ricetta

Polipetti affogati: la ricetta del piatto tipico della tradizione napoletana

Preparazione: 40 Min
Cottura: 45 Min
Riposo: 10 Min
Difficoltà: Facile
Dosi per: 4 persone
A cura di Ilaria Cappellacci
13
Immagine
ingredienti
Polipetti (o moscardini)
1 kg
Pomodori pelati
800 gr
Olio extravergine di oliva
6 cucchiai
Aglio
1 spicchio
Vino bianco
1/2 bicchiere
Prezzemolo
q.b.
Peperoncino
q.b.
Sale
q.b.
pepe
q.b.
ti servono inoltre
fette di pane tostato
q.b.

I polipetti affogati, o purptiell affugat, sono un piatto semplice e saporito tipico della cucina partenopea. Una ricetta nata nel Borgo Santa Lucia di Napoli, grazie all’intuizione della comunità di pescatori che un tempo vi risiedeva, ottima da portare in tavola sia come secondo, in accompagnamento a fragranti fette di pane casereccio tostato, sia come antipasto, in piccole cocotte moporzione.

I polipetti, puliti e insaporiti in un fondo di olio, aglio e peperoncino, vengono sfumati con il vino bianco e lasciati “affogare” nella polpa di pomodoro coperti con un coperchio, ovvero fatti cuocere lentamente fino a quando le loro carni risulteranno tenere e scioglievoli in bocca. Il risultato sarà una portata succulenta, a prova di scarpetta finale, da preparare in abbondanza e utilizzare a piacimento per condire un buon risotto o una porzione di spaghetti alla luciana.

Per questa preparazione puoi utilizzare anche i moscardini, meno pregiati dei polipetti ma altrettanto gustosi, l’importante, quale che sia la tua scelta, sarà acquistarli freschissimi: con tentacoli integri e sodi, e un bel colore lucente.

Per una presentazione fedele all’orginale abbiamo servito i polipetti in un tegame di terracotta. L’usanza deriva dall’antica tecnica di pesca, detta “dell’anfora”, utilizzata un tempo dai marinai i quali, durante la notte, ponevano sul fondale dei vasi di terracotta, colmi di pietre bianche, per poi ritrovarli, il giorno dopo, pieni di polpi attratti dal colore dei sassi.

Scopri come preparare i polipetti affogati seguendo passo passo procedimento e consigli. Se ti è piaciuta questa ricetta, prova anche il polpo alla luciana.

Come preparare i polipetti affogati

Sciacqua i polipetti e raccoglili in una ciotola 1.

Con un paio di forbici stacca la testa all'altezza della sacca 2.

Elimina il becco 3 e gli occhi.

Estrai le interiora dalla sacca 4.

Spella la sacca 5.

Man mano che pulisci i polipetti sistemali in una ciotola colma di acqua fredda 6, quindi sciacquali accuratamente sotto l'acqua corrente.

Lascia scolare per bene i molluschi in un colapasta 7.

In una pentola dai bordi alti versa l'olio extravergine di oliva, aggiungi uno spicchio di aglio e un po' di peperoncino tritato 8, e lascia soffriggere dolcemente.

Unisci i polipetti 9.

Lasciali insaporire su fiamma bassa per circa 3 minuti 10.

Versa il vino bianco 11, alza la fiamma e fai sfumare.

Mescola delicatamente con un mestolo di legno 12 e prosegui la cottura per altri 5 minuti.

Aggiungi i pomodori pelati spezzettati 13.

Profuma con il prezzemolo tritato 14.

Aggiusta di sale e di pepe 15.

Mescola ancora 16 per qualche istante.

Copri con un coperchio 17 e lascia cuocere i polipetti a fuoco lento per circa 35 minuti.

Trascorso il tempo di cottura, spegni il fuoco e lascia "affogare" i polipetti nel sugo per altri 10 minuti: al termine i molluschi dovranno risultare teneri, e il sugo denso 18.

Distribuisci quindi i polipetti in un tegame di terracotta, cospargi con altro prezzemolo tritato e servi con delle fette di pane tostato 19.

Consigli

I polipetti saranno pronti quando risulteranno teneri infilzandoli con i rebbi di una forchetta e il sugo sarà denso e per nulla acquoso. Per una riuscita ottimale ti suggeriamo di lasciar riposare i molluschi a fuoco spento, coperti con un coperchio, per almeno 10 minuti: in questo modo si insaporiranno al meglio, senza perdere la loro consistenza.

Per un risultato uniforme scegli possibilmente polipetti della stessa dimensione e peso, ed evita quelli troppo piccoli: restringendosi sul fuoco, rischierebbero di farti “sfigurare” a tavola.

Se desideri al posto dei polipetti freschi puoi utilizzare anche quelli surgelati, avendo però l’accortezza di farli scongelare per bene prima di procedere con la preparazione, per evitare che rilascino troppa acqua in cottura.

Puoi sostituire i pelati con una conserva di pomodorini ciliegino e speziare il piatto con il peperoncino fresco o secco, da aggiungere secondo il gusto personale.

Conservazione

I polipetti affogati si conservano in frigo, chiusi in un contenitore ermetico, per 1-2 giorni massimo.

13
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Ricette
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
13