Foto di Alberto Zanetti
in foto: Foto di Alberto Zanetti

Niko Romito riapre il suo ristorante 3 Stelle Michelin, il Reale a Castel di Sangro, il prossimo 2 luglio con una grandissima novità, un menu degustazione unico e prezzi scontati: solo 150 euro, un’occasione più unica che rara. A partire dal 2 luglio gli ospiti potranno festeggiare i 20 anni di attività del Reale fino al 2 agosto con 15 portate iconiche del ristorante, che ripercorre la sua storia e mostra ai clienti l’evoluzione della cucina e della filosofia di Niko Romito dal 2000 ad oggi. Dopo aver aperto Spazio a Roma con il delivery adesso è la volta della casa madre insieme alla sorella Cristiana.

Il ventennio dei Romito a Castel di Sangro

Nell’estate del 2000 i fratelli Niko e Cristiana Romito hanno rilevato il ristorante Reale, aperto da Antonio Romito, papà dei due ristoratori a Rivisondoli. Nel 2011 il trasferimento nel monastero cinquecentesco, il Casadonna, attuale sede. Da allora di acqua ne è passata sotto i ponti: le tre Stelle Michelin, il premio del Madrid Fusion, l’inserimento nella World’s 50 Best e numerosissimi altri riconoscimenti che hanno piazzato lo chef ai vertici della gastronomia mondiale.

Brodo di capra, dragoncello e lamponi
in foto: Brodo di capra, dragoncello e lamponi

Per questo motivo la volontà della famiglia è di coinvolgere un pubblico più ampio possibile a cui offrire l’esperienza del ristorante e dell’albergo. Al Gambero Rosso Niko Romito ha infatti spiegato che ci sarà un’alleanza con altre realtà ricettive del territorio, che offriranno agli ospiti del Reale delle condizioni speciali. Fare rete per superare un momento complicato per il turismo e la ristorazione: "Così facciamo anche in modo di poter accoglier giovani che possono approfittare dell’offerta, ma non possono permettersi di dormire a Casadonna" dice il cuoco.

Il menu del Reale da 150 euro

Il menu sarà attivo solo dal 2 luglio al 2 agosto. Il 3 agosto Niko Romito presenterà una carta totalmente inedita e innovativa. Nel mese dedicato al compleanno del ristorante ci saranno piatti iconici come i Ravioli con la ricotta di pecora; il pancotto; il Brodo di capra, dragoncello e pancotto, uno dei pochi piatti in carta da 13 anni. Torna il Piccione fondente e pistacchio così come l’Assoluto di cipolla, parmigiano e zafferano. Altro piatto importantissimo nella storia del cuoco è il PANE, nato nel 2011 e diventato un progetto a sé stante della sperimentazione del cuoco.

Assoluto di cipolle, parmigiano e zafferano tostato
in foto: Assoluto di cipolle, parmigiano e zafferano tostato

Ci sarà anche un altro piatto iconico e generalmente in carta, la Melanzana arrosto e caramello di pesca. Questa portata è stata ideata nel 2010 e si è evoluta ogni anno fino al 2019 quando Niko Romito ha deciso di metterla in panchina per far spazio a nuove incredibili scoperte. Tornerà in campo per questo all star game delle pietanze, un evento che attirerà appassionati da tutta Italia.