18 Febbraio 2020 13:00

Come sostituire il sale in cucina: le alternative naturali

Spezie, alghe, erbe aromatiche e salse: chi lo ha detto che il sale è così necessario in cucina? Molto spesso, per questioni di salute o di gusto, scegliamo di eliminare il sale marino dalle nostre diete: ma come sostituirlo per non rinunciare a piatti saporiti e gustosi? Ecco 9 alternative naturali con cui sostituire il sale.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Cookist
A cura di Rossella Croce
114
Immagine

Alimento apparentemente insostituibile, il sale è il principale insaporitore alimentare, utilizzato in quasi ogni preparazione, dolce e soprattutto salata. Insalate, fritture e soffritti: il sale è sempre presente, ma abusarne può essere molto dannoso per la nostra salute; al contrario, sostituirlo è in realtà possibile senza rinunciare al gusto e alla sapidità dei nostri piatti. La quantità consigliata al giorno è di 5 grammi ma, senza rendercene conto, molto spesso ne assumiamo di più, rischiando aumenti di peso, ritenzione idrica e, nei casi più gravi, problemi cardio-circolatori o di ipertensione. Come sostituirlo allora? Vediamo 8 modi semplici e salutari per preparare piatti gustosi senza avvalerci dell'aiuto del sale.

1. Spezie

Immagine

Curry, cumino, coriandolo e naturalmente il più nostrano peperoncino: le spezie possono essere delle ottime alternative al sale marino per insaporire i vostri piatti e sono anche delle grandi alleate per la nostra salute, visto che spesso contengono preziosi antiossidanti. Le spezie donano non solo sapore, ma anche un profumo inconfondibile ai vostri piatti: perfette per insaporire carni bianche e rosse o ricette a base di verdure. Se non ci credete, provate il nostro pollo al curry.

2. Aglio e cipolla

Immagine

Aglio e cipolla possono essere delle ottime alternative al sale: donano gusto e profumo ai vostri piatti. Basti pensare a quanto una semplice bruschetta al pomodoro acquisti una marcia in più con dell'aglio tritato e un filo di olio extravergine di oliva, o al sapore che una cipolla di Tropea a crudo può aggiungere ad una fresca insalata mista. Da non sottovalutare poi le proprietà benefiche di questi due ingredienti: l'aglio è ottimo contro l'ipertensione, la cipolla è ricca di vitamine e sali minerali. Il risultato: sale addio.

3. Erbe aromatiche

Immagine

Baluardo della tradizione culinaria italiana, le erbe aromatiche sono un alleato fondamentale per chi preferisce non utilizzare il sale ,ma non vuole rinunciare a piatti saporiti e profumati. Libero spazio alla fantasia nell'usare alloro, rosmarino, timo, origano, basilico, maggiorana e prezzemolo: le erbe aromatiche sono praticamente infinite e, se bilanciate nel modo giusto, rendono arrosti e sughi davvero squisiti.

4. Salsa di soia

Immagine

Ingrediente fondamentale nella cucina orientale, la salsa di soia è naturalmente molto sapida perché contiene il 15% di sale: utilizzarla a crudo o in cottura rende risotti, curry e secondi piatti non solo profumati ma anche "salati". Validissima alternativa al sale, la salsa di soia è facilissima da trovare sui banchi dei nostri supermercati e il suo utilizzo sembra non avere alcuna controindicazione: eccezione fatta per il glutammato che a lungo andare può appensantire la nostra digestione.

5. Marinatura

Immagine

Tecnica semplice e allo steso tempo efficace: marinare carne e pesce con olio, aglio, cipolla o spezie prima di metterle in padella è un'ottima soluzione per non usare il sale in cottura. Da non sottovalutare anche il fatto che la marinatura rende gli ingredienti morbidi e succosi, oltre al sapore quindi anche la consistenza del piatto non perderà di fascino.

6. Acciughe, olive e capperi

Immagine

Sembrerà banale ma non lo è: la cucina, per essere saporita e bilanciata, deve essere il risultato di un equilibrio di gusti. In molte ricette la sapidità del sale può essere sostituita da quella di altri ingredienti che risultano "già salati": è il caso di capperi, olive e acciughe che, anche in piccole quantità, possono insaporire i vostri piatti donandogli gusto e profumo. Aggiungetele nella preparazione di sughi, piatti al forno o contorni di verdure: del sale non sentirete affatto la mancanza.

7. Alghe

Immagine

Spirulina, Kombu, Nori, Spirulina: sono solo alcune delle alghe alimentari più conosciute che potete utilizzare per sostituire il sale marino nella vostre ricette. Fresche, essiccate o in polvere, le alghe non sono solo un ottimo insaporitore alimentare, ma anche una vera e propria medicina naturale: fonte di sali minerali, calcio, ferro, proteine e iodio. Hanno tutte un sapore molto deciso che le rende perfette per secondi di carne e pesce e verdure saltate.

8. Lievito alimentare in scaglie

Immagine

Ottimo per condire primi e secondi piatti a base di carne, il lievito alimentare in scaglie non è solo un insaporitore ma anche un'ottima fonte di proteine, ferro, fibre e vitamine del gruppo B. Facile da trovare al supermercato oppure online, per le sue proprietà il lievito alimentare è molto utilizzato nelle diete vegetariane e vegane. Ma occhio a non esagerare: la dose consigliata è di massimo 5 cucchiaini al giorno.

9. Gomasio

Immagine

Una buona alternativa per sostituire in parte il sale è il gomasio: un mix di sesamo tostato e sale marino, con un rapporto di 6:1. Si tratta di un prodotto originario del Giappone ed è particolarmente usato per condire piatti di carne e di pesce. Dove trovare il gomasio? Nei supermercati ormai si trova facilmente, in alternativa puoi trovarlo nei negozi specializzati in intolleranze alimentari ma anche sugli store on line.

Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
114