14 Maggio 2022 11:00

Risparmiare energia ai fornelli: 7 consigli per una cucina più sostenibile ed economica

Per amore dell'ambiente e per alleggerire le nostre bollette, risparmiare gas ed energia in cucina è una buona abitudine che dovremmo imparare a fare nostra. Ecco qualche consiglio per farlo al meglio.

A cura di Rossella Croce
121
Immagine

Con i tempi che corrono e l'incredibile e repentino aumento del costo dell'energia, risparmiare e imparare a non sprecare gas ed energia è un vero e proprio imperativo, un atto necessario non solo per salvaguardare il pianeta, ma anche per alleggerire le nostre bollette e salvare il nostro portafogli. Se è vero che le cause dei rincari spesso non dipendono dalle nostre abitudini è anche vero che ognuno di noi può fare la differenza e, nel proprio piccolo, limitare i consumi e gli sprechi, a partire dalle nostre mura di casa e dalle nostre cucine. Come possiamo risparmiare gas ed energia in cucina, senza rinunciare a pietanze gustose? Ecco trucchi e consigli per farlo, con un occhio agli utensili e un'attenzione alle migliori tecniche di cottura.

1. Cuocere la pasta a fiamma spenta

Immagine

Per gli amanti della pasta, simbolo della nostra tradizione italiana, potrebbe sembrare davvero curioso eppure è possibile cuocere spaghetti, farfalle e rigatoni anche a fiamma spenta, tecnica che permette di risparmiare una buona quantità di gas. Non ci credi? Allora non ti resta che provare la così detta "cottura passiva": appena l'acqua comincia a bollire, butta la pasta, spegni la fiamma, copri con il coperchio e attendi il tempo riportato sulla confezione prima di scolare e servire. Non buttare l'acqua di cottura, può essere riutilizzata in tantissimi modi, dentro e fuori dalla cucina.

2. Cuocere a vapore

Immagine

Cuocere a vapore, con l'aiuto di un cestello, è un ottimo metodo per gustare cibi in modo salutare e risparmiare sulla bolletta del gas. Più che un risparmio in effetti, sarebbe più corretto parlare di un utilizzo furbo del gas perché con il cestello possiamo cuocere più pietanze contemporaneamente: semplicemente del riso o della pasta nella parte inferiore dove l'acqua bolle, carne e pesce nello scompartimento centrale e delle verdure nella parte più alta, praticamente un pasto completo con un solo fornello. Puoi farlo anche senza vaporiera.

3. Prediligere il fornello più piccolo

Immagine

Qualsiasi piano cottura è composto di più fornelli di diverse dimensioni: per risparmiare una buona quantità di gas durante la cottura, ti consigliamo di utilizzare il più possibile il fornello piccolo che, rispetto agli altri, consuma fino al 10% di gas in meno.

4. Usare bene i coperchi

Immagine

Chi è attento al risparmio sa bene che non sprecare inutilmente energia può alleggerire e non di poco il peso della nostra bolletta. Attenzione ai coperchi: in cucina possono davvero aiutarci a risparmiare gas, basta usarli bene e usarli tanto. Una pentola piena d'acqua con il coperchio raggiungerà il bollore in molto meno tempo e anche la cottura in padella sarà più breve. In questo modo non sprecherai meno e consumerai meno gas.

5. Utilizzare il forno

Immagine

Il forno elettrico è un elettrodomestico fondamentale in ogni cucina, può facilmente aiutarci a risparmiare gas e, se usato in modo intelligente, a consumare meno energia possibile. Come? La prima regola è non preriscaldarlo inutilmente troppo tempo prima di cuocere le vostre portate, la seconda è usare in modo furbo le grate al suo interno, preparando più cose contemporaneamente, la terza è non aprirlo spesso quando è in azione così da non disperdere calore. Ultimo trucco: il forno resta caldo per almeno 20 minuti dopo averlo spento, meglio non sprecare quel calore, può aiutarti a riscaldare le tue pietanze.

6. Usare la pentola a pressione

Immagine

La cottura a pressione è uno dei metodi più economici e veloci in cucina. Cucinare con la pentola a pressione, grazie al coperchio ermetico che trattiene il calore e genera la pressione, comporta un risparmio in termini di gas e di tempo e, fatto nel modo giusto, ci permette di portare in tavola tantissime ricette.

7. Prolungare l'ammollo degli ingredienti secchi

Immagine

Ceci, fagioli, fave e cicerchie: i legumi secchi necessitano di lunghi tempi di cottura che, tradotto, significa un maggiore impiego di gas ed energia ma, anche in questo caso, è possibile limitare i nostri consumi. Il trucco? Prolungare i tempi di ammollo: lascia a riposo i legumi per tutta la notte e perfino per 24 ore prima di cucinarli, in questo modo la cottura risulterà più veloce e la tua bolletta più leggera.

121
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
121