ricetta

Pici alle briciole: la ricetta del primo piatto tipico della cucina senese

Preparazione: 50 Min
Cottura: 10 Min
Riposo: 30 Min
Difficoltà: Facile
Dosi per: 6 persone
A cura di Raffaella Caucci
92
Immagine
ingredienti
per 600 gr di pici
Farina 0
400 gr
Acqua tiepida
210 ml
Sale
q.b.
per il condimento
pane toscano raffermo
150 gr
Aglio
2 spicchi
Peperoncino
1
Olio extravergine di oliva
q.b.
ti serve inoltre
Farina 0
q.b.

I pici alle briciole, così come quelli all’aglione, tipici della Val di Chiana, sono un primo toscano molto gustoso, originario della città di Siena. Si tratta di un formato tradizionale di pasta fresca, che ricorda nella forma dei grossi spaghettoni dalla consistenza rustica, esaltato in questa ricetta da un condimento semplice e appetitoso a base di pane sciocco sbriciolato, tostato poi in padella con un soffritto di aglio, olio e peperoncino.

Per realizzarli, ti basterà lavorare insieme in una ciotola acqua, farina e un pizzico di sale, senza aggiunta di uova. Una volta ottenuto un composto liscio e omogeneo, si prelevano tanti pezzetti d’impasto, si formano con questi, su un piano di lavoro infarinato, dei cordoncini da circa 1/2 cm di diametro e si tuffano quindi per pochi minuti in acqua bollente leggermente salata. A questo punto non ti rimarrà che scolare la pasta, versarla direttamente nella padella con le briciole di pane croccanti e impiattarla poi subito, calda e fragrante.

Un piatto veloce e dai sapori genuini, appartenente alla cucina povera, perfetto da portare in tavola per il pranzo della domenica in famiglia o in occasione di una cena conviviale tra amici. Per un risultato fedele all’originale, ti consigliamo di utilizzare del pane toscano senza sale: raffermo da qualche giorno ma preferibilmente non troppo duro, così da poterlo spezzettare facilmente con le mani.

Scopri come preparare i pici alle briciole seguendo passo passo procedimento e consigli. Se ti è piaciuta questa ricetta, prova altre specialità tipiche della cucina toscana.

Come preparare i pici alle briciole

Spezzetta il pane con le mani 1 e raccogli le briciole ottenute in una terrina.

Setaccia la farina in una ciotola, quindi aggiungi il sale e versa l'acqua tiepida 2.

Impasta per una decina di minuti con le mani, fino a ottenere un panetto liscio e omogeneo 3; coprilo con un telo e lascialo riposare a temperatura ambiente per una mezz'ora.

Trascorso il tempo, trasferisci l'impasto su un piano di lavoro infarinato e appiattiscilo leggermente con il palmo delle mani 4.

Ritaglia l'impasto 5 in modo da ricavare tanti pezzetti della stessa grammatura.

Modella con ciascun pezzo d'impasto tanti cordoncini da circa 1/2 cm di diametro 6.

In una padella capiente lascia rosolare l'aglio e il peperoncino a pezzetti con un filo generoso d'olio extravergine di oliva 7.

Aggiungi il pane sbriciolato e lascialo tostare, mescolando spesso con un mestolo di legno 8. Lessa quindi i pici in acqua bollente leggermente salata; quando saliranno a galla, scolali, versali nella padella e amalgamali al condimento.

Distribuisci i pici alle briciole su un piatto da portata 9, completa con un filo d'olio a crudo, porta in tavola e servi.

Consigli e varianti

A piacere, puoi servire i pici alle briciole con una spolverizzata di grana o di pecorino grattugiato, oppure puoi arricchirli, per un risultato ancora più sapido e appetitoso, con dei filetti di acciughe stemperati nell'olio piccante, con della pancetta croccante o con una concassé di pomodorini freschi.

Se hai in casa del pane vecchio, troppo duro da sbriciolare con le mani, ti basterà tagliarlo grossolanamente e frullarlo poi nel boccale di un mixer. Se preferisci, puoi utilizzare anche la sola mollica, privata della crosta: l'importante è che la resa finale risulti asciutta e croccante.

Per un risultato più ruvido e poroso, puoi preparare la pasta fresca miscelando la farina 0 con della semola rimacinata di grano duro: considerando però che quest'ultima assorbirà un quantitativo maggiore di acqua. Oppure, per avvantaggiarti con i tempi, puoi utilizzare dei pici già pronti, da tuffare direttamente in acqua bollente.

La pasta fresca può essere conservata in freezer, su un vassoio infarinato, fino a 1-2 mesi.

Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Primi piatti
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
92