzarla tritate il più possibile le foglie di porro e fatele rosolare in un tegame con uno scalogno o una cipolla altrettanto sminuzzati, quindi condite con sale e pepe e sfumate con del vino bianco; aggiungete un po' di acqua e lasciate cuocere a fuoco medio per una decina di minuti o finché l'acqua sarà evaporata del tutto; frullate la crema, fatela raffreddate e portatela in tavola.

3. Frittata al forno

Per realizzare una frittata al forno soffice e gustosa, usate gli scarti dei porri, da soli o con altre verdure come carote, cipolle, cipollotti e sedano. Prima di metterli nella pastella con le uova e versare tutto in pentola, sbollentateli per qualche minuto, o cuoceteli in un tegame con un dito d'acqua.

4. Vellutata di verdure

Una vellutata dal sapore delicato e dolce da gustare calda d'inverno ma anche tiepida d'estate. Per farla mettete gli scarti dei porri in un tegame con dell'olio extravergine d'oliva, insieme a una cipolla e delle carote tagliate a tocchetti; aggiungete una patata in pezzi e fate cuocere con del brodo vegetale per una ventina di minuti; aggiungete del latte vaccino, oppure di cocco per un tocco di dolcezza in più, e fate andare ancora per 5-7 minuti: frullate, condite con un filo d'olio e portate in tavola con dei crostini d'accompagnamento.

5. Fiammiferi fritti

Se volete realizzare un antipasto gustoso e originale, o arricchire il tavolo di un aperitivo, evitate di buttare via gli scarti dei porri e tagliateli a striscioline. Preparate anche una pastella abbastanza liquida con acqua, farina, sale ed erbe aromatiche e tuffatevi dentro le striscioline di porro: friggetele in olio di semi di arachidi ben caldo per pochi secondi. Fate scolare i vostri fiammiferi fritti su carta assorbente e portatevi in tavola accompagnati da una fresca salsa allo yogurt.