ingredienti
  • Tartare di manzo 300 gr
  • Tartufo nero 30 gr
  • Granella di mandorle 30 gr
  • Olio extravergine d’oliva q.b. • 0 kcal
  • Prezzemolo q.b. • 21 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La tartare di manzo, con tartufo e mandorle è un antipasto raffinato ma molto facile da realizzare: una ricetta perfetta per una cena con degli ospiti, o per un buffet in piedi: in questo caso preparatela in mono porzioni, magari direttamente dentro dei cucchiai di ceramica o nelle mini cocotte. In questa versione, abbiamo abbinato alla tartare classica, una pioggia di lamelle sottili di tartufo e delle scaglie di mandorle: una ricetta semplice, ma diretta nel gusto, grazie ai prodotti di grande qualità usati per realizzarla.

Come preparare la tartare di manzo con tartufo e mandorle

Preparate una tartare con 300 grammi di filetto di manzo, seguendo la nostra ricetta: per farla vi occorreranno anche 2 cipollotti, un cucchiaio di senape, un pugnetto di capperi, olio extravergine d'oliva e limone. Una volta mescolati tutti i vostri ingredienti tranne il limone (1), riponete la ciotola in frigo per 20 minuti. Nel frattempo affettate il tartufo nero con la mandolina o con un coltello affilato (2) e tritate il prezzemolo fresco. Preparate le mandorle: se le avete acquistate intere ricavate delle scaglie con un coltello (3); in alternativa potete tritarle grossolanamente. Quando la tartare è ben riposata, aggiungete il limone e preparate delle tartare aiutandovi con un coppapasta, quindi componete il vostro antipasto: su ogni tartare cospargete un'abbondante manciata di lamelle di tartufo, poi le scaglie di mandorle e infine il prezzemolo. Completate il tutto con un filo di olio extravergine d'oliva di alta qualità e servite.

Consigli

Per questa ricetta è fondamentale scegliere carne, ma anche tartufi e mandorle, di alta qualità. Se preferite un condimento più semplice per la tartare, potete farla "alla piemontese", cioè condendo la carne cruda solo con olio, sale e succo di limone. Come nella ricetta, fate attenzione ad aggiungere il succo di limone solo qualche minuto prima di servire il tavola la carne, per evitare che la carne si "cuocia" come se fosse una marinatura. Se invece preferite un sapore più fresco sostituite il succo di limone con del succo di arancia.

Conservazione

Potete comprare la carne per la tartare in anticipo, farla macinare dal macellaio e farvela metterla sottovuoto. In questo modo potrete conservarla in freezer e scongelarla al momento dell’utilizzo. Una volta pronte, le tartare vanno consumate subito.