ricetta

Melanzane a pullastiello: la ricetta del piatto tipico della cucina napoletana

Preparazione: 40 Min
Difficoltà: Facile
Dosi per: 4 persone
A cura di Redazione Cucina
561
Immagine
ingredienti
Melanzane
400 gr
Provola affumicata
250 gr a fette
Salame Napoli
100 gr a fette
Uova
2
Farina 00
q.b.
Sale fino
q.b.
pepe
q.b.
Olio di semi d’arachide
q.b.

Le melanzane a pullastiello sono un secondo piatto tipico della cucina napoletana, una variante farcita delle classiche melanzane indorate e fritte. Sono conosciute anche come mulignane a libbretta perché tagliate e fette lunghe e ripiegate su se stesse – oppure mulignane in carrozza – forse perché ricordano la mozzarella in carrozza. La preparazione è semplice: le melanzane, una volta tagliate a fettine e leggermente fritte, saranno farcite con provola affumicata e salame, passate nella farina e nell'uovo e fritte di nuovo in olio ben caldo. Non si tratta sicuramente di una ricetta light, data la doppia frittura, ma è una pietanza da provare almeno una volta: sono davvero squisite e conquisteranno tutta la famiglia. Ma ecco come preparare le melanzane e pullastiello dorate e croccanti.

Come preparare le melanzane a pullastiello

Lavate e asciugate le melanzane, eliminate le estremità e tagliatele a fette 1 verticali, oppure orizzontali, di circa 4 millimetri. Friggetele su entrambe i lati in olio di semi ben caldo 2: inseritene poche alla volta. Scolatele 3 e adagiatele su un piatto rivestito con carta da cucina.

Sistematele su un piano di lavoro e farcitele con la provola e il salame a fettine. Richiudetele con un'altra fettina di melanzana come a formare un sandwich. Sbattete le uova in una ciotola con sale e pepe, quindi ripassate le melanzane nella farina4 e poi nell'uovo 5. Friggetele in olio ben caldo poche alla volta fino a doratura. Adagiatele poi su un piatto rivestito con carta assorbente, così da eliminare l'olio in eccesso. Le vostre melanzane a pullastiello sono pronte per essere servite ben calde 6.

Consigli

Nella nostra ricetta abbiamo tagliato le melanzane a fette tonde, ma potete tagliarle anche a fette lunghe, ripiegandole a "libretto" su se stesse, una volta farcite.

Le fettine di salame dovranno essere molto sottili e prive del budello esterno. Potete farcire le melanzane a pullastiello anche con prosciutto e mozzarella, fiordilatte, scamorza o con salumi e formaggi che avete a disposizione.

Per una versione più leggera potete grigliare le melanzane prima di farcirle, oppure cuocerle al forno, invece che friggerle, una volta farcite. Il risultato finale, però, non sarà lo stesso.

Storia

Ma perché si chiamano melanzane "a pullastiello"? Secondo alcuni devono il loro nome a un vecchio ristorante di Napoli chiamato "O Pullastiello", cioè piccolo pollo, dove veniva servito un pollo ruspante di piccole dimensioni cotto alla brace e farcito con provola, salame, uova e pecorino. Da qui sarebbe nata questa squisita pietanza partenopea nota in tutta la Campania e nel Sud Italia.

Conservazione

È preferibile consumare le melanzane a pullastiello subito dopo la preparazione, per gustarle calde e croccanti. Se dovessero avanzare, potete conservarle per un giorno all'interno di un contenitore ermetico: perderanno croccantezza, ma saranno comunque saporite. Riscaldatele al microonde prima di gustarle.

561
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Secondi piatti
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
561