rubrica
Immagine
Assetati
7 Dicembre 2023 12:30

Come abbinare il tiramisù: il vino perfetto, la birra ideale, il drink da provare

I vini iconici come Marsala e Moscato, le birre Stout che hanno le note di cacao e caffè proprio come il dolce, l'Espresso Martini e l'Irish coffee per finire il pasto. Sono solo alcune idee per godersi il tiramisù al meglio accompagnandolo con un alcolico (da bere responsabilmente).

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Cookist
92
Immagine

Uno dei dolci italiani più iconici di tutti è a base di una bevanda: il tiramisù è il perfetto legame tra il dessert e il caffè. È un fine pasto diffusissimo in tutto lo Stivale e nel mondo: la ricetta originale prevede uno strato di savoiardi inzuppati nel caffè, ricoperto con una crema a base di mascarpone, uova e zucchero. Ma con questo dolce dal sapore così penetrante cosa possiamo bere in accompagnamento? La maggior parte dei sommelier suggerisce il Moscato, uno degli spumanti più dolci e aromatici che ci siano. Noi diciamo che non dobbiamo limitarci al vino: ci possiamo divertire col tiramisù, sia mangiandolo, sia bevendo in sua "compagnia".

Gli abbinamenti tra gli alcolici e il tiramisù

Abbinare il tiramisù ad un alcolico può essere una scelta deliziosa per completare un pasto o per creare un'esperienza gastronomica più ricca. A volte basta un semplice liquore al caffè per intensificare il gusto dell'espresso presente nel tiramisù. Anche i liquori alla vaniglia o quelli cremosi possono essere una buona soluzione. Su tutti potremmo azzardare un Irish coffee per andare sul sicuro.

Assicurati sempre di considerare i gusti personali dei commensali e di adattare l'abbinamento in base alle preferenze di ognuno. Inoltre, puoi anche optare per una presentazione più creativa, come servire il tiramisù in bicchieri piccoli accanto a piccoli bicchierini di liquore per un'esperienza più interattiva.

1. I vini da abbinare al tiramisù

Immagine

Partiamo dal fondo dello dello Stivale e partiamo da vini per eccellenza della tradizione dolciaria italiana: Malvasia e Marsala. Tra l'altro quest'ultimo viene spesso utilizzato come ingrediente aggiuntivo per aromatizzare la crema al mascarpone del tiramisù. Restando in Sicilia suggeriamo anche il passito come il Nero d'Avola, ottimo con la sua dolcezza. A proposito di vini dolci ti suggeriamo il Sangue di Giuda dell’Oltrepò Pavese, simile al Moscato come concetto, ovvero un vino sgrassante, dolce e aromatico, ma più corposo di quest'ultimo. Molti lo preferiscono proprio perché il tiramisù è un dolce bello ciccione.

Con questo dessert in generale funzionano meglio vini dall'alto tenore alcolico come il Sagrantino Passito dell’Umbria o il Primitivo Passito pugliese. Non disdegniamo però due vini simbolo dell'abbinamento "dolciario": il Frascati, che solitamente si abbina ai tarallucci dei Castelli Romani, e il Vin Santo del Chianti, solitamente abbinato ai cantucci. Sono vini corposi e alcolici che si sposano splendidamente al gusto del tiramisù.

2. Le birre da abbinare al tiramisù

Immagine

Il tiramisù è un dolce particolare perché ha delle note amare date da cacao e caffè e forti picchi dolci dati dal mascarpone. Proprio per questo motivo lo possiamo abbinare alla birra: ci sono tanti stili che ricalcano proprio le caratteristiche di questo dessert delizioso. Cominciamo con un'Imperial Stout, una birra scura ad alto contenuto alcolico che presenta una schiuma vellutata, quasi pannosa, e un sapore che ricorda molto quello del cacao amaro. Altre scelte simili e ugualmente consigliate sono le Porter, le Bock e le Brown-Ale. Si tratta di birre meno tostate, con note amare più leggere che si abbinano per assonanza al dolce.

3. I cocktail da abbinare al tiramisù

Immagine

Partiamo da quelli facili: l'Espresso Martini e il Moka Martini. Il primo è un drink dal tenore alcolico importante, il cocktail apripista nell'usare l'espresso italiano come ingrediente principale di un drink di fama mondiale. È un cocktail in cui la presenza della vodka è importante ma si abbina bene al tiramisù perché questo distillato tende alla purezza del gusto quindi il sapore del caffè è predominante. Il Moka Martini come variante low alcol del classico di cui sopra. C'è il liquore al caffè al posto della vodka ed è più dolce perché c'è lo sciroppo di zucchero miscelato col caffè. Ovviamente non dimenticare l'Irish coffee di cui abbiamo parlato prima.

In generale a parte i drink secchi e amari vanno bene tutti gli altri purché siano semplici. I cocktail da abbinare ai dolci devono avere tutti un sapore chiaro, deciso. Non devono contenere più di quattro ingredienti per non prevaricare sul sapore del dessert.

Immagine
A cura di
Leonardo Ciccarelli
Giornalista e critico gastronomico, mi occupo a 360 gradi di pizza e mixology. Datemi una margherita provola&pepe e un buon drink e farete di me l'uomo più felice del mondo. Sono un assaggiatore di cose e per questo, ricordate: sono marezzato, non grasso. N.B. Causo attacchi inconsulti di fame.
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
92