ingredienti
  • Salsiccia 300 gr • 43 kcal
  • Asparagi 12 • 45 kcal
  • Riso carnaroli 400 gr • 45 kcal
  • Scamorza affumicata 100 gr
  • Basilico 1 ciuffo • 15 kcal
  • Brodo vegetale q.b. • 43 kcal
  • Cipolla 1/2 • 21 kcal
  • Burro q.b. • 286 kcal
  • Sale q.b. • 21 kcal
  • pepe q.b. • 79 kcal
  • Olio extravergine di oliva q.b. • 21 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il risotto asparagi e salsiccia è un piatto gustoso e invitante, perfetto per la stagione primaverile: gli asparagi esaltano con la loro delicatezza il gusto sapido della salsiccia e insieme diventano il condimento prelibato di un buon risotto cotto al dente. La mantecatura, realizzata con la scamorza affumicata, donerà alla pietanza carattere e una cremosità eccezionale, in piacevolissimo contrasto con le rondelle di asparago fresco messe all'ultimo come decorazione finale. Semplice e veloce, riscuoterà grande successo in famiglia e potrete gustarlo come primo o portata unica in qualunque occasione di convivialità. Scoprite come eseguirlo alla perfezione seguendo passo passo la nostra ricetta.

Come preparare il risotto asparagi e salsiccia

Tritate finemente al coltello la salsiccia (1).

Lavate gli asparagi, mondateli e tagliateli a tocchetti, lasciando intere le punte (2).

Tritate la cipolla e fatela appassire in una padella con un filo di olio; aggiungete la salsiccia (3) e lasciatela rosolare per qualche minuto. Spegnete e tenete da parte.

A parte, fate tostare il riso con una noce di burro (4).

Aggiungete gli asparagi e il brodo vegetale ben caldo (5) e portate a cottura, versando altro brodo man mano che questo viene assorbito.

A metà cottura, unite la salsiccia rosolata e mescolate per bene (6).

Una volta cotto al dente, spegnete e mantecate con la scamorza a dadini e un altro goccino di brodo vegetale caldo (7).

Distribuite il risotto nelle fondine individuali e completate con una macinata di pepe, qualche fogliolina di basilico e delle rondelle sottili di asparago fresco. Portate in tavola e servite ben caldo (8).

Consigli

Si consiglia di utilizzare un riso superfino: dal chicco grosso e allungato, si mantiene perfettamente al dente ed è il più indicato per questo genere di preparazioni. Tra le varietà più famose vi sono il Carnaroli, utilizzato nella nostra ricetta, ma anche l'Arborio, il Roma e il Baldo.

Una volta tostato il riso, abbassate la fiamma e iniziate la cottura vera e propria, aggiungendo poco brodo alla volta, man mano che viene assorbito. Il brodo deve essere tenuto sul fuoco in continua ebollizione: questo metodo permette di mantenere una temperatura di cottura costante. Per questa ricetta il consiglio è di utilizzare un buon brodo vegetale fatto in casa.

Per un risultato ancora più avvolgente, potete cuocere a parte gli asparagi e frullarli con una manciata di frutta secca, un pizzico di sale e di pepe e un filo di olio: otterrete una crema da aggiungere al risotto in cottura; anche in questo caso potete lasciare qualche pezzetto di asparago tagliato più grossolanamente, per avere comunque delle consistenze differenti.

In sostituzione della salsiccia, potete aggiungere la pancetta o il guanciale, tagliato a tocchetti e fatto rosolare in una padella senza aggiungere altri grassi; per una versione vegetariana, invece, potete omettere l'insaccato e sostituirlo con delle mandorle a lamelle, tostate precedentemente in forno o in padella.

Nel caso in cui vi avanzasse una porzione abbondante di risotto, formate delle crocchette, farcitele all'interno con un pezzetto di mozzarella, passatele in una panatura di uova e pangrattato e infine friggetele in olio di semi ben caldo, fino a completa doratura.

Se vi è piaciuta questa ricetta, provate anche il risotto asparagi e stracchino.

Conservazione

Il risotto asparagi e salsiccia si conserva per un paio di giorni in frigorifero, chiuso in un apposito contenitore ermetico.