ingredienti
  • Pollo 1 kg • 110 kcal
  • Latticello 250 ml
  • Paprika dolce q.b. • 305 kcal
  • Farina tipo 00 q.b. • 750 kcal
  • Aglio q.b. • 79 kcal
  • Olio di semi d’arachide q.b. • 690 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il pollo fritto è un piatto classico americano che ormai spopola in tutto il mondo, al punto che sono diverse la catene di fast-food dedicate a questa pietanza aperte anche in Italia. Il pollo fritto nasce con l’arrivo degli scozzesi nel sud degli Stati Uniti, infatti è conosciuto anche come “Southern fried chicken”. A differenza degli inglesi, questa popolazione aveva già l’abitudine di consumare il pollo fritto e non bollito o alla brace come gli inglesi. Anche in alcuni paesi dell’Africa c’era la stessa tradizione di friggere il pollo in olio di palma. Così le donne arrivate negli Stati Uniti come schiave, iniziarono già nei primi anni del 1700 a vendere pollo fritto nelle strade, ma era ancora considerato un lusso, visto il costo della carne. Nelle piantagioni del sud, agli schiavi era consentito di tenere qualche pollo, così questo piatto  continuò ad essere quello delle occasioni speciali, fino al’abolizione della schiavitù, quando si diffuse ben oltre la comunità africana in tutti gli Stati Uniti e poi anche fuori. Scopriamo insieme come avere un pollo fritto all’americana croccante e gustoso e tutte le sue varianti, incluso come alleggerire un po’ le calorie di questo piatto.

Come preparare il pollo fritto

Per la preparazione del pollo fritto all’americana iniziate mischiando la farina con la paprika e l’aglio in polvere. Mettete le ali e le cosce di pollo in una ciotola col latticello, che non è altro che un sottoprodotto ottenuto trasformando la panna in burro ed è molto usato nella cucina anglosassone. Se sul pollo ci sono tracce delle piume, fate un passaggio veloce sulla fiamma per togliere ogni residuo. Inumidite con cura il pollo, quindi passatelo nel mix di farina e spezie avendo cura che la panatura sia uniforme.

Mettete a scaldare l’olio di semi nella friggitrice o, in mancanza, in una pentola da riempire d’olio in modo che ci si possa immergere il pollo. Quando l’olio avrà raggiunto la temperatura di 180°, o quando mettendoci un pizzico di panatura sfrigolerà, aggiungete i pezzi di pollo un po’ per volta e fateli cuocere circa venti minuti, avendo cura di girarli a metà cottura. Una volta cotto, poggiatelo su un foglio di carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso e gustate il pollo fritto americano croccante ancora caldo. Il sale si può aggiungere a fine cottura o nell’impanatura.

Le spezie da usare possono variare a seconda dei gusti: si può usare il curry come un misto di salvia, alloro e origano da mischiare sempre alla farina o anche aggiungere del peperoncino in polvere. Al posto del latticello si può anche usare dello yogurt, mentre è meglio evitare il latte che ha una consistenza diversa. Un altro modo per panare il pollo è metterlo con la farina in un sacchetto da freezer grande e agitare. Se preferite potete anche passare il pollo prima nelle spezie e poi nella farina. Non vi consigliamo di conservare il pollo fritto in frigorifero o congelarlo per consumarlo in un secondo momento.

Varianti

Pollo fritto senza lattosio

Per preparare il pollo fritto senza lattosio bisogna eliminare il latticello. A meno di non trovarne uno senza lattosio, è meglio passare il pollo prima nella farina, poi nell’uovo sbattuto, e poi ancora nella farina per avere una doppia panatura che lo renderà più croccante. Come nella nostra ricetta le spezie possono essere mischiate alla farina o messe sul pollo prima di passarlo nell’uovo. Friggete secondo la ricetta e gustate il pollo fritto senza lattosio ancora caldo.

Petto di pollo fritto con corn flakes

Per la preparazione del pollo fritto con corn flakes, detto anche all’americana, bisogna sbriciolare due cucchiai di corn flakes e mischiarli al pangrattato. Dopo aver pulito e preparato il pollo secondo la nostra ricetta, passatelo prima nella farina, poi nell’uovo sbattuto e infine nel pangrattato. Friggetelo secondo la nostra ricetta e servite caldo accompagnato da salsa barbecue, maionese o ketchup.

Pollo fritto in pastella

Per preparare il pollo fritto in pastella separate gli albumi dai tuorli di due uova. Montate a neve gli albumi e mischiate in una ciotola i tuorli con 150 gr di farina setacciata e 200 ml di latte. Aggiungete gli albumi e continuate a sbattere con la frusta per avere un composto molto schiumoso. Immergete i pezzi di pollo e friggete secondo la nostra ricetta. Servite il polo fritto in pastella ancora caldo.

