ingredienti
  • Rum chiaro 30 ml
  • Rum scuro 30 ml
  • Apricot Brandy 30 ml
  • Rum Bacardi 30 ml
  • Succo di lime 30 ml
  • Succo di arancia q.b.
  • Granatina q.b.
  • Ciliegie al maraschino q.b.

Lo Zombie cocktail è il più famoso Tiki Drink al mondo, un cocktail esotico dal gusto morbido e dolce, che nasconde un cuore alcolico a base di rum. La sua invenzione risale a quanto pare ad Ernest Raymond Beaumont Gannt, più noto come Donn Beach, un avventuriero americano riconosciuto come padre fondatore della cultura Tiki.

In effetti, sorseggiando questo cocktail si può assaporare il desiderio di viaggio verso terre lontane, esotiche, in particolare verso le isole del Pacifico. Un aroma fruttato squisito, combinato ad una potente miscela di rum, bianco e overproof, un tempo delizia per i viaggiatori, diventato nel corso degli anni un vero e proprio classico. Scopriamo la ricetta dello Zombie cocktail.

Come preparare lo Zombie cocktail

In uno shaker, versate il rum chiaro il rum scuro e l'Apricot Brandy (1). Aggiungete il succo di lime e la granatina.

Shakerate bene per almeno dieci secondi (2), quindi scolate in bicchieri highball con qualche cubetto di ghiaccio spaccato.

Aggiungete poco succo d'arancia e infine il rum Bacardi (3). Mescolate e decorate con una ciliegia al maraschino e una fetta d'arancia a bordo del bicchiere.

Origini

Negli anni lo Zombie è diventato molto di tendenza, soprattutto nei locali che richiamano lo stile Tiki. La ricetta originaria si deve a Don Beach, uomo d'affari americano che negli anni '30, di ritorno da diversi viaggi nei Caraibi, fondò a Los Angeles i Tiki Restaurant & Pubs, ispirati proprio alla cultura esotica.

Qui venivano serviti cocktail a base di rum che divennero ben presto molto amati, anche tra le celebrità di Hollywood. La leggenda racconta che Don Beach inventò il famoso Zombie Cocktail per un cliente che doveva, in teoria, smaltire i postumi di una sbornia prima di un appuntamento di lavoro.

Il gusto vellutato del cocktail nascondeva però una base alcolica molto forte, così l'uomo tornò qualche giorno dopo lamentandosi del cocktail che lo aveva letteralmente trasformato in uno zombie.