14 Giugno 2022 15:00

Ritenzione idrica: cosa mangiare e cosa evitare

Gonfiore, pesantezza ed effetto buccia d'arancia: come affrontare la ritenzione idrica, evitarla e combatterla attraverso un'alimentazione sana ed equilibrata.

A cura di Rossella Croce
183
Immagine

La ritenzione idrica è una patologia caratterizzata da un accumulo e una tendenza del corpo a trattenere i liquidi nello spazio extracellulare in alcune zone specifiche, in particolare tra le cosce, i glutei e l'addome. Le cause della ritenzione idrica sono legate a un deficit del drenaggio dei liquidi linfatici, uno squilibrio tra sistema venoso e sistema linfatico, una lenta eliminazione delle tossine che il nostro corpo accumula naturalmente e un disequilibrio tra due sali minerali specifici, il sodio e il potassio. Il patologico accumulo di liquidi è dovuto a un'eccessiva presenza di sodio che, richiamando acqua, comporta un ristagno visibile attraverso il cosiddetto "effetto buccia d'arancia", gonfiore e inestetismi.

Come combattere questa patologia? Senza dubbio uno stile di vita poco sano non aiuta affatto: aldilà di una predisposizione genetica infatti, una vita sedentaria e un'alimentazione scorretta, ricca di sale o di cibi raffinati, possono causare o peggiorare forme di ritenzione; al contrario, fare attività fisica e scegliere alimenti che favoriscono l'eliminazione dei liquidi in eccesso può rivelarsi incredibilmente utile per evitare questa fastidiosa condizione. Si avvicina la prova costume e vuoi combattere la ritenzione idrica? Sentirti meglio con il tuo corpo e ripensare la tua alimentazione? Vuoi sapere cosa mangiare per ridurre la ritenzione idrica, cosa bere o mangiare per drenare ed eliminare i liquidi in eccesso? Ecco tutte le risposte alle tue domande.

Ritenzione idrica: cosa mangiare

Uno stile di vita sano, una buona attività fisica e un'alimentazione attenta e ben bilanciata possono aiutarci a evitare o contrastare la ritenzione idrica e i suoi fastidiosi effetti. Quali alimenti inserire nel nostro piano alimentare, così da averli sempre a disposizione?

  • Frutta: fonte di vitamine e sali minerali, la frutta ha un effetto diuretico e drenante, fondamentale per combattere la ritenzione idrica. In particolare mele, mirtilli, ananas, anguria, pesche e fragole sono ricchi di acqua e ci aiutano a espellere i liquidi in eccesso e restare in forma.
  • Verdura: come la frutta, anche la verdura (cotta o cruda) ha un effetto diuretico e drenante. Quale scegliere? Per combattere la ritenzione idrica, il nostro consiglio è consumare regolarmente lattuga, asparagi, carciofi, cetrioli, carote, cipolle, bietole, spinaci, scarole, finocchi, cicoria, radicchio e pomodori.
  • Cereali integrali: ricchi di fibre e poveri di grassi, i cereali integrali stimolano la naturale attività dell'intestino, sono facilmente digeribili e aiutano la diuresi.
  • Olio extravergine di oliva: un grasso "buono", senza dubbio il miglior condimento, possibilmente a crudo, con cui servire e cucinare i tuoi piatti.
  • Acqua: per favorire il drenaggio dei liquidi in eccesso non c'è niente di più efficace dell'acqua, in grado di stimolare l'azione dei reni e attivare un processo detox, essenziale per evitare la comparsa della ritenzione idrica. Il nostro consiglio è di bere sempre almeno due litri di acqua al giorno, anche se all'inizio ti sembrerà di gonfiarti: il tuo corpo è ancora abituato a trattenere tutti i liquidi. Dopo un po' di tempo, cambierà insieme alla tue abitudini.
Immagine

Ritenzione idrica: cosa evitare

Cosa dovremmo evitare in caso di ritenzione idrica? All'interno della nostra alimentazione quali cibi dovrebbero essere assunti con moderazione o eliminati del tutto? Sappiamo che alcuni alimenti ostacolano o rallentano l'espulsione di tossine e di liquidi in eccesso, favorendo così l'accumulo e quindi la ritenzione idrica. Quali sono? In particolare:

  • Sale: ricco di sodio, il sale può rivelarsi uno dei principali responsabili della ritenzione idrica; è importante quindi ridurne al minimo le quantità nella preparazione dei nostri piatti.
  • Salumi e insaccati: saranno anche buoni e invitanti ma contengono una quantità di grassi e di sale davvero dannosi in caso di accumulo di liquidi e ritenzione.
  • Cibi ricchi di grassi saturi: per evitare effetto "buccia d'arancia" meglio evitare carne rossa e derivati, formaggi troppo stagionati, burro e salse particolarmente elaborate.
  • Caffè: rallenta il processo di drenaggio dei liquidi corporei, meglio assumerlo in piccole quantità.
  • Farine raffinate: se soffri di ritenzione idrica, ti consigliamo di ridurre il consumo di farine bianche e sostituirle con farine integrali e cereali non raffinati.
  • Alcolici: causano gonfiore e ostacolano l'eliminazione di tossine e liquidi in eccesso, in particolare i superalcolici.
  • Zuccheri e bevande zuccherate: come il sale, gli zuccheri causano gonfiore e, in grandi quantità, aumento di peso, condizione perfetta per la comparsa della ritenzione idrica.
Immagine
183
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
183