Petto di pollo fritto

Il pollo fritto in genere si realizza con cosce e ali ma nulla vieta di usare il petto di pollo, da friggere intero con la stessa panatura della nostra ricetta o tagliato a listarelle in lunghezza per un gustoso antipasto o aperitivo.

Pollo fritto con patate

Per la preparazione del pollo fritto con patate procedete alla cottura del pollo secondo la nostra ricetta. Lavate, ma non sbucciate, mezzo chilo di patate di media grandezza e circondate ognuna con la carta di alluminio. Mettetele su una teglia in forno preriscaldato a 200° per circa un’ora e mezza. Intanto fate soffriggere un po’ di pancetta in una padella con l’olio e grattugiate un po’ di formaggio, come il cheddar o il groviera. Una volta pronte le patate, aprite la carta e tagliatele in lunghezza. Inserite nel taglio la pancetta e il formaggio grattato, che si scioglierà col calore delle patate. Servite insieme al pollo fritto e gustate.

Pollo fritto cinese

Il pollo fritto cinese è lievemente diverso dal cugino americano. Per preparare il pollo fritto cinese bisogna far marinare il pollo (petto, coscia o ali) in un mix di cipollotti tritati, salsa di soia, vino, sale, zenzero a fette e zucchero. Preparate una pastella mischiando due uova e la farina come nella nostra variante del pollo fritto in pastella e procedete alla cottura del pollo. Servite il pollo fritto cinese con sale e pepe.

Pollo fritto al limone

pollo-fritto-al-limone-ricetta
in foto: Pollo fritto al limone

Il pollo fritto al limone è un’altra ricetta tipica cinese. Il pollo va fritto con la solita pastella, senza bisogno di macerarlo prima, ma bisogna preparare la salsina al limone. Mischiate un cucchiaio di amido di mais con 200 ml di acqua. Versate il composto in una padella antiaderente e aggiungete 100 ml di vino bianco, il succo di un limone, 2 cucchiaini di zucchero e, infine, un po’ di scorza di limone grattugiata. Accendete il fuoco e girate fin quando la salsina non si sarà addensata a formare una crema. Aggiungete il pollo fritto e lasciate insaporire per qualche minuto sul fuoco. Servite il pollo fritto al limone ancora caldo con una fettina di questo agrume a guarnire il piatto.

Pollo fritto alla toscana

Per preparare il pollo fritto alla toscana bisogna marinare la carne in un’emulsione di olio, prezzemolo tritato, sale e limone per circa due ore prima di passare all’impanatura. Trascorso questo tempo passate i pezzi di pollo prima nell’uovo e poi nel pangrattato, al quale potete mischiare delle spezie, e friggete secondo la nostra ricetta. Il pollo fritto alla toscana è pronto per essere servito. Il pollo fritto alla veneta si prepara allo stesso modo ma con l’aggiunta di una foglia di salvia nell’olio in cui si frigge il pollo. Il pollo fritto alla friulana, invece, si prepara aggiustando la carne di sale e di pepe e poi facendola marinare in succo di limone. Nella panatura al pangrattato si aggiunge del montasio grattugiato.

Pollo fritto alla birra

Per la preparazione del pollo fritto alla birra formate una pastella mischiando questa bevanda fredda alla farina e al sale. Mescolate con cura affinché non si formino grumi. Immergete i pezzi di pollo nella pastella e friggeteli secondo la nostra ricetta.

Pollo fritto alla brasiliana

Per preparare il pollo fritto alla brasiliana la carne deve essere fatta a pezzi piccoli. Ad esempio le cosce devono essere divise in due o tre pezzi. Mettete a marinare il pollo così tagliato per un’oretta con aglio a fettine, sale, succo di limone e pepe. Toglietelo dalla marinatura e friggete in abbondante olio caldo. In Brasile è chiamato anche “frango a passarinho” e viene servito con insalata, con riso e fagioli o anche da solo.

Pollo fritto alla giapponese

Per la preparazione del pollo fritto alla giapponese, detto anche tori karaage, bisogna mettere a marinare per circa un’ora la carne in un mix di salsa di soia, zenzero e aglio. Passate il pollo in un misto di farina e amido di mais e friggete in olio caldo secondo la nostra ricetta. Quando il pollo fritto alla giapponese è pronto, aggiungete polvere di peperoncino e servite con maionese e limone.

Quante calorie ha il pollo fritto?

Il pollo fritto con le sue 250 calorie ogni 100 gr di prodotto e i grassi, molti dei quali saturi, che contiene non è certo l’alimento migliore per chi vuole tenere basso il conto delle calorie. Potete realizzare, però, una ricetta del pollo fritto light cuocendolo in forno. È sufficiente passare i pezzi di pollo prima in un mix di acqua e limone e poi in uno di pangrattato e spezie. Mettetelo su una teglia foderata con carta da forno e cuocete per circa mezz’ora a 200°. Il nostro pollo fritto al forno è pronto per essere gustato ancora caldo